Una storia salvadiga

witch_house_by_totalnol-d4r6kd1.jpg

Witch House by Alex Shatohin on Deviantart.com

Piccola favola crudele ambientate nella mia Terra (come cantava Elisa), ossia nella provincia  di Trieste, e scritta (semel in anno licet insavire) nella parlata locale.

Ghe jera una volta, e la viveva nel Bosco de le Noghere, tacà de Muja e del bloco de Rabuiese, una vecia che non so come la jera diventà una striga.  Una striga vera, de quele cative che le svòla su el manigo de scopa.

Bòn, una sera un muleto¹ che no scoltava mai mama e papà, el se perdi dentro el bosco; camina de qua, camina de là, el muleto el incontra la striga, e ghe chiedi, educatamente:

“Mi scusi, signora, ma per tornare ai laghetti che direzione devo prendere?”

La striga la varda el muleto, un bel muleto un poco su de chili con le guanciotte rosse, e se lo magna in un sol boccone.  Come i veri, la se disi da sola tuta contenta.

No la se jera acorta che un minuto prima jera ‘riva un orco, che la varda e  ghe disi “Cosa te ga fato?  Te se ga magnà el muleto?”

“ehhhhh, no l parlava triestìn, sarà sta un Furlàn²”

“Ma el jera de Borgo!”

“De Borgo?  E no el parlava triestìn?”

“Ehhhh, cos te vol, la mare jera ‘taliana³”

“Orca, alora me dispiasi tanto… Bon dei, prosimo giro ghe penso do volte… anche se te devo dir che la carne jera davero bòna, te ga presente quela che te compravi in Zonabìª tanti anni fa…?”

1: muleto: bambino, diminutivo di mulo, che in triestino vuol dire ragazzo

2: Furlàn: Friulano inteso come abitante delle province di Udine e Pordenone, divise con Trieste da un forte campanilismo

3: ‘taliana: Italiana del Sud, inteso in senso molto esteso a ricomprendere anche il Centro Italia

a: Zonabì: la Zona B dell’ex Territorio Libero di Trieste, che comprendeva il nordovest della penisola istriana, da Capodistria a Cittanova, che legalmente continuò ad esistere fino al 1975.

El mondo roverso

An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com

An Upside-Down World by CodyWilliam on deviantart.com

La pezo roba per un contadìn veneto ṡe svejarse la matina e trovarse tuto el mondo a remengo. Ŝe brute tante robe, ma questa ṡe la pezo de tute perché el contadìn veneto ghe piase le robe ordinate, che al mercore che segui el sioba, che la rioda movi el caro e tuto funzioni come ga sempre funzionà.

Sti qua ṡera i pensieri de quel poero contadin de nome Zane dito Balota, che un matìn ‘pena svejà, ancora prima de darghe de magnar a le galine, el ga vedesto che nel suo bel campo no ghe ṡera pì le panoce, e al posto de le panoce solo raiṡe che vigniva fora de la tera.

“La raiṡe ga da stare dentro de la tera, no fora!” zigava Zane rabià ma sora tuto diconfondesto…  Ma nol podeva saver che la storia ṡera apena inscominsiada.

Sicome no el capiva cossa ghe ga capitasto al campo, e perché ghe ṡera come una strana luse nel ciel, el cori dal vicino, un veneto de quei con la bandiera de San Marco fòra sempre a missiar con indipendensa, plebissito e paroni a casa nostra, ma inveze  de Gino Brontolon el se trova davanti una fameja de mori che ghe risponde paroe che no se capisse gnente.  Anca se a dire il vero la mujere ṡera massa mejo de la mujer de Gino.

El cori dal prete, ma in te la ciesa el trova un de quei indiani con el turbante e la barbona, quei che te trovi all’ipermercato sabo o domenega con ‘na cariola dei fioi, e inveze del crocifiso strane piture e strane statue.

Alora el entra dal becàro che ṡera so’ grande amico, ma inveze de Toni Scianta el se trova davanti un vedeo vestìo da cristiàn che ghe dimanda “vù tu una bela fetina de veneziàn?”.

Sempre più disperà el cori al bar, ma ai tavoli sentai el vede dei bei mazi de carte trevisane che gioga a briscoa con dei veci, e sbadabam li poza su la toa, e no ghe ocori veder altro per scampar via.

El nostro el scampa a piè fin sulla statale, dove el trova dei tosi del paese, vestidi solo co i boxer e la majeta, che i ferma le machine con dentro le femène e i ghe propone no ve digo cossa mostrando i muscoi e le culate.

Ṡe davero massa per el poero Zane Balota, che el torna pressa a casa, ma la machina ṡe parchegiada con le riode per aria, e alora el tor el tratòr, e via per la strada; per strada però tuti ghe sona, perché i sta de la parte sbajada, tuti a sinistra inveze che a destra, propio come gli inglesi.

Zane però el ga la testa dura, no ghe importa gnente, se meti anca eo a guidar de la parte sbajada, e via con el trator destinassiòn Monte Berico, perché solo la Madona poe salvar el Mondo.

Ghe voe el suo tempo, perché el tratòr ṡe sì de la Lamborghini ma con tre tonelate de peso no el pol miga corer come la spider,  ma a la fine Zane el riva a Monte Berico, el scendi dal tratòr e via in te la ciesa a pregar la Madona che la rimete el mondo drito.

“Madre di Dio, te sè che no so miga un omo santo, con la Amelia ghemo fato brute robe ma jerimo zoveni e de la quela  volta mi almeno gò sempre rispetà me’ mujer, a caccia no vado pì che son vecio ma no so gnanca se ṡe pecato come dise me nevoda, e lo so anca che ogni tanto porcono ma sempre con ri-spe-to!  Mi però son devoto a la Madona e a tuti i santi, vado a messa e in cimitero al giorno dei morti, te prego alora fame ‘sta grasia: volta de novo el mondo drìto che son desperà, sora de tuto per le panoce che sto anno le jera belisime!”

Uscido de la ciesa el vedi subito che in ciel qualcosa sta cambiando, e solo ‘deso el vede che al posto del sol ghe jera una luna massa granda e massa luminosa, che però la va drìo tramontare e vien su el sol, come che doverìa eser.  Tuto se spiega: con la luna al posto del sol ecco perché el mondo jera andà a roverso!

Contento come na Pasqua Zane torna casa con el tratòr, e no ghe importa niente che la zente drìo ghe sona perché el va piàn.  Tuti  guida de la parte giusta, ‘deso, su la statale ṡe el solito via vai e gnente manzoti in boxer, fòra del bar i soliti veci che gioga a briscoa o a tresette, e nel suo bel campo le panoce bee bionde le splendi magnifiche.

Zane sempre pì contento el entra in casa, e el ciama la mujer, ma nisuni risponde.  La scominsia a zercar, ma rivà in cusina el se trova visavì quea tosa belisima de la tivù che la fa anche la fotomodea, meza nuda come sempre e petinada come che la dovesi andar a un matrimonio.

“Cossa la fa qua, ea? Non sarà miga scherzi a parte?” ghe chiede Zane sospetoso, ma la tosa se vedi che no la ga capìo, e ‘lora ghe lo ripeti in ‘talian, e quea ‘lora, con el suo acento foresto:

“Mi scusi, non so come, ma stamattina ero con il mio fidanzato nel nostro  appartamento in centro, e all’improvviso mi sono ritrovata qui, è terribile, lo smartphone non prende e continua a scrivere di inserire il gettone… ma cos’è un gettone?  Oh mio Dio!”.

Zane ghe pasa subito una coverta che no la toi fredo, ghe ofri un cafè e do’ biscoti, el tira via el celophan e la fa sentàr sul divano in sogiorno, e intanto continua a zercar sua mujer, ma no la trova da nisuna parte.

Co el torna la tosa ghe chiede “A me pare quasi che il mio mondo sia andato tutto a rovescio, tutto capovolto, non capisco… non ha idea di cosa si può fare per rimettere le cose a posto”.

Zane la varda, la varda ben, e dopo gaverghe un poco pensato ghe dise:

“Me piasese darghe una mano, signorina, ma sinceramente no ho propio idea di cossa che bisogna fare per rimettere il mondo diritto”.

La morale della storia ṡe che quando al mondo va per roverso, dipendi sempre da che punto te lo guardi.

Glossario

becàro: macellaio

manzotto: bel manzo, in senso metaforico: bel giovine

mercore: mercoledì

panocia: pannocchia

raiṡe: radici

remengo: malora, rovina

roverso: rovescio

sioba: giovedì

toa: tavola

vedeo: vitello

visavì: di fronte, dal francese vis-a-vie

La fiaba di Zenere e Ontola

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Ghe ṡera na volta do fradei, ciamadi Zenere e Ontola; dire il vero, i gaveva altri do’ nomi, che ‘desso nisuni ricorda, perché tuti i ciamava Zenere e Ontola.

I ṡera do fureghini, rossi de cavei, fioi de do venderigoi de strafanissi al mercà, anca se le malelingue i diseva che i iera fioi de el caleghér che ghe ṡera na volta al paese che tuti saveva ghe piaseva le femene e che poi el gà dovù scampar per via dei altri omeni rabiaì che lo voleva bastonàr, e i gavessi anca gavùo rasòn.

I do’ tosi gaveva un sogno: andar via del paese a far i siori in cità, ma per far i siòri ghe ocore i schei e Zenere e Ontola no ne gavea massa, e cussì i andava in cerca de le aventure più strambe, ma ghe andava sempre mal fino a che un giorno no ghe nassi una idea pezo de le altre.

Poco fòra del paese che ṡera un capiteo col su Santo, e i do tosi  scominsia a contàrghe a la gente che el Santo  ghe ga parlà.  Prima ghe lo conta a uni, poi a un altro, come de scondòn, e la storia gira.  El Santo del capiteo i lo senti solo lori, ma pian pian tuti comincia a crederghe che el Santo ghe parla veramente  perché Zenere e Ontola, poareti, i ṡe poveri di spirito, come predica el prete la domenega.

El prete al principio no ne voeva sentir parlar, però per no saver né leger né scriver el stava zito e bòn a vardar le vecie corèr ogni giorno al capiteo.

I do’ tosi, che tuto i iera fora che moni, prima ghe contava a la gente le storie che i voeva sentìr, che el Santo diseva de volerse tuti ben o che i morti i stava tuti sistemadi a parte quel maledìo de Nane che nisuni lo soportava nianca da vivo, e le vecie tute contente i li stava a sentìr.

Una  volta che la gente li ciapava sul serio, Zenere e Ontola ghe scominsia a contar a tuti che el Santo ga dito che se devi pensar ai poeri, e ecoli tuti drìo a tirar fòra schei perché lo gavea dito el Santo del capiteo.   Zenere e Ontola ghe gaveva anche dito a la gente che se i voeva,  i soldi per le oferte intanto li podeva tignir lori, ma inveze se li meteva in scarsea.

El prete alora, che iera bòn do volte ma no tre, el scominsià a rabiarse, ma i do’ tosi ghe fa una oferta personale a la Ciesa, che lo gaveva ordinà el Santo, e alora de colpo  tuto andava ben anche per el prete.

Zenere e Ontola i jera drìo a contar in giro che con tuti i schei de le oferte i gaverìa costruìo una casa per i poeri, e tuti diseva ma che boni ‘sti tosi.

Solo che un mercore come i altri che le solite vecie andava al capiteo, i do’ tosi no ghe iera pì.  Tuti a chiederse dove che jera Zenere e Ontola, le male lingue scominsiava anche a parlar mal, fino a che sabo sul capiteo no se vede un carteo, con su scrito che i do tosi se stai ciamai diretamente in Paradiso, ma sicome i angeli ga visto la  gente preocupada i se salidi zò a tacar sto carteo.

El prete inveze de rabiarse disi che per lù ṡe tuto vero e che i do poveri tosi ormai i iera stai assunti in cielo, anche se la gente cativa dise che e giorno prima el gaveva trovà una bela oferta su l’altar.

De sicuro Zenere e Ontola in Paese no li ga visti più nisuni, e nisun ga gnanca mai trovà i schei per i poveri.

Solita gente cativa dise che una volta andando in cità i ga visti vestidi come i siori passar in corso, ma se sa come se fata la gente cativa: i vedi sempre brute robe perché i ṡe bruti lori.

La morale della storia ṡe che la gente cativa va sicuro all’inferno, e chi che fa del bèn finissi dritto in paradiso, solo che ghe ṡe anche quei che il paradiso i se lo costruissi su misura.