cultura · Lettere dalla Quarantena · politica

In questo interregno

1918_antonio-gramsci

Quarantesimo giorno di Quarantena.

Confinati in casa si possono fare tante cose; una di queste è leggere gli scritti di altri confinati.

Di autori che hanno approfittato della prigionia per scrivere ce n’è più d’uno, Rustichello da Pisa (il vero autore de Il Milione sui viaggi di Marco Polo), il Marchese de Sade, Cervantes, Oscar Wilde, ma uno dei migliori di questa categoria è indubbiamente il nostro Antonio Gramsci, che incarcerato dal regime fascista per ragioni esclusivamente politiche (“bisogna impedire a quel cervello di funzionare” disse nella sua requisitoria il pubblico ministero), rimase in carcere per otto anni, e fino a quando le condizioni di salute glielo permisero scrisse una mole imponente di appunti, che dopo la sua morte vennero raccolte nei celeberrimi Quaderni dal carcere.

Per mia fortuna, ho ereditato nella mia libreria personale alcuni dei volumi in cui sono stati pubblicati, e in questi giorni sto leggendo quello intitolato Passato e presente.

Ciò che colpisce, leggendo Gramsci, è prima di tutto l’incredibile attualità delle sue analisi della società e della politica italiana, che per certi aspetti sono validissime ancora oggi. Certo, nessuno oggi catalogherebbe come “morti di fame” (testuale) i piccoli intellettuali in cerca di un qualsivoglia impiego decentemente retribuito, nello stato o in politica, pur di non dover fare un lavore manuale (d’altronde Gramsci scriveva per sé non pensando a una pubblicazione) ma la descrizione della cultura nazionale e di certe, purtroppo immutabili, caratteristiche del nostro popolo sembrano scritte l’altroieri. Così come i ritratti dei tanti opportunisti, che un secolo fa come oggi pullulano nella nostra penisola, e che per esempio avevo trovato nell’altro libro dei Quaderni di Gramsci che avevo letto (Sul Risorgimento).

Il secondo aspetto che colpisce, altrettanto forte, è la scrittura. Una scrittura asciutta, pulita, una prosa leggibilissima, la sapienza e l’erudizione di Gramsci si intuiscono, sono evidenti, ma mai esibite.

La frase da cui ho preso il titolo di questo post ne è un esempio

il vecchio muore e il nuovo non può nascere; e in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati

ma se ne potrebbero trovare altre decine nelle pagine di Gramsci, la cui lettura viene facile e scorrevole.

Oggi di converso spesso leggiamo testi inutilmente prolissi, e specie se si ha la ventura di avere passione per la politica si leggono lunghi mappazzoni in cui la supponenzadell’autore è pari solo all’inutilità di quello che scrive . Viene da pensare che la colpa di questo diluvio di parole sprecate stia nel computer e nella facilità della videoscrittura. Scrivere al computere o sul telefonino è facile, le lettere prendono forma in pochi istanti e si perde il senso delle parole e delle frasi.

All’epoca di Gramsci scrivere era un esercizio manuale, una penna sulla carta, cancellare e correggere non era semplice, e allora ogni singola parola pesava e contava. Se anche solo una persona, lette queste mie righe, riscoprisse la scrittura di Gramsci (dando così un senso a questo mio post) vedrebbe quante poche parole utilizza per esprimere concetti complessi e idee pesanti. Tutto il contrario di chi spreca parole e frasi per dire banalità di cui il mondo ben potrebbe fare a meno.

Spero di non essere tra quelli, per cui mi fermo a scrivere e torno a leggere, sperando che oggi sia l’ultimo giorno di clausura e che domani, quando sapremo il risultato dell’ultimo tampone, sia il giorno della nostra ritrovata libertà.

Affreschi · cinema · Le mie preferite · Uncategorized

Mary Poppins from Hogwarts, UK

mary-poppins

Guardando e riguardando (grazie, bambine mie) il film Mary Poppins (1964), con l’aggiunta di una visione del recente Ritorno di Mary Poppins (2018), tra uno Spazzacamìn e un Califragilistichespiralidoso sono giunto alla conclusione che Mary Poppins ed Harry Potter condividono lo stesso universo, e che la nostra tata perfetta-sotto-ogni-punto-di-vista sia una maga, quasi sicuramente educata a Hogwarts.

Specchi magici, borse senza fondo, oggetti animati il potere di volare o di esplorare altri mondi, ms. Poppins and mr. Potter condividono molto, non solo il fatto di vivere a Londra e di essere entrambi molto british.

Vogliamo aggiungere che sia Mary che Harry hanno gli occhi azzurri e i capelli castani, e che si potrebbe persino pensare che Mary Potter sia la bisnonna o la trisnonna del giovane maghetto?

Navigando sul web ho scoperto che la teoria è condivisa, con l’aggiunta di svariate ipotesi e teorie collaterali, e d’altro canto se Mary Poppins fosse una maga si spiegherebbero quasi tutte le prodigiose doti della babysitter volante interpretata negli anni ’60 da Julie Andrews e l’anno scorso da Emily Blunt.

Tante sono le somiglianze che mi verrebbe da pensare, uscendo dalla sospensione dell’incredulità, ossia dal Poppins-Potterverse, che quando la ragazza madre disoccupata J. K. Rowling iniziò a scrivere il primo romanzo di Harry Potter la sua immaginazione si sia in parte ispirata al personaggio creato da P.L. Travers 60 anni prima.  Gli stessi nomi si somigliano, Mary e Harry condividono la stessa sonorità, e pure Poppins e Potter hanno una qualche assonanza.

Fossi un giornalista, mi piacerebbe chiederglielo a J. K. Rowling…

 

Affreschi · Risposte

L’infinita vaghezza della mente Bolbo

BolboCosa regalare quest’anno a Natale alle persone cui devi fare il regalo però non vuoi spendere troppo diciamo massimo 10 euro?

Risposta n. 83.

“Bolbo” di Alessandro Gori e Gianluca Cincinelli

Rispetto alle precedenti ottantadue Risposte alle grandi domande della vita che trovate su questo blog, questa è una delle più facili.

E non solo perché Bolbo costa effettivamente 9,90 e magari on line anche meno (ma poi ci sono le spese di spedizione e non so se  conviene, ma comunque vuoi mettere andare dal libraio e ordinarlo?).

Bolbo è la perfetta strenna natalizia perché è un non-romanzo, veloce da leggere e in un alcuni passaggi esilarante, così ben scritto da farti ricordare la bellezza di una lingua italiana oggi troppo spesso struprata dagli anglicismi e da un utilizzo limitato forse al 10% delle locuzioni.

Il merito è di Alessandro Gori, vero nome del perfido blogger meglio noto come Sgargabonzi, alla sua seconda opera dopo Le avventure di Gunther Brodolini, qui insieme al suo valido sodale Gianluca Cincinelli, uno che (come recita la quarta di copertina) oggi vive in uno scatolone chiuso con lo scotch.

I due hanno confezionato questo simpatico libretto intitolato  Bolbo (chissà perché, poi, non essendovi alcun personaggio con quel nome…), in cui fanno mostra di quell’arte del riciclaggio dei rottami della cultura pop contemporanea che li fa rientrare nella categoria dei ricordanti, ossia quei guerriglieri dell’anti-consumismo di cui avevo parlato qualche anno fa, e che, come Caparezza o Elio e le storie tese, pre-servano il ricordo di quello che 20 o 30 anni fa andava alla grande ma ora non più, e allora è quasi commovente scoprire che qualcuno ancora si ricorda dell’Autobianchi giardiniera e della benzina normale; e allora ti viene in mente che da bambino ti chiedevi sempre: ma se tutti fanno la super, per chi vendono la benzina normale? car-autobianchi-bianchina-giardiniera-03

Gori e Cincinelli, ecco chi fa il pieno con la benzina normale.

Ma in Bolbo c’è questo e molto altro; ci sono le rime di Marco Luchi (guest star del romanzo), novello Foscolo del terzo millennio, c’è la sagoma in cartone di Liam Gallagher degli Oasis, ci sono citazioni di canzoni e autori musicali per me tanto sconosciuti da dubitare che siano inventati, che fanno dei due autori quasi due Murakami Haruki della Valdichiana, c’è la descrizione di un amore malgascio che sembra tratto dai versi di Battiato, ci sono i fumetti di nicchia come Zagor, c’è infine, a pag. 127 (1+2+7=10 un caso? io non credo) un  flusso di parole rare, inusuali o semplicemente dimenticate, che a mio parere inaugura, all’insaputa degli Autori, una nuova corrente letteraria,  che mi permetto di battezzare come

Ziggurattismo.

C’era tempo in cui andava di moda dare un nome ai movimenti artistici, riconducendo a unità il modo di scrivere o dipingere di singoli artisti, e sebbene fino ad oggi l’individualismo ha sembrato cancellare tutto questo magari oggi i tempi sono maturi per tornare a dare un nome alle cose.

Forse, in un epoca più civilizzata Gori o Cincinelli mi avrebbero sfidato a duello perché a parer loro la corrente letteraria avrebbe dovuto chiamarsi Ziqquratismo con la Q; forse, in un’epoca più civilizzata, avrei accettato la sfida scegliendo come arma le cerbottane armate a palline di plastilina.

Di sicuro, un giorno nelle antologie della letteratura italiana si parlerà del giorno in cui è nato lo Zigguratismo.

Buona Golconda a tutti.