Affreschi · Leggende · Storie e racconti

Venethenge

E’ vero che quando già Roma era una città con templi e palazzi nel Veneto si viveva in capanne di pietra e paglia?

Un sito storico tra i monti lessini, nel veronese, sembra dimostrare il contrario.

Pochi sanno infatti che in Lessinia, e precisamente nel territorio del comune di Velo Veronese, frazione di Camposilvano, esiste una piccola valle misteriosa quanto affascinante, che i locali conoscono con il nome di Valle delle Sfingi, e che merita senz’altro la visita.

All-focus

Il luogo è avvolto da un’atmosfera magica, e pare testimone di un antico passato, di prima della conquista romana del Veneto, in cui gli antichi Venetkens costruirono in questo luogo un imponente costruzione di pietra, che forse era un forte militare, ma più probabilmente un complesso templare dedicato alla Dea Reitia, di cui oggi grazie alla più avanzata computer grafica è possibile ricostruire il possibile profilo:

Venethenge

Certo, la scienza ufficiale alla Alberto Angela e padre ci  verrà a dire che non è vero nulla, che le “sfingi” non sono le rovine di una Stonehenge del Veneto ma formazioni create da fenomeni di erosione naturale tipo carsico, ma  chi invece crede nell’archeologia alternativa e immaginifica e nella trimillenaria storia del popolo veneto magari pensa a una ricostruzione diversa, dove antiche popolazioni di Veneti arrivate chissà da dove, forse dalla lontana Paflagonia come raccontava il mito, realizzarono templi e costruzioni che nulla avevano da invidiare alle altre cività loro contemporanee, come gli Egiziani o i Greci…

A noi piace immaginare che in questo luogo mistico e misterioso lo spirito  della  dea madre Reitia ancora dimori vegliando sui discendenti del suo popolo.

IMG_20190816_165002.jpg

Leggende · Storia

I vampiri di Montescontego

per i miei cari appassionati di vampiri & co…

Italia a colori

montescontegoCi sono vampiri nel Veneto?  Ad aprile del 2014 il prof. Giuseppe Bisetto , esperto di culti religiosi, ha parlato publicamente della supposta esistenza in questa regione di una setta “vampiresca”, ma questo nulla ha a che fare con gli antichi racconti di morti si risvegliano nella notte per andare alla ricerca di vittime.

Si racconta di un paesino nei monti della Lessinia, nel Veneto occidentale, oggi cancellato dalle mappe, o che forse ha cambiato nome, e che un tempo era noto come Montescontego, dove si racconta che agli inizi del settecento un uomo del posto, un certo Zane (o Gianni) Grando, conosciuto in vita come “senza Dio”, gran bestemmiatore e donnaiolo, e che i compaesani chiamavano “strigòn“, dopo la morte avvenuta in modo violento (secondo alcuni perché ucciso dal marito di una delle sue amanti), passati 6 mesi e 6 giorni si fosse risvegliato dalla morte…

View original post 361 altre parole

Affreschi · Storie e racconti

El mondo roverso

An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com
An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com

La pezo roba per un contadìn veneto ṡe svejarse la matina e trovarse tuto el mondo a remengo. Ŝe brute tante robe, ma questa ṡe la pezo de tute perché el contadìn veneto ghe piase le robe ordinate, che al mercore che segui el sioba, che la rioda movi el caro e tuto funzioni come ga sempre funzionà.

Sti qua ṡera i pensieri de quel poero contadin de nome Zane dito Balota, che un matìn ‘pena svejà, ancora prima de darghe de magnar a le galine, el ga vedesto che nel suo bel campo no ghe ṡera pì le panoce, e al posto de le panoce solo raiṡe che vigniva fora de la tera.

“La raiṡe ga da stare dentro de la tera, no fora!” zigava Zane rabià ma sora tuto diconfondesto…  Ma nol podeva saver che la storia ṡera apena inscominsiada.

Sicome no el capiva cossa ghe ga capitasto al campo, e perché ghe ṡera come una strana luse nel ciel, el cori dal vicino, un veneto de quei con la bandiera de San Marco fòra sempre a missiar con indipendensa, plebissito e paroni a casa nostra, ma inveze  de Gino Brontolon el se trova davanti una fameja de mori che ghe risponde paroe che no se capisse gnente.  Anca se a dire il vero la mujere ṡera massa mejo de la mujer de Gino.

El cori dal prete, ma in te la ciesa el trova un de quei indiani con el turbante e la barbona, quei che te trovi all’ipermercato sabo o domenega con ‘na cariola dei fioi, e inveze del crocifiso strane piture e strane statue.

Alora el entra dal becàro che ṡera so’ grande amico, ma inveze de Toni Scianta el se trova davanti un vedeo vestìo da cristiàn che ghe dimanda “vù tu una bela fetina de veneziàn?”.

Sempre più disperà el cori al bar, ma ai tavoli sentai el vede dei bei mazi de carte trevisane che gioga a briscoa con dei veci, e sbadabam li poza su la toa, e no ghe ocori veder altro per scampar via.

El nostro el scampa a piè fin sulla statale, dove el trova dei tosi del paese, vestidi solo co i boxer e la majeta, che i ferma le machine con dentro le femène e i ghe propone no ve digo cossa mostrando i muscoi e le culate.

Ṡe davero massa per el poero Zane Balota, che el torna pressa a casa, ma la machina ṡe parchegiada con le riode per aria, e alora el tor el tratòr, e via per la strada; per strada però tuti ghe sona, perché i sta de la parte sbajada, tuti a sinistra inveze che a destra, propio come gli inglesi.

Zane però el ga la testa dura, no ghe importa gnente, se meti anca eo a guidar de la parte sbajada, e via con el trator destinassiòn Monte Berico, perché solo la Madona poe salvar el Mondo.

Ghe voe el suo tempo, perché el tratòr ṡe sì de la Lamborghini ma con tre tonelate de peso no el pol miga corer come la spider,  ma a la fine Zane el riva a Monte Berico, el scendi dal tratòr e via in te la ciesa a pregar la Madona che la rimete el mondo drito.

“Madre di Dio, te sè che no so miga un omo santo, con la Amelia ghemo fato brute robe ma jerimo zoveni e de la quela  volta mi almeno gò sempre rispetà me’ mujer, a caccia no vado pì che son vecio ma no so gnanca se ṡe pecato come dise me nevoda, e lo so anca che ogni tanto porcono ma sempre con ri-spe-to!  Mi però son devoto a la Madona e a tuti i santi, vado a messa e in cimitero al giorno dei morti, te prego alora fame ‘sta grasia: volta de novo el mondo drìto che son desperà, sora de tuto per le panoce che sto anno le jera belisime!”

Uscido de la ciesa el vedi subito che in ciel qualcosa sta cambiando, e solo ‘deso el vede che al posto del sol ghe jera una luna massa granda e massa luminosa, che però la va drìo tramontare e vien su el sol, come che doverìa eser.  Tuto se spiega: con la luna al posto del sol ecco perché el mondo jera andà a roverso!

Contento come na Pasqua Zane torna casa con el tratòr, e no ghe importa niente che la zente drìo ghe sona perché el va piàn.  Tuti  guida de la parte giusta, ‘deso, su la statale ṡe el solito via vai e gnente manzoti in boxer, fòra del bar i soliti veci che gioga a briscoa o a tresette, e nel suo bel campo le panoce bee bionde le splendi magnifiche.

Zane sempre pì contento el entra in casa, e el ciama la mujer, ma nisuni risponde.  La scominsia a zercar, ma rivà in cusina el se trova visavì quea tosa belisima de la tivù che la fa anche la fotomodea, meza nuda come sempre e petinada come che la dovesi andar a un matrimonio.

“Cossa la fa qua, ea? Non sarà miga scherzi a parte?” ghe chiede Zane sospetoso, ma la tosa se vedi che no la ga capìo, e ‘lora ghe lo ripeti in ‘talian, e quea ‘lora, con el suo acento foresto:

“Mi scusi, non so come, ma stamattina ero con il mio fidanzato nel nostro  appartamento in centro, e all’improvviso mi sono ritrovata qui, è terribile, lo smartphone non prende e continua a scrivere di inserire il gettone… ma cos’è un gettone?  Oh mio Dio!”.

Zane ghe pasa subito una coverta che no la toi fredo, ghe ofri un cafè e do’ biscoti, el tira via el celophan e la fa sentàr sul divano in sogiorno, e intanto continua a zercar sua mujer, ma no la trova da nisuna parte.

Co el torna la tosa ghe chiede “A me pare quasi che il mio mondo sia andato tutto a rovescio, tutto capovolto, non capisco… non ha idea di cosa si può fare per rimettere le cose a posto”.

Zane la varda, la varda ben, e dopo gaverghe un poco pensato ghe dise:

“Me piasese darghe una mano, signorina, ma sinceramente no ho propio idea di cossa che bisogna fare per rimettere il mondo diritto”.

La morale della storia ṡe che quando al mondo va per roverso, dipendi sempre da che punto te lo guardi.

Glossario

becàro: macellaio

manzotto: bel manzo, in senso metaforico: bel giovine

mercore: mercoledì

panocia: pannocchia

raiṡe: radici

remengo: malora, rovina

roverso: rovescio

sioba: giovedì

toa: tavola

vedeo: vitello

visavì: di fronte, dal francese vis-a-vie