Italia 20M5

cratere

Finalmente rivedo Roma antica; il selciato di via del Corso, le colonne ancora in piedi di Galleria Alberto Sordi, i ruderi di palazzo Chigi, la facciata ancora miracolosamente integra di Montecitorio.

Ho voluto essere tra i primi a partecipare a una visita guidata nella vecchia città, dopo il completamento delle ultime bonifiche ambientali, e il cuore mi si apre mentre seduto sulle poltrone dell’hovercraft rivedo i luoghi che per anni mi erano stati così famigliari.

Un po’ di colpa per quello che è accaduto, forse, è anche mia, anche io ero stato tra quelli che nel 2016 avevo votato per il Movimento, per un forte voto di protesta, e avevo esultato per le vittorie di Roma e di Milano e poi, l’anno dopo, per la sorprendente vittoria al ballottaggio nelle elezioni nazionali, per soli 10.224 voti.  Tra quei 10.224 c’era anche il mio.

All’inizio sembrava tutto a  posto, c’era grande entusiamo nel Paese, poi non so se fosse vero che i poteri forti e le multinazionali si fossero opposte in ogni modo al nuovo governo, o se fosse stata solo la totale incapacità dei nuovi governanti, con le misure sempre più bislacche che venivano approvate, ma in pochi anni l’intero Paese si disintegrò.

Il disastro dell’Ecocentrale di Roma antica in fondo fu solo un episodio.

Se mettesse piede nei confini della Repubblica Costituzionale Italiana  il premier di allora verrebbero immediatamente arrestato,vista la condanna a suo tempo emessa dall’Alta Corte di Firenze, ma se ne sta sereno al riparo del suo scranno di eterno Portavoce del Stato dei Cittadini di Ausonia (rieletto se non sbaglio per la 19° volta); non può nemmeno, poverino, attraversare lo stretto, perché la Repubblica Indipendentissima di Sicilia non ama -notoriamente- i napoletani, che tuttora sospetta di mire espansionistiche.

Un tempo si chiamava Italia, questo povero Paese, oggi a Nord del Po abbiamo persino due Repubbliche di Venezia, la Repubblica di Venezia al di qua del Ponte e la Repubblica di Venezia al di là del Ponte, formalmente Serenissima Repubblica di Venezia e Repubblica del Popolo di Venezia.

E l’altro giorno ho letto che la Repubblica di Venezia al di là del Ponte ha finalmente inaugurato il proprio aeroporto internazionale sull’Isola del Lido, per non dover più usare l’aeroporto dei razzisti della terraferma, come li chiamano loro.

D’altronde la Repubblica di Venezia al di qua del Ponte è nota per la sua litigiosità, visto il conflitto che da anni la oppone alla Repubblica PADANIA per il controllo della sponda occidentale del Lago di Garda,con l’alleanza davvero contronatura tra Venetisti e i neo-jihadisti di Al Brescianùs, o il tentativo secessionista della Patria del Friùl appoggiato dall’Austria che forse voleva replicare l’operazione del Gross Sudtirol.

Povera Italia; forse hanno avuto ragione quelli di Varese ad aggregarsi alla Svizzera come Canton Varès non appena hanno potuto, o il Regno di Savoia, Genova e Piemonte a richiamare i propri regnanti di un tempo…

Pensare che tutto era cominciato con due semplici elezioni locali.

E mentre questi pensieri mi affollano la testa, l’hovercraf passa vicino al Grande Cratere, che per la prima volta vedo dal vivo, e poi riprende la strada verso Roma, il centro urbano sul Tirreno che  un tempo veniva chiamata Ostia.

Annunci

El Re dei sorzi

The mouse king by Bombadile on deviantart.comilePochi cristiani lo sa, ma esisti anca un Re dei sorzi, anzi pì de uno, come che ve dirò.

El Re dei sorzi ṡe rispetà e obedìo da tuti i sorzi, e anca le pantegane riconosse la su’ autorità; ṡe eo che decide tute le robe che conta par i sorzi, e anca el decidi su le gran litigade.

I sorzi ṡe bestie democratiche, co’ mori un Re i se riunisse tuti insieme de una parte granda bastante, e i se ne cata un altro.  De prinzipio, co’ i sorzi no ṡera massa come ‘desso, ṡera facile che tuti i sorzi del mondo se riuniva dove capitava per sejerse el Re, ma ogi ṡe quasi imposibile, e questo ṡe el motivo per cui ghe ṡe tanti Re dei sorzi.  Me spiego: i sorzi veneti i ga un Re, quei da Milàn un altro, quei de Roma (che i ṡe massa tanti) el suo, i sorzi della bassa un altro ancora, e via disendo, solo che ognidun de ‘sti Re credi de eser el Re de tuti i sorzi del mondo, qualchedùn dise anche de el universo.  Ma no ṡe  miga vero però.

De le altre parti no saverìa, ma in Veneto la roba funsiona cussì; la volta che mòri un Re tuti i sorzi veneti i se mete d’acordo e a mezanote prezisa i fa una grande riunìon con tanti de quei sorzi che no podè manco imaginar (e per fortuna de voartri).

 No ghe ṡe solo sorzi, ghe vien anche qualche altra bestia, e tra tute le pantegane, che sta drìo al servissio d’ordine, e una delegassiòn de’ torresani.  I torresani ṡe ‘sai amici dei sorzi, pero ocori star ‘tenti, ché a i torresani no ghe piase massa eser diti “sorzi co le ali” perché lori se considera pì dei cocai più pici, anche se i cocai no ghe piase ‘sta roba esendo un poco razisti co i altri osei.

A ogni modo, ṡe el popolo dei sorzi che decide el nome del suo Re, in questa maniera: el più vecio de tuti i sorzi presenti se fa avanti, e el dise una letera, metemo la “M”; ‘lora riva el secondo più vecio e dise una seconda letera, metemo la  “E”, e cussì vìa; se un sorzo dopo l’altro e una letera dopo l’altra viene fora nome e soranome de un sorzo (i ga tuti dei soranomi, de solito), quel deventa Re.  Se inveze vien fora una roba senza senso, ‘lora se continua co i sorzi meno veci, fino a che non vien fora un nome giusto.  Per far un esempio, se viene fora, metemo MENEGO SCIOPETA, e ghe  ṡe  un sorzo ciamado e dito cussì, el deventa re; se inveze viene  fora MENEGTXQ, se ricomincia con el giro, ma quei che ga votà no i poe pì.

In bona sostanza, per deventar Re dei sorzi, ocori che un quindese sorzi ciamadi de seguito i sii d’acordo su el nome, e se no se ricominsia da capo.  Miga bagoi la politica dei sorzi!

Un ano i sorzi no se meteva proprio d’acordo, e che vignida sempre fora nomi strambi, perché ghe ṡera come tre partiti rabiadi tra lori, e meno male che ghe ṡera  el servissio d’ordine de le pantegane con cui no ghe piase a nisuni scherzar, se no i sorzi i se meteva le zate indoso.  Bòn, forza che i sorzi ciamadi un drìo l’altro i tirava fora letere baràte solo perché no vegnissi fora el nome de el grupo de quei altri, vien fòra MYGGHKLJA.

Un sorzeto se alza su e dise “scominsiemo de novo” quando che de el fondo un sorzo cori avanti, con la zata alzada.  Tuti lo varda e i se dimanda: “ma eo chi ṡeo?”.

El sorzo el se fa avanti e el se presenta: me ciamo Mygghklja, son un sorzo de la Moldavia vignùo qua sora de un tir, ma vivo qua de dodese anni.  “Te se ciami Mygghlkja par vero?” i ghe domanda, e quel giura e spergiura de sì, e no ghe ṡe gnanca bisogno de far el giro per el soranome perché altri Mygghklia non ghe ṡe.

E cussì el sorzo Mygghklja el ga divenesto Re dei sorzi, anca che girava ‘na vose che el suo vero nome ṡera Nicolae Morlaccòn de Cioza, e la unica roba vera de la sua storia ṡera che el ṡera un sorzo rumeno de parte de mare.

Quale che fusse la verità, el bon Mygghklja ga tignudo la corona per poco tempo, perchè un dì che el caminava beato con el suo beo mantèo roso un gato se lo ga catà, e de eo nisuni gà più savesto niente.

La morale de la storia ṡe che te poe anca tor per el naso domila sorzi, ma prìa o poi el fato in forma de gato te fa pagar el conto.

Glossario:

Baràto: guasto

Cocai: gabbiani

Pantegane: ratti

Sorzo: topo

Torresani: colombi

Zata: zampa

Rubacuori d’Italia (ep. 26)

Queste giornate, in cui all’Italia non viene nemmeno concessa la grazia di uno scandalo sessuale serio, e al posto di Monica Lewinsky ci capita Ruby Rubacuori, non si può certo dire che manchino le candidature per salire su La Nave de Los Monstruos.

A partire da lei, la neodiciottenne Ruby, già protagonista di stravaganti interviste, con frasi tipo

mi piacerebbe fare il Carabiniere, ma mi sono sempre trovata dall’altra parte

Ma in fondo la giovane Ruby fa quasi tenerezza, e anzi , anche se lei sogna le mostrine, le auguriamo un futuro nello show business, magari come cantante come l’omonima cantante egiziana (sarà parente di Mubarak?) di cui vi propongo il video.  E sennò si può sempre campare di ospitate televisive.

Ci sarebbe poi Lui, l’Amato Leader, nella stagione della sua decadenza, l’uomo che ha Drive In come proprio retroterra culturale e ideologico e Gino Bramieri come filososo di riferimento, ma lui è già l’Ammiraglio del Missile della Libertà dove probabilmente troverà posto anche l’elegante (nei modi) deputato Giancarlo Lehner, che commentando la vicenda ha usato termini come marocchine in calore e zoccole pugliesi (testuale).

Sul Missile della Libertà c’è posto anche per  quel famoso direttore di telegiornale, noto per la sua obiettività, che pure è stato messo in mezzo da queste voci maligne, e chissà se faranno salire a bordo anche il famoso manager dei vip, perché pare che abbia proprio quei gusti sessuali che l’Amato Leader si fa vanto di non condividere…

In questo crepuscolo di chi si credeva un Dio c’è però un personaggio che invito volentieri a bordo de La Nave de Los Monstruos, è l’Elettore Medio, che alle prossime elezioni ridarà sicuramente ancora il voto a questi personaggi. Che lo dia direttamente perché crede ancora alle stesse favolette che ci vengono raccontate da 16 anni, o indirettamente perché per lui i-politici-sono-tutti-eguali e quindi non vota e quindi vota per Berlusconi & Co., l’Elettore Medio vince un biglietto per La Nave de Los Monstruos, dove peraltro troverà molti dei personaggi cui è affezionato o che gli piaceranno a prima occhiata.

Certo, potrebbe pure darsi che questa volta l’Elettore Medio si dia una svegliata, e non rinnovi la fiducia all’Amato Leader. Ma in questo caso, siatene certi, riuscirà nell’incredibile impresa di scegliere di peggio.

La Nave de Los Monstruos, Diario del capitano, data astrale Anno XVI dell’Era Berlusconiana.

Il Missile della Libertà (ep. 8)

Diario di bordo, data astrale 20100324.  In questi giorni frenetici di elezioni e propaganda elettorale, da destra continuavano ad arrivare candidature spontanee a salire a bordo de La Nave de Los Monstruos.

Ha cominciato l’Uomo del Panino, di cui non dico il nome perché poveraccio quante gliene avranno fatte passare…

Sta finendo alla grande il Papi Re, che sta dando il meglio del suo repertorio da cabarettista, passando per quell’incredibile slogan coniato per la manifestazione flop di sabato scorso

l’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio

Sembra una di quelle frasette banalotte che i sempliciotti condividono su facebook… magari accompagnato dall’immagine di un orsetto del cuore, tipo questa, tanto per intendersi.

Ecco, come simbolo del nuovo partito di Papi, quello che verrà fuori dopo la sconfitta alle regionali, l’orsetto azzurro del cuore va benissimo, basta scrivergli sulla pancia “CON BERLUSCONI”.

Di fronte a tutto questo, e di fronte a tutti i grandi esempi di umorismo involontario che affollano il Popolo della Libertà, su La Nave de Los Monstruos non ci sarebbe nemmeno posto.

Per fortuna mi è giunta notizia che il PdL ha una navicella tutta sua, dal roboante e italico nome di Missile della Libertà; una navicella che è un po’ come La Nave de Los Monstruos, ma più dinamica e accattivante, e già piena zeppa di personaggi da collezione.

Destinazione: il più lontano possibile da qui, grazie.

Menzione speciale: mentre il Missile (dopo 22 annunci e 3 falsi conti alla rovescia) è pronto al decollo, grazie a un volantino nella mia cassetta postale ho scoperto un altro dei passeggeri: dopo aver specificato di essere (testuale)

non stupido

e

non “bla bla bla”

il nostro si vanta nella colonna sinistra di essere stato assessore provinciale e consigliere della camera di commercio, e nella colonna sinistra propone di abolire province e camere di commercio… Mi sembra coerente.

L’ho detto che per i ragazzi e le ragazze del PdL non c’è posto su La Nave de Los Monstruos, ci vuole un razzo tutto per loro (e per fortuna, grazie a Silvio, questo razzo oggi c’è)!

Propaganda

speaker-dolls

Oggi vado fuori tema.   Non di tanto, però, perché comunque il mio è un modo per festeggiare la Giornata Mondiale per lo Sviluppo dell’Informazione,  diffondendo informazioni utili.  Utili (almeno spero) a chi le legge e anche agli altri (se raggiungeranno lo scopo).

E per farlo vi parlerò del sogno che ho fatto stanotte.  Chissenefrega, direte voi, ma quante volte lo potremmo dire nel mondo dei blog?

Comunque stanotte ho sognato che me ne stavo in pizzeria, e vicino a me c’era Gesù.   Non mi ricordo com’era vestito, se aveva la tunica o una tuta bianca dell’Adidas, comunque era Lui, indubitalmente Lui.

“Sai, Gesù” gli ho detto “Visto che domenica si vota vorrei fare un po’ di propaganda a Ignazio Marino, sai il terzo candidato alle primarie del PD, quello che pur di non dargli troppa importanza Franceschini e Bersani si sono già messi d’accordo tra loro?”

“Certo che lo so, non so se hai presente ma io sono tipo onnipotente e onnisciente, eh?”

“Ah, ok, ok, scusa.   Comunque avevo questa idea di fare un post sul mio blog, che ha tanti lettori, potrebbe essere una buona idea, no? Solo che non so se sia giusto parlare di politica, cioé è un po’ off topic, io di solito parlo di relazioni sentimentali e cultura contemporanea, hai visto la nuvola dei tag, quella a fianco, ‘politica’ ha le stesse dimensioni di ‘tim burton’ “

“Figliolo, in verità, in verità io ti dico: se parla di politica repubblica.it lo puoi fare anche tu, che non hai messo la gallery in anteprima dei nuovi calendari nella home page e che quando hai parlato di prostituzione c’era un’immagine di Bender pappone!”

“Sì, ma poi ho un altro dubbio: ma perché devo tanto impegnarmi per Marino?  Ne ho parlato con un amico gay, e non va a votare alla primarie, ne ho parlato con una che convive, e non va a votare, ne ho parlato con una che ripete sempre che a lei gli devono staccare la spina, e non va a votare, perché devo impegnarmi io che sono irrimediabilmente etero, mi ero sposato in Chiesa (beh, questo lo dovresti sapere), e voglio essere tenuto in vita anche se sono più vegetale del ficus qui davanti?”

“E’ molto semplice, caro Puccino, tu vorresti uno Stato che decida chi devi sposare, quando devi morire, e che film puoi vedere?”

“No, assolutamente, e anzi mi piacerebbe potere vedere anche Agorà, sai quel film sulla sacerdotessa pagana uccisa da fondamentalisti che non avevano capito nulla di quello che hai detto tu, che in Italia non trova un distributore ma che in Spagna è stato record di ascolti?”

“La libertà è importante, per questo mio Padre ve l’ha data, non dimenticatelo mai.  Ma forse sto quasi quasi pensando che l’Italia avrebbe bisogno anche lei di cinquant’anni di regime clerico-fascista… Che ne dici?  Si può fare, basta che mi impegno un po’, non ci vuole neanche tanto, secondo Me”

“No, beh… grazie per l’interessamento ma… magari ci ripensi tra un secolo, dai!  Piuttosto avrei un altro desiderio, posso?”

“Dimmi…”

“Mi piacerebbe svegliarmi una mattina, e leggere su qualche blog che Marino è solo un burattino, che non ha mantenuto le promesse, che non è veramente di sinistra e cose così, e lo sai perché?  Perché allora vorrebbe veramente dire che abbiamo vinto.   Dici che è un desiderio irrealizzabile?”

“Intanto posta quel video… e poi vediamo cosa si può fare”.