Notizie ASMA

Desperaantismo: in Russia ormai è moda

nei circoli Desperaantisti i nuovi iscritti sono accolti con un caloroso bacio di benvenuto

Sy is bimbo, nie gusta fwtobl ver hottochoccolate.

Non avete capito nulla?  Nemmeno di che lingua si tratti?  E’ normale, perché si tratta  di una frase in Desperaant…

(ASMA) – Mosca – 22 Ott -Si chiama Desperaant la nuova grande passione dei giovani russi; sul popolare social network russo V-Kontakt la pagina dei Desperaantisti ha ormai raggiunto i 100 mila partecipanti.

Merito della forza attrattiva della lingua artificiale inventata dal linguista russo Dimitry Kanchelkowsky a metà degli anni settanta, ma che a Mosca o San Pietroburgo ora è diventata la moda del momento, con la continua apertura di nuovi circoli desperaantisti.

Il vocabolario desperaantista si basa volutamente sull’utilizzo di parole prese in prestito a sproposito da altre lingue; le parole base sono cioé parole esistenti in una lingua ma storpiate o usate con un significato diverso; in italiano si potrebbe fare l’esempio di parole come box, body o chiffon, che nelle lingue originali vogliono dire tutt’altro.  E non a caso l’inglese è una delle lingue che conta più parole trapiantate in Desperaant.

La grammatica e le parole fondamentali (come i verbi avere ed essere) sono invece presi in prestito dall’afrikaans, e questo perché secondo Kancelkowksy è una lingua nata bastarda e quindi perfetta per costituire la base di una lingua inter-nazionale.

E’ una lingua davvero internazionale perché ogni sua parola è fuori contesto, e perché il suo suono è assolutamente nuovo e sorprendente; insomma, ci sono tutti gli ingredienti perché la passione desperaantista (da scrivere rigorosamente con due aa) spopoli anche fuori dal Paese di Tolstoj, Puskin e Masha e l’Orso.

Anche se per ora c’è un piccolo handicap: il Desperaant si scrive in cirillico…

Leggende · Notizie ASMA

Un selfie della Madonna

selfie(ASMA) – RIO DE JANEIRO – 9 Lug- Non arriva dalla Russia ma dal Brasile l’ultima clamorosa notizia pubblicata dall’agenzia di stampa russa Notizija, i cui cronisti, rimasti nel paese sudamericano per seguire la fase finale del Mondiale pur dopo l’eliminazione della nazionale russa, sono venuti a conoscenza di un evento eccezionale che ha, è il caso di dirlo, quasi del miracoloso.

In una piccola cittadina nelle colline dietro a Rio, chiamata Belo Tio, una ragazzina di diciassette anni devota della Madonna avrebbe ricevuto sul suo cellulare un selfie dalla Madre di Dio in persona, con il messaggio di testo

“Cara bambina, il mio affetto materno ti manda un selfie pieno dell’amore di Dio, ricordati di pregare e andare alla Messa”.

Al primo selfie, inviato da un numero sconosciuto, ne sono seguiti altri a cadenza quasi settimanale, tanto che si è già creato un movimento di preghiera attorno a quella che è stata già ribattezzata (in senso metaforico) la “veggente di Belo Tio“.

“La Madonna ci vuole molto bene” ha rivelato la ragazza “e vuole che qui a Belo Tio sia costruito un grande santuario a suo nome, se lo costruite io verrò, è così che mi ha scritto”.

Per ora comunque la Santa Vergine si limita a inviare i suoi selfie, ma  chissà se prima o poi passerà anche a vere e proprie apparizioni, facendo così di Belo Tio la versione sudamericana di Fatima o Medjugorie.

Notizie ASMA

In funzione il treno a rifiuti

train waste fueled

(ASMA)  – Mazul, 1 Apr – E’ entrato in funzione stamani, nella repubblica centroasiatica ex sovietica dello Sarpanistan, il primo treno alimentato da rifiuti organici, che per ora opererà sul tragitto Mazul – Ardanipad.

L’agenzia di stampa russa Notizija riferisce che sulla nuova linea ferroviaria operano tre locomotori di nuovissima generazione prodotti in Cina da una joint venture russo-cinese che grazie a un generoso finanziamento del governo dello Sarpanistan utilizzano una tecnologia futuristica che converte i rifiuti biologici in carburante per i motori diesel-T elaborati di cui sono dotate le motrici.

In buona sostanza, sono proprio gli avanzi di cibo e i bisogni dei viaggiatori, convogliati verso il motore del treno, ad alimentarne il funzionamento, insieme ai rifiuti organici raccolti ad ogni fermata.  Una carrozza presenta anche uno speciale compartimento (chiamata sgazifikizatorje) in cui i viaggiatori sono invitati a recarsi qualora debbano espletare funzioni fisiologiche di natura gassosa, emettendo gas metano prezioso per l’alimentazione del motore del convoglio (e che viene raccolto da un apposito aspiratore), con beneficio anche per il comfort degli altri viaggiatori che possono evitare a dispersione di tali emissioni negli ambienti comuni.

Durante la solenne festa dell’inaugurazione l’eclettico Presidente sarpano Alan Delonev, già noto per alcune bizzarre iniziative come il festival internazionale della sciarpa, ha elogiato l’operato degli ingegneri e degli scienziati sarpani che hanno contributo a questo sensazionale traguardo, da lui definito un grande passo verso un sistema di trasporti ad impatto zero e un grande esempio per il mondo intero.