I vampiri di Montescontego

per i miei cari appassionati di vampiri & co…

Italia a colori

montescontegoCi sono vampiri nel Veneto?  Ad aprile del 2014 il prof. Giuseppe Bisetto , esperto di culti religiosi, ha parlato publicamente della supposta esistenza in questa regione di una setta “vampiresca”, ma questo nulla ha a che fare con gli antichi racconti di morti si risvegliano nella notte per andare alla ricerca di vittime.

Si racconta di un paesino nei monti della Lessinia, nel Veneto occidentale, oggi cancellato dalle mappe, o che forse ha cambiato nome, e che un tempo era noto come Montescontego, dove si racconta che agli inizi del settecento un uomo del posto, un certo Zane (o Gianni) Grando, conosciuto in vita come “senza Dio”, gran bestemmiatore e donnaiolo, e che i compaesani chiamavano “strigòn“, dopo la morte avvenuta in modo violento (secondo alcuni perché ucciso dal marito di una delle sue amanti), passati 6 mesi e 6 giorni si fosse risvegliato dalla morte…

View original post 361 altre parole

El mondo roverso

An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com

An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com

La pezo roba per un contadìn veneto ṡe svejarse la matina e trovarse tuto el mondo a remengo. Ŝe brute tante robe, ma questa ṡe la pezo de tute perché el contadìn veneto ghe piase le robe ordinate, che al mercore che segui el sioba, che la rioda movi el caro e tuto funzioni come ga sempre funzionà.

Sti qua ṡera i pensieri de quel poero contadin de nome Zane dito Balota, che un matìn ‘pena svejà, ancora prima de darghe de magnar a le galine, el ga vedesto che nel suo bel campo no ghe ṡera pì le panoce, e al posto de le panoce solo raiṡe che vigniva fora de la tera.

“La raiṡe ga da stare dentro de la tera, no fora!” zigava Zane rabià ma sora tuto diconfondesto…  Ma nol podeva saver che la storia ṡera apena inscominsiada.

Sicome no el capiva cossa ghe ga capitasto al campo, e perché ghe ṡera come una strana luse nel ciel, el cori dal vicino, un veneto de quei con la bandiera de San Marco fòra sempre a missiar con indipendensa, plebissito e paroni a casa nostra, ma inveze  de Gino Brontolon el se trova davanti una fameja de mori che ghe risponde paroe che no se capisse gnente.  Anca se a dire il vero la mujere ṡera massa mejo de la mujer de Gino.

El cori dal prete, ma in te la ciesa el trova un de quei indiani con el turbante e la barbona, quei che te trovi all’ipermercato sabo o domenega con ‘na cariola dei fioi, e inveze del crocifiso strane piture e strane statue.

Alora el entra dal becàro che ṡera so’ grande amico, ma inveze de Toni Scianta el se trova davanti un vedeo vestìo da cristiàn che ghe dimanda “vù tu una bela fetina de veneziàn?”.

Sempre più disperà el cori al bar, ma ai tavoli sentai el vede dei bei mazi de carte trevisane che gioga a briscoa con dei veci, e sbadabam li poza su la toa, e no ghe ocori veder altro per scampar via.

El nostro el scampa a piè fin sulla statale, dove el trova dei tosi del paese, vestidi solo co i boxer e la majeta, che i ferma le machine con dentro le femène e i ghe propone no ve digo cossa mostrando i muscoi e le culate.

Ṡe davero massa per el poero Zane Balota, che el torna pressa a casa, ma la machina ṡe parchegiada con le riode per aria, e alora el tor el tratòr, e via per la strada; per strada però tuti ghe sona, perché i sta de la parte sbajada, tuti a sinistra inveze che a destra, propio come gli inglesi.

Zane però el ga la testa dura, no ghe importa gnente, se meti anca eo a guidar de la parte sbajada, e via con el trator destinassiòn Monte Berico, perché solo la Madona poe salvar el Mondo.

Ghe voe el suo tempo, perché el tratòr ṡe sì de la Lamborghini ma con tre tonelate de peso no el pol miga corer come la spider,  ma a la fine Zane el riva a Monte Berico, el scendi dal tratòr e via in te la ciesa a pregar la Madona che la rimete el mondo drito.

“Madre di Dio, te sè che no so miga un omo santo, con la Amelia ghemo fato brute robe ma jerimo zoveni e de la quela  volta mi almeno gò sempre rispetà me’ mujer, a caccia no vado pì che son vecio ma no so gnanca se ṡe pecato come dise me nevoda, e lo so anca che ogni tanto porcono ma sempre con ri-spe-to!  Mi però son devoto a la Madona e a tuti i santi, vado a messa e in cimitero al giorno dei morti, te prego alora fame ‘sta grasia: volta de novo el mondo drìto che son desperà, sora de tuto per le panoce che sto anno le jera belisime!”

Uscido de la ciesa el vedi subito che in ciel qualcosa sta cambiando, e solo ‘deso el vede che al posto del sol ghe jera una luna massa granda e massa luminosa, che però la va drìo tramontare e vien su el sol, come che doverìa eser.  Tuto se spiega: con la luna al posto del sol ecco perché el mondo jera andà a roverso!

Contento come na Pasqua Zane torna casa con el tratòr, e no ghe importa niente che la zente drìo ghe sona perché el va piàn.  Tuti  guida de la parte giusta, ‘deso, su la statale ṡe el solito via vai e gnente manzoti in boxer, fòra del bar i soliti veci che gioga a briscoa o a tresette, e nel suo bel campo le panoce bee bionde le splendi magnifiche.

Zane sempre pì contento el entra in casa, e el ciama la mujer, ma nisuni risponde.  La scominsia a zercar, ma rivà in cusina el se trova visavì quea tosa belisima de la tivù che la fa anche la fotomodea, meza nuda come sempre e petinada come che la dovesi andar a un matrimonio.

“Cossa la fa qua, ea? Non sarà miga scherzi a parte?” ghe chiede Zane sospetoso, ma la tosa se vedi che no la ga capìo, e ‘lora ghe lo ripeti in ‘talian, e quea ‘lora, con el suo acento foresto:

“Mi scusi, non so come, ma stamattina ero con il mio fidanzato nel nostro  appartamento in centro, e all’improvviso mi sono ritrovata qui, è terribile, lo smartphone non prende e continua a scrivere di inserire il gettone… ma cos’è un gettone?  Oh mio Dio!”.

Zane ghe pasa subito una coverta che no la toi fredo, ghe ofri un cafè e do’ biscoti, el tira via el celophan e la fa sentàr sul divano in sogiorno, e intanto continua a zercar sua mujer, ma no la trova da nisuna parte.

Co el torna la tosa ghe chiede “A me pare quasi che il mio mondo sia andato tutto a rovescio, tutto capovolto, non capisco… non ha idea di cosa si può fare per rimettere le cose a posto”.

Zane la varda, la varda ben, e dopo gaverghe un poco pensato ghe dise:

“Me piasese darghe una mano, signorina, ma sinceramente no ho propio idea di cossa che bisogna fare per rimettere il mondo diritto”.

La morale della storia ṡe che quando al mondo va per roverso, dipendi sempre da che punto te lo guardi.

Glossario

becàro: macellaio

manzotto: bel manzo, in senso metaforico: bel giovine

mercore: mercoledì

panocia: pannocchia

raiṡe: radici

remengo: malora, rovina

roverso: rovescio

sioba: giovedì

toa: tavola

vedeo: vitello

visavì: di fronte, dal francese vis-a-vie

El Re dei sorzi

The mouse king by Bombadile on deviantart.comilePochi cristiani lo sa, ma esisti anca un Re dei sorzi, anzi pì de uno, come che ve dirò.

El Re dei sorzi ṡe rispetà e obedìo da tuti i sorzi, e anca le pantegane riconosse la su’ autorità; ṡe eo che decide tute le robe che conta par i sorzi, e anca el decidi su le gran litigade.

I sorzi ṡe bestie democratiche, co’ mori un Re i se riunisse tuti insieme de una parte granda bastante, e i se ne cata un altro.  De prinzipio, co’ i sorzi no ṡera massa come ‘desso, ṡera facile che tuti i sorzi del mondo se riuniva dove capitava per sejerse el Re, ma ogi ṡe quasi imposibile, e questo ṡe el motivo per cui ghe ṡe tanti Re dei sorzi.  Me spiego: i sorzi veneti i ga un Re, quei da Milàn un altro, quei de Roma (che i ṡe massa tanti) el suo, i sorzi della bassa un altro ancora, e via disendo, solo che ognidun de ‘sti Re credi de eser el Re de tuti i sorzi del mondo, qualchedùn dise anche de el universo.  Ma no ṡe  miga vero però.

De le altre parti no saverìa, ma in Veneto la roba funsiona cussì; la volta che mòri un Re tuti i sorzi veneti i se mete d’acordo e a mezanote prezisa i fa una grande riunìon con tanti de quei sorzi che no podè manco imaginar (e per fortuna de voartri).

 No ghe ṡe solo sorzi, ghe vien anche qualche altra bestia, e tra tute le pantegane, che sta drìo al servissio d’ordine, e una delegassiòn de’ torresani.  I torresani ṡe ‘sai amici dei sorzi, pero ocori star ‘tenti, ché a i torresani no ghe piase massa eser diti “sorzi co le ali” perché lori se considera pì dei cocai più pici, anche se i cocai no ghe piase ‘sta roba esendo un poco razisti co i altri osei.

A ogni modo, ṡe el popolo dei sorzi che decide el nome del suo Re, in questa maniera: el più vecio de tuti i sorzi presenti se fa avanti, e el dise una letera, metemo la “M”; ‘lora riva el secondo più vecio e dise una seconda letera, metemo la  “E”, e cussì vìa; se un sorzo dopo l’altro e una letera dopo l’altra viene fora nome e soranome de un sorzo (i ga tuti dei soranomi, de solito), quel deventa Re.  Se inveze vien fora una roba senza senso, ‘lora se continua co i sorzi meno veci, fino a che non vien fora un nome giusto.  Per far un esempio, se viene fora, metemo MENEGO SCIOPETA, e ghe  ṡe  un sorzo ciamado e dito cussì, el deventa re; se inveze viene  fora MENEGTXQ, se ricomincia con el giro, ma quei che ga votà no i poe pì.

In bona sostanza, per deventar Re dei sorzi, ocori che un quindese sorzi ciamadi de seguito i sii d’acordo su el nome, e se no se ricominsia da capo.  Miga bagoi la politica dei sorzi!

Un ano i sorzi no se meteva proprio d’acordo, e che vignida sempre fora nomi strambi, perché ghe ṡera come tre partiti rabiadi tra lori, e meno male che ghe ṡera  el servissio d’ordine de le pantegane con cui no ghe piase a nisuni scherzar, se no i sorzi i se meteva le zate indoso.  Bòn, forza che i sorzi ciamadi un drìo l’altro i tirava fora letere baràte solo perché no vegnissi fora el nome de el grupo de quei altri, vien fòra MYGGHKLJA.

Un sorzeto se alza su e dise “scominsiemo de novo” quando che de el fondo un sorzo cori avanti, con la zata alzada.  Tuti lo varda e i se dimanda: “ma eo chi ṡeo?”.

El sorzo el se fa avanti e el se presenta: me ciamo Mygghklja, son un sorzo de la Moldavia vignùo qua sora de un tir, ma vivo qua de dodese anni.  “Te se ciami Mygghlkja par vero?” i ghe domanda, e quel giura e spergiura de sì, e no ghe ṡe gnanca bisogno de far el giro per el soranome perché altri Mygghklia non ghe ṡe.

E cussì el sorzo Mygghklja el ga divenesto Re dei sorzi, anca che girava ‘na vose che el suo vero nome ṡera Nicolae Morlaccòn de Cioza, e la unica roba vera de la sua storia ṡera che el ṡera un sorzo rumeno de parte de mare.

Quale che fusse la verità, el bon Mygghklja ga tignudo la corona per poco tempo, perchè un dì che el caminava beato con el suo beo mantèo roso un gato se lo ga catà, e de eo nisuni gà più savesto niente.

La morale de la storia ṡe che te poe anca tor per el naso domila sorzi, ma prìa o poi el fato in forma de gato te fa pagar el conto.

Glossario:

Baràto: guasto

Cocai: gabbiani

Pantegane: ratti

Sorzo: topo

Torresani: colombi

Zata: zampa

La fiaba di Zenere e Ontola

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Ghe ṡera na volta do fradei, ciamadi Zenere e Ontola; dire il vero, i gaveva altri do’ nomi, che ‘desso nisuni ricorda, perché tuti i ciamava Zenere e Ontola.

I ṡera do fureghini, rossi de cavei, fioi de do venderigoi de strafanissi al mercà, anca se le malelingue i diseva che i iera fioi de el caleghér che ghe ṡera na volta al paese che tuti saveva ghe piaseva le femene e che poi el gà dovù scampar per via dei altri omeni rabiaì che lo voleva bastonàr, e i gavessi anca gavùo rasòn.

I do’ tosi gaveva un sogno: andar via del paese a far i siori in cità, ma per far i siòri ghe ocore i schei e Zenere e Ontola no ne gavea massa, e cussì i andava in cerca de le aventure più strambe, ma ghe andava sempre mal fino a che un giorno no ghe nassi una idea pezo de le altre.

Poco fòra del paese che ṡera un capiteo col su Santo, e i do tosi  scominsia a contàrghe a la gente che el Santo  ghe ga parlà.  Prima ghe lo conta a uni, poi a un altro, come de scondòn, e la storia gira.  El Santo del capiteo i lo senti solo lori, ma pian pian tuti comincia a crederghe che el Santo ghe parla veramente  perché Zenere e Ontola, poareti, i ṡe poveri di spirito, come predica el prete la domenega.

El prete al principio no ne voeva sentir parlar, però per no saver né leger né scriver el stava zito e bòn a vardar le vecie corèr ogni giorno al capiteo.

I do’ tosi, che tuto i iera fora che moni, prima ghe contava a la gente le storie che i voeva sentìr, che el Santo diseva de volerse tuti ben o che i morti i stava tuti sistemadi a parte quel maledìo de Nane che nisuni lo soportava nianca da vivo, e le vecie tute contente i li stava a sentìr.

Una  volta che la gente li ciapava sul serio, Zenere e Ontola ghe scominsia a contar a tuti che el Santo ga dito che se devi pensar ai poeri, e ecoli tuti drìo a tirar fòra schei perché lo gavea dito el Santo del capiteo.   Zenere e Ontola ghe gaveva anche dito a la gente che se i voeva,  i soldi per le oferte intanto li podeva tignir lori, ma inveze se li meteva in scarsea.

El prete alora, che iera bòn do volte ma no tre, el scominsià a rabiarse, ma i do’ tosi ghe fa una oferta personale a la Ciesa, che lo gaveva ordinà el Santo, e alora de colpo  tuto andava ben anche per el prete.

Zenere e Ontola i jera drìo a contar in giro che con tuti i schei de le oferte i gaverìa costruìo una casa per i poeri, e tuti diseva ma che boni ‘sti tosi.

Solo che un mercore come i altri che le solite vecie andava al capiteo, i do’ tosi no ghe iera pì.  Tuti a chiederse dove che jera Zenere e Ontola, le male lingue scominsiava anche a parlar mal, fino a che sabo sul capiteo no se vede un carteo, con su scrito che i do tosi se stai ciamai diretamente in Paradiso, ma sicome i angeli ga visto la  gente preocupada i se salidi zò a tacar sto carteo.

El prete inveze de rabiarse disi che per lù ṡe tuto vero e che i do poveri tosi ormai i iera stai assunti in cielo, anche se la gente cativa dise che e giorno prima el gaveva trovà una bela oferta su l’altar.

De sicuro Zenere e Ontola in Paese no li ga visti più nisuni, e nisun ga gnanca mai trovà i schei per i poveri.

Solita gente cativa dise che una volta andando in cità i ga visti vestidi come i siori passar in corso, ma se sa come se fata la gente cativa: i vedi sempre brute robe perché i ṡe bruti lori.

La morale della storia ṡe che la gente cativa va sicuro all’inferno, e chi che fa del bèn finissi dritto in paradiso, solo che ghe ṡe anche quei che il paradiso i se lo costruissi su misura.

L’integrità dei peluche

Cartellomistica n. 5.

L’altro giorno, mentre ero andato ad acquistare le provviste per i felini di casa, mi sono imbattuto in questo cartello, all’interno di un grande esercizio commerciale che vende un po’ di tutto, qui dove abito io.

Il cartello mi ha colpito, non tanto per il messaggio, quanto per la grafica e ancor di più per  il testo e soprattutto per quella parola, integrità, che accoppiata ai peluche mi ha fatto davvero sorridere.

Per l’integrità dei giocattoli e peluche NON è possibile lasciare giocare i bambini in questo spazio

Ovviamente non ho nulla contro i candidi peluche e la loro incolumità, che mi sta a cuore come ai responsabili di quel negozio (nessuno tocchi i peluche!), e non ho motivo di dubitare che un bambino giuocando possa danneggiare i balocchi e gli orsacchiotti con cui un altro dopo di lui potrebbe dilettarsi.

Mi ha colpito però che l’autrice (perché credo sia una donna) di quel cartello abbia usato una parola così umanizzante per i morbidi coniglietti e orsacchiotti di peluche, che più che a fare pensare al loro essere indenne da vizi e danni mi fa pensare alla loro integrità morale, alla loro incorruttibilità, alla loro capacità di non cedere alle tentazioni.  Un peluche integro che non cede al peccato e ai vizi di questo mondo.  Lontano da lui il bimbo tentatore!

Secondo me dietro quel cartello c’è una mano femminile.

Probabilmente, una delle commesse di quel negozio, curiosamente tutte un po’ simili nel loro essere giovani brave ragazze venete, tutte gentili, tutte un po’ carine (né troppo nè troppo poco,  il giusto) e con il viso pulito. Il genere di ragazze con i capelli lisci, la coda e gli occhiali, che magari il venerdì sera va in discoteca con la compagnia ma la domenica (o il sabato-pomeriggio-così-il-giorno-dopo-non-si-deve-alzare-presto) va regolarmente a messa insieme ai genitori.

Il genere di ragazze che dice frasi fatte come de gustibus, che chiama il ragazzo mio moroso e che andrà ad abitarci insieme in una casa nuova  (ma perché i giovani oggi non comprano mai case di seconda mano?) uscendo direttamente da casa dei genitori.

Le ragazze così sono diverse da me ma non mi sono antipatiche, anzi, fanno parte dell’habitat in cui comunque alla fine ho deciso di restare (e allora vuol dire che forse un po’ mi piace), però forse le commesse di quel negozio dovrebbero pensare che anche i peluche, che magari aspetteranno un bel po’ prima di essere comprati e spupazzati, hanno diritto alla loro dose di divertimento, e pazienza se perderanno un po’ della loro integrità…

Saluti romani

Natale è passato, e con la fine del Natale finisce anche il periodo di buonismo obbligatorio.

Possiamo tornare cattivi.

E allora è il momento di tornare sul tema Roma, sia perché Roma, che lo voglia o no (e non lo vorrei) è comunque sempre una delle mie possibili Opzioni di vita, sia per dare finalmente un’adeguata risposta ad alcune argomentazioni che aveva sollevato Cavaliere errante, quando avevo parlato dei gravi disagi che affliggono questa città, in cima ai quali metto il traffico e i problemi di circolazione, che tra l’altro vanno anche a influire sulle dinamiche del mercato immobiliare (visto che abitare vicino al centro è condizione essenziale per una buona qualità di vita).

Cavaliere errante, che difende la sua città come io mai farei con la mia (che sono il primo a criticare), se l’era presa con il fatto che addebitavo ai romani di essere assuefatti a disagi che in altre città porterebbero alla rivolta popolare.

Anzitutto Cavaliere mi citava la graduatoria delle Città Ideali italiane, nella quale Roma figurava al 75° posto.  Non so quanto siano attendibili queste classifiche,  perché ognuna di quelle che ho trovato mi dava risultati diversi, però in tutte quante Milano è sempre posizionata meglio di Roma; tra l’altro in una di queste Trieste è nella top ten (al 4° posto), mentre Vicenza e Venezia stanno anche sotto Roma. La mia esperienza personale è molto diversa.

Cavaliere comunque da’ anche qualche giustificazione dei problemi romani, tra cui il fatto che Roma ha 3 milioni di abitanti, il Vaticano e tutte le istituzioni repubblicane.

In realtà però non si dovrebbe guardare al numero degli abitanti dei comuni (di Roma o Milano), ma all’area metropolitana che per le principali città non certo è limitata ai confini comunali. E allora i dati si ribaltano, perché secondo gli studi più autorevoli l’area metropolitana romana è addirittura terza in Italia dopo Milano e Napoli, e la ricerca che attribuisce all’area di Roma 3 milioni di abitanti ne conta più di sei milioni per Milano, che per tutte le ricerche è indubbiamente la prima metropoli italiana per popolazione ed estensione.

Eppure a Milano i trasporti funzionano benissimo, sia quelli pubblici che la viabilità stradale, e lo dico per esperienza personale.

Certo, Roma ha i ministeri e il Vaticano, ma non penso che questo costituirebbe un problema se  ci fossero 10 linee della metropolitana e quattro corsie sul raccordo anulare.

L’altra volta avevo scritto che forse i romani si sono rassegnati a questa situazione, ora voglio provare a riflettere sulle possibili soluzioni. Una potrebbe essere proprio quella di spostare da Roma le sedi ministeriali, che si potrebbero trasferire in qualche amena cittadina del Lazio, dove lo spazio non manca, io suggerirei Sabaudia che è un bel posto, anche sul mare, e ha già una bella impronta ministeriale.

I recenti episodi di parentopoli però mi hanno fatto venire in mente un’altra soluzione; se fosse vero che alcuni dei dipendenti dell’ATAC, l’azienda dei trasporti locale, sono stati assunti perché raccomandati, e messi (suppongo sulla base di quello che ho letto) a fare gli impiegati o i dirigenti, si potrebbero risolvere i problemi del trasporto locale che sono tanti e gravi proprio mettendo tutti costoro a lavorare, ma non dietro una scrivania, bensì sulla strada, a seconda della qualifica e del titolo di studio naturalmente…

In fondo Roma ha o non ha bisogno di autisti, bigliettai, addetti alla sicurezza? E gli ex estremisti di destra in particolare li vedrei molto bene in quest’ultimo ruolo, con una bella divisa da duri magari sarebbero pure contenti…

Gli autobus in giro anche il primo maggio e la metropolitana che va avanti fino all’una di notte, come in tutte le città normali, non sarebbe bellissimo?

Anche i raccomandati dell’AMA (l’azienda dei rifiuti) potrebbero essere validamente riciclati come addetti alla pulizie,  e se avanza personale lo si potrebbe mandare ad aiutare chi dovrebbe portare avanti i lavori di adeguamento dello snodo  escheriano tra le due linee della metro alla stazione Termini (sarà sfortuna, ma non sono mai riuscito a vederci un operaio al lavoro).

E così siamo tutti contenti.

Viaggiatori ferroviari surgelati alla fermata del treno

Ieri era la giornata internazionale dei migranti.

Ieri sera, passate da un bel po’ le 22, cercavo di ripararmi dal freddo dentro un gabbiotto sulla banchina del binario 4 della Stazione di Verona, in attesa che arrivasse il regionale da Milano, che alla fine è arrivato con 30 minuti di ritardo.

A quell’ora avrei dovuto essere già a casa mia, visto che il mio Eurostar Freccia d’Argento, per cui avevo pagato più o meno il prezzo del biglietto per un volo Ryan air, avrebbe dovuto portarmi a Verona in tempo per prendere la coincidenza da Milano.  E invece la nuova meraviglia delle ferrovie italiane è arrivata con ben 40 minuti di ritardo, facendomi perdere la coincidenza.  Poco male, ho pensato, dopo c’è il regionale delle 22.18, che però era in ritardo pure quello.

Certo, c’era brutto tempo.   E allora?   Siamo in Italia, mica a Rio de Janeiro, come sottolineava la star del gabbiotto in cui ci siamo ritrovati noi disperati che dovevamo prendere quel treno in direzione Venezia.   Dall’accento quella signora dall’età indefinita probabilmente era brasiliana, e con le sue parole che esprimevano l’opinione di tutti nei confronti della dirigenza di Trenitalia, almeno ci ha fatto passare un po’ di tempo nonostante il freddo e la rabbia.

Ha fatto sorridere me, con il trolley, la valigetta da professionista e il computer portatile; ha fatto sorridere la ragazza vicentina orgogliosa nella sua uniforme da alpina; ha fatto sorridere le ragazze africane che in questo tipico scorcio di umanità da Veneto del terzo millennio rappresentavano la maggioranza relativa del popolo del gabbiotto; ha fatto sorridere la ragazza russa dai capelli di paglia che parlava con lei, ha fatto sorridere qualche autoctono e anche quel tipo dall’aspetto indefinito che avrebbe potuto essere indiano, bengalese o forse rom.

L’unico a non ridere era un siciliano, che forse ci teneva a rimanere nello stereotipo del meridionale serioso.   Distante anni luce da quello spirito di sarcasmo un po’ cinico che caratterizza lo spirito veneto, sia degli indigeni che di questi nuovi veneti che vengono da tutte le parti del mondo e che certe volte ti da l’impressione di vivere a Brooklyn, e non in mezzo alla provincia più provincia d’Italia.