serie tv · Storie e racconti

Sogni a occhi chiusi

Strano sogno l’altra notte.

Mi trovano a Napoli, che qualche volta glitchava (come Vanellope in Ralph, avete presente?) e diventava Trieste, e poi di nuovo Napoli.

Era la festa di compleanno di Matilda, la protagonista femminile di Generazione56K, e io in realtà ero Daniel, o guardavo la scena da fuori, non mi ricordo esattamente, ma in ogni caso alla festa, che forse era la nostra festa di matrimonio, ma insomma ero riuscito a invitare Ed Sheeran, come in quei video dove si scopre la tenda e all’improvviso esce fuori la star, solo che nel mio sogno era Ed Sheraan e non per esempio J Ax, e vuoi mettere, ma in ogni caso ecco Matilda che si emoziona e fa quel sorriso a 64 denti che abbiamo imparato ad amare guardando la serie dei The Jackal, e abbraccia Daniel che poi ero io o non so, e comunque tutta contenta perché è il suo cantante preferito e lo dice proprio con quel suo accento napoletano rotondo.

Ed Sheeran ovviamente fa il suo, d’altronde mica è venuto gratis, ma per fortuna quella famosa app che doveva realizzare Daniel è andata proprio bene, ma bene, perché insomma già invitare Annalisa o Francesca Michielin al compleanno vi voglio vedere, e poi ci sono quelli che neanche rispondono alle email e la segretaria ti risponde che sì le faremo sapere e io allora perché metto da parte i soldi da un anno e mezzo se vi faremo sapere?

Ed Sheeran invece nel mio sogno era lì, era proprio venuto, e non un sosia o un gruppo cover (tipo gli Ed Habits o cose così), e sfoderava tutto il repertorio, e tutti gli invitati attorno, e lui da solo con la chitarra andava con Shivers, ovviamente Shape of You e alla fine Perfect, solo che a Matilda il popolare cantante lanciava anche troppi sguardi e sorrisi, e ma non era così che doveva andare, non era così che Daniel se l’era immaginata, e capisco che Perfect è troppo bella e lui la canta benissimo anche unplugged, che pensa avere un registratore come negli anni ottanta che cassetta fantastica che veniva fuori, perché no, con il cellulare non è uguale, non è affatto uguale, ma gli sguardi di Matilda e il suo sorriso, quel sorriso che già una volta mi ha aperto il paradiso, no, così non va, così non ce la posso fare e così esco dalla stanza e quando torno dove sono andati Ed Sheeran e Matilda, che ci sono tutti ma loro no, e chiedi in giro e gli altri invitati rispondono evasivi e un po’ imbarazzati?

E poi chissà perché, come succede nei sogni, mi trovo nelle strade di Napoli a cercarli, e poi Napoli glitcha e diventa Trieste, tanto sempre lungomare è, e Piazza Plebiscito diventa Piazza Unità e in mezzo i manifestanti che cantano in coro la gente come noi non mola maaaai ma dove sono Ed Sheeran e Matilda? No, questo non me lo dovevate fare, e poi vedi se ti faccio il bonifico del saldo, e tu, proprio tu, Matilda, già hai mandato a monte il matrimonio con quell’altro, e capisco che è Ed Sheeran ma insomma era la nostra festa… e mentre corro in tondo per una piazza che non so più quale sia all’improvviso mi sveglio.

Chissà poi com’è andata a finire.

Voglio precisare che non ho mai contattato né Ja Ax, né Annalisa, né Francesca Michielin, ma se uno di loro legge questo post e viene a una mia festa, anche gratis, non dico di no 🙂

Affreschi · Asserismi · musica · Top Ten

Memorie sanremesi

 

gabbani

Mentre nelle radio della Repubblica risuona l’irresistibile ritornello di Occidentali’s Karma, grande successo di pubblico oltre che vittorioso al Festival, il tempo è maturo per ricapitolare le più singolari ma allo stesso tempo assolutamente non veritiere

curiosità di Sanremo 2017

  1. la versione di Fedez: difficile per il popolare cantautore “rap” accettare di non avere vinto Sanremo, e nonostante l’amico J-Ax gli abbia pazientemente spiegato che è difficile vincere il Festival senza parteciparvi Fedez continua ad accusare del misfatto i soliti “poteri forti”
  2. invidiosi, eh? si  sprecano le accuse di plagio nei confronti del trionfatore Francesco Gabbani, solo che ognuno indica una canzone diversa, attualmente siamo a 24, inclusa Karma police dei Radiohead e Voulez vous danser dei Ricchi e poveri
  3. un grande professionista per una settimana gli haters di professione e quelli per passione (cit. De Andrè) si sono dedicati a Carlo Conti, accusato tra l’altro di essere “amico delle banche, “l’Erdogan italiano”, un “burattino dei rettiliani”, e di avere cancellato l’art. 18

    ermal
    Ermal Meta

    Dua-Lipa.jpg
    Dua Lipa
  4. made in Albania:
    strepitosa performance di Ermal Meta, nato in Albania ma naturalizzato italiano… ma perché, parlando di artisti di etnia albanese, noi abbiamo Ermal e gli inglesi Dua Lipa?
  5. sarà per la prossima volta il giovane cantante fiorentino Matteo era pronto a partecipare al Festival, ma la sua Ti cambierò (di M. Renzi, M.E.Boschi e G. Delrio) purtroppo ha ricevuto un secco No
  6. una Signora con la S maiuscola: tanta era l’attesa per la sua vittoria, che Fiorella Mannoia aveva già prenotato per la sera di domenica una cena con gli amici per festeggiare; dopo il trionfo di Gabbani e un deludente secondo posto la Mannoia non ha però voluto annullare la prenotazione “però facciamo alla romana”
  7. l’accento della discordia rissa in sala stampa, nella notte di venerdì, tra i cronisti che dicevano Fèstival e quelli che invece insistevano con Festivàl, e sì che l’altro anno gli avevamo avvertiti di smetterla, ma evidentemente c’è chi se le va a cercare e non me ne frega niente del tuo Iphone appena comprato
  8. l’audiocassetta misteriosa a un certo punto in sala stampa si è sparsa la voce di una misteriosa audiocassetta con Samuel e Al Bano che duettavano in una cover di Shape of you di Ed Sheeran
  9. non ho l’età mancata partecipazione al festival come ospite per la stella del pop Ariana Grande, pare si sia trattato di un equivoco in quanto il servizio di sicurezza non ha fatto accedere la popolare cantante italoamericana al teatro Ariston “perchè si vede benissimo che non hai neanche quattordici anni, e anzi mi chiedo se sapesse tuo padre come vai in giro…”
  10. Romolo e Remo pochi sanno che inizialmente  l’amena località rivierasca si chiamava San Romolo, poi trasformato in Sanremo perché il dialetto ligure i due nomi si pronunciano quasi eguale, peccato però che Remo nessuno l’ha mai fatto Santo…

E ora, cari lettori, provate a indovinare (senza andare su google) quale di queste curiosità è più vera delle altre… 😉