Asserismi · Le mie preferite · serie tv

Breaking quotes

La serie tv contemporanea, evoluzione di quello che un tempo si chiamava sceneggiato, costituisce la forma narrativa più caratteristica della nostra epoca.

Da appassionato del genere, ogni tanto mi imbatto in vere e proprie perle metaletterarie, che mi fa piacere condividere con i miei lettori. Non parlo delle citazioni più note, come la celeberrima ”io non sono in pericolo, io sono il pericolo” da Breaking Bad, ma quelle meno conosciute, di serie meno famose tra le mille mila diffuse sulle varie piattaforme televisive.

Voglio cominciare la mia raccolta, con questo post, da tre citazioni calde come un bacio appassionato in spiaggia al tramonto, seduti sui lettini con la sabbia ancora appiccicata alla pelle, mentre l’aria è satura di salsedine e odore di frittura di pesce.

La prima l’ho raccolta in Sky Rojo, formidabile serie televisiva spagnola, ed è una frase di Coral rivolta a Moises.

¿Sabes por qué siempre me tratas mal? Porque en el fondo lo que te sale es tratarme bien…

Lo sai perché mi tratti sempre male? Perché in fondo vorresti trattarmi bene…

La seconda viene da American Gods, ed è un piccolo gioiello di letteratura contemporanea, e in effetti è presa pari pari dall’omonimo libro di Neil Gaiman.

Chi parla è Mr.Wednesday, interpretato da Ian McShane.

Minnesota, Wisconsin, all around there… has the kind of women I liked when I was younger. Pale-skinned and blue-eyed, hair so fair it’s almost white, wine-colored lips, and round, full breasts with the veins running through them like a good cheese.

Minnesota, Wisconsin, quei posti… ci trovi il genere di donne che mi piacevano quando ero giovane. Pelle chiara e occhi azzurri, capelli biondi così chiari e quasi bianchi, labbra del colore del vino e bei seni rotondi con le vene che lo attraversano come un buon formaggio.

La terza citazione viene da una serie più popolare ma altrettanto di nicchia, l’intricatissima serie tedesca Dark. È la leitphrase della relazione tra Jonas e Martha. Parla di loro, come l’impermeabile giallo.

Wir passen perfekt zusammen glaub nie etwas anderes

Siamo fatti per stare insieme, non credere mai che non sia così (che non è la traduzione letterale, ma è quasi meglio dell’originale).

Affreschi · Storie e racconti · Uncategorized

La sottotraccia mistica del Trono di Spade

A T T E N Z I O N E    R I S C H I O   S P O I L E R

per chi non ha finito di vedere tutte le puntate dell’ultima stagione del Trono di Spade

GOT

L’ultima puntata della straordinaria serie tv Game of Thrones, in Italia il Trono di Spade, è andata in onda anche in Italia, per il momento in versione originale sottotitolata, e finisce così una saga televisiva di livello comunque eccezionale.

Il finale ha scontentato o fatto arrabbiare molti, ma a mio parere l’evoluzione della storia la si spiega bene ricostruendo  tutto alla luce di un’interpretazione mistico-religiosa che secondo me l’autore del libri a cui la serie televisiva è ispirata ha voluto inserire quasi sottintesa, ma che forse nei suoi prossimi libri sarà esplicita.

Nel mondo del Trono di Spade ci sono diverse religioni, e ognuna ha un suo preciso significato. Alcune sono tutto sommato secondarie: c’è la religione istituzionale dei Sette Dei, una specie di parodia del Cristianesimo come religione di Stato, con tanto di suore, preti, e fanatici bigotti; c’è il culto del Dio abissale, più che altro una scusa per omaggiare l’immenso Lovecraft da parte di un autore di fantascienza e fantastico come Martin.

Poi ci sono però le due deità che (nella finzione almeno) esistono veramente.  Da una parte il Signore della Luce, R’hllor, il Dio della sacerdotessa Melisandre, un Dio apparentemente buono ma che sembra esigere sacrifici umani e viene invocato per praticare la magia nera, e dall’altra parte una divinità senza nome, un’entità del ghiaccio, della natura e dell’oscurità che sembra il Dio del male ma forse non lo è.

Martin è noto per demolire gli archetipi, le idee tradizionali di Bene e Male, e interpretando tutta la storia sotto questo ottica la mia idea è che la storia narrata in quella che ha come sottotitolo Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco è (anche) la storia del conflitto tra la deità del ghiaccio e quella del fuoco.

La prima, R’hllor, opera attraverso i suoi sacerdoti e sacerdotesse, ha come sua vera messia Daenerys Targaryen, accompagnata da esseri di puro fuoco (i draghi), destinata a purificare i miscredenti, come profetizzò una sacerdotessa del Signore della Luce (Kinvara, nella sesta stagione), e che non si ferma di fronte a nulla e pur di portare il proprio paradiso crea un vero inferno per tutti quelli che trova sul suo cammino.  E’ una divinità trascendente ma immanente, non è di questo mondo ma vi opera attivamente.

La seconda non ha nome, ma esiste, è la deità dietro gli Antichi Dei, quella su cui si basano poteri e conoscenze dei Figli della Foresta e dei Veggenti Verdi, come il Corvo a Tre Occhi e Brandon Stark, anche il potere dei terribili Estranei deriva da lì, ma gli Estranei sono come degli angeli (del ghiaccio) caduti, che liberatisi del giogo del proprio creatore hanno deviato dal suo disegno originario, e per questo per combatterli entrambi gli Dei supremi uniscono le proprie forze.  Il Dio senza nome è una divinità immanente ma trascendente, una forma panteistica di divino presente in tutte le cose, ma allo stesso tempo meno presente nella vita e nella storia degli uomini (nel secolo si sarebbe detto un tempo).  Forse è la stessa cosa con il Dio dai mille volti adorato a Braavos.

Il Dio senza nome a un certo punto della storia disconosce gli Estranei, così come forse nel finale delle serie, quando Daenerys usa la forza donatagli dal Signore della Luce in modo tanto terribile, il suo Dio la abbandona a un destino di morte.

Quando Drogon porta via il corpo esanime di Daenerys in quel momento impersonifica proprio il Signore della Luce, che accetta il sacrificio della propria regina, ma accetta anche la rinuncia di Jon Snow a essere Aegon Targaryen, lui che unico tra tutti era protetto e benedetto da entrambe le deità ma sceglie di cambiare il proprio destino (che forse era di uccidere Daenerys ma poi di regnare al suo posto).  Perché non si tratta di dei buoni o cattivi, come li immaginiamo noi, ma forse più simili agli dei bianchi e neri della tradizione slava, dei avversari ma non per questo gli uni totalmente buoni e gli altri totalmente cattivi.

Dall’altra parte Bran, Brandon Stark, sacerdote supremo del Dio del ghiaccio, delle tenebre e dell’oscurità alla fine arriva a riportare a Westeros il dominio delle forze della natura, di un Dio delle tenebre che oltre le apparenze forse è più misericordioso del Signore della Luce, un destino che per Bran segnato e forse da lui pre-veduto da molto tempo.

L’Inverno che stava arrivando forse non era una stagione, ma era lui.

cultura · Leggende · Risposte · Uncategorized

Le dieci teorie più assurde sul Trono di Spade

 

tronodispade

Il Trono di Spade, Game of Thrones nella versione originale, è una serie televisiva straordinaria e così di culto che ben merita la dedica della novantanovesima Risposta alle Grandi Domande delle Vita.

Ora che la settima e penultima stagione si avvia alla conclusione, e che non c’è più la guida dei libri di George R. R. Martin, le teorie dei fan sulla serie si accavallano, ed ecco allora la nostra Risposta alla Domanda

quali sono le teorie più bizzarre sul finale del Trono di Spade?

Risposta n. 99

*** attenzione spoiler (se non avete visto le prime 6 stagioni) ***

  1. Gli Estranei ammazzano tutti a Westeros ma Samwell Tarly si salva viaggiando nel tempo e finendo… nel futuro, nella nostra epoca, dove cambia nome in George R.R. Martin e fa soldi raccontando cosa gli è successo
  2. era tutto un sogno di Bran che dopo la caduta era rimasto in coma per sei mesi ma all’improvviso si sveglia e trova papà Eddard Stark e la mamma e i fratelli che lo guardano abbracciati e felici
  3. il Corvo con Tre Occhi è in realtà Jacob di Lost
  4. Aria si mette la maschera di Daenerys e si dà al sesso sfrenato con Jon, che alla fine dei conti è solo un cugino (di primo grado, ma nel mondo di Game of Thrones è un incesto davvero minore) mentre Dany al piano di sotto discute per ore con Tyrion
  5. gli Estranei vengono sconfitti, si salva solo il Re della Notte, che si iberna dentro un iceberg; passano migliaia di anni, i ghiacci artici si scongelano, e il Re della Notte si ritrova su una spiaggia della Georgia, negli USA; nella scena seguente, mentre passeggia per una statale, si vede il segnale stradale “Atlanta” e passa Rick di The Walking Dead sull’automobile da poliziotto
  6. la missione degli Estranei in realtà era a fin di bene, volevano solo dire agli uomini di volersi bene gli uni con gli altri, di rispettare la natura e di riciclare, la cosa degli zombi era solo per attirare l’attenzione, lo rivela il Re della Notte a Jon prima di morire trafitto da una freccia scagliata da Theon (che come al solito fa casini)
  7. Tyrion non era figlio di Tywin Lannister, ma di sua moglie e di un vero folletto, (ecco perché il padre lo maltratta e la sorella lo odia) nella battaglia finale quando l’armata unita dei sette regni + Daenerys e draghi sta per soccombere Tyrion arriva portando con sé un’armata magica di folletti, unicorni e fatine e salva tutti; poi si apparta con due fatine e un sorriso malizioso
  8. anche Cersei Lannister è una metamorfa, ma tutta speciale, perché in realtà lei si incarna ne… il Re della Notte… e mo’ so ca**i vostri
  9. Eddard Stark è ancora vivo, è stato resuscitato da Thoros di Myr, ma essendo stato decapitato c’è solo la testa, che Beric Dondarrion porta con sé in una borsa (i fan più attenti hanno notato che lui e Thoros hanno sempre con loro quella misteriosa borsa), ed è lui il vero capo della Fratellanza senza Vessilli, con il nome di Lord Iceaheart
  10. viene fuori che Gendry è figlio di Cersei, quindi è un bastardo Lancaster, sposa Aria che è una Stark, in pratica come Enrico VII Tudor, discendente illegittimo Lancaster che sposò una York e mise fine alla Guerra tra York e Lancaster, ispirazione storica del Trono di Spade, e così coerentemente Gendry e Aria regneranno sui sette regni tipo come i Tudor (o caspita, questa teoria non è mica così bizzarra…).

 

dedicato a una delle biggest fan del Trono di Spade (mia moglie) sempre a caccia di spoiler e teoria strampalate (quasi quanto queste)