destino · Le mie preferite

Cose già fatte prima di morire

Io sono tra quelli che ha una lista di cose da fare prima di morire, e in quest’ultimo mese sono riuscito a completarne ben tre:

1) candidarsi a un’elezione politica = fatto, è stato divertente, non sono stato eletto ma non era in preventivo, hanno vinto gli altri ma quello era in preventivo, perché come dice Nanni Moretti io sono di quelli che è sempre in minoranza;

2) conoscere di persona Pippo Civati, uno dei miei miti politici personali (v. al punto precedente) di cui ho avuto l’onore di presentare l’ultimo libro; se vedete qualcosa con il binocolo nell’orbita lunare è il mio ego;

3) andare a mangiare da Kentucky Tried 🐔 Chicken, questa sembra più abbordabile delle prime due ma, credetemi o meno, era dal 1996 che avevo in mente di entrare in un KFC e fino a ieri non ne avevo mai avuto l’occasione.

Affreschi · Italia · italianate · politica · Uncategorized

Le otto stimmate del Luogocomunismo

 

_aesthetic_challenge__communism_chan_by_kawaois_dci7i8m-pre.jpg
~aesthetic challenge~ communism-chan on deviantart.com

Oggi parliamo di politica, tema che non è molto popolare visto che i post meno letti in più di 10 anni di blog sono proprio quelli che trattano questo argomento, ma vogliamo farlo prendendo in esame quello che, dopo anni di osservazione, credo sia il peggior vizio della sinistra italiana

il luogocomunismo

ovvero l’abitudine a prendere un’idea, e trasformarla in dogma e ideologia dimenticandone i presupposti e rifiutando in ogni modo di metterla in discussione, anche di fronte a logica ed evidenza.

Il luogocomunismo è fatto di una serie di questi luoghi comuni, di cui provo a elencare i principali:

  1. il politicamente corretto, che raggiunge le vette quasi inarrivabili dell’assurdo quando si tratta di linguaggio di genere, con frasi piene di asterisc*, o parol* come presidenta o sindaca (e allora giuristo, linguisto, commercialisto?) o si inventano sigle incomprensibili tipo LGBTQIA+
  2. il No-ismo, cioé il No a qualunque grande opera senza se e senza ma, partendo ovviamente dalla TAV, che per alcuni è più o meno l’ipostasi del male assoluto, una specie di MorteNera dell’establishment
  3. l’ateismo politico, cioè il fatto di identificare la fede in Dio con la religione, la religione con il cristianesimo, il cristianesimo con il cattolicesimo, il cattolicesimo con la sua frangia più conservatrice e bigotta, e rifiutare tutto in blocco
  4. il feticismo costituzionale della serie noi-abbiamo-la-Costituzione-più-bella-del-mondo… e ci dispiace per gli altri, che sono tristi, perché non sanno cos’è l’amore, il vero amoooooooore
  5. definire di destra chiunque non la pensi esattamente come te o qualunque cosa non ci piaccia (“ti ho fatto la minestra con i broccoli” “FASCISTA”)
  6. l’antiamericanismo a oltranza, per cui persino uno come il venezuelano Maduro, che ha esautorato il parlamento, arresta gli oppositori e si appoggia all’esercito diventa un’icona del terzomondismo e della sinistra solo perchè gli Amerikani sono contro di lui
  7. l’arcinemico perché ci vuole sempre un supercattivo, e se non c’é lo si trova, e nel ruolo del villain, sempre indubitabilmente novella incarnazione di Mussolini, possiamo elencare Craxi, Berlusconi, Renzi e ora naturalmente Salvini
  8. il rivoluzionismo a caso, per cui bisogna sempre invocare la rivoluzione, il cambio radicale, la rottura del sistema, l’uscita dal capitalismo, ma per andare dove non si sa, l’importante è fare figo con la maglietta di Che Guevara e parolone d’ordine  tipo “masse”, “ordoliberismo” o “decrescita felice” come se piovesse.

Siete d’accordo con me? No? Sicuri che no?

Comunque la pensiate cantiamo tutti in coro:

vamos a matar, vamos a matar, compañeros!

 

Asserismi · italianate · Top Ten

Dieci frasi insopportabili

Tra frasi fatte, luoghi comuni e vuoti slogan, sono tante le locuzioni che non sopporto, e sempre nuove si aggiungono alla mia black list, magari sospinte dal vento (infausto) dell’attualità.

Visto che, appunto, questi sono giorni che le banalità fioccano, mi pare utile un elenco delle frasi che magari anche no… E siccome sono mediamente egocentrico, le declino con il mio nom-de-plume e con quello del mio blog

1) Fra’ Puccino non si tocca

2) Scientificamente senza se e senza ma

3) E allora Fra’ Puccino?

4) Se vi piace tanto ospitatelo a casa vostra

5) Scientificamente non si processa/arresta

6) Non sono razzista ma… i fra’ puccini sono tutti ladri, scansafatiche e vagabondi

7) Nel film c’è un grave errore: non è un drago, è una viverna (potete metterci due parole di cose simili a caso)

8) È una vergogna! Solo in Italia…

9) Abbiamo avuto gli esperti, ora facciamo provare questi altri

10) Non bisogna giudicare