Trasmutazioni

82 by La Esmeralda on deviantart.com

Dieci verità disvelate, tra politica, istoria e religione, e se non siete d’accordo con me mi spiace per voi.

1) Non è vero che i dinosauri si sono estinti, ora si chiamano uccelli

ricordatevelo la prossima volta che incrociate un piccione, suo nonno si chiamava Allosauro

2) Non è vero che gli Etruschi sono scomparsi, sono diventati Romani.

il fatto che gli ultimi tre Re di Roma e tutta la simbologia del potere fossero etruschi  e che l’alfabeto in fondo è quello vi dice qualcosa?

3) Non è vero che l’Impero Romano è finito, adesso si chiama Chiesa Cattolica

il Papa si definisce Sommo Pontefice, uno dei titoli dell’Imperatore romano, la lingua ufficiale è il latino, il diritto canonico discende da quello romano, e da millecinquecento anni la Chiesa governa la città eterna quasi ininterrotamente

4) Non è vero che i Testimoni di Geova sono una strana religione

sono Cristiani anche loro, tecnicamente protestanti, nella realtà fondamentalisti come neanche il più cattolico dei cattolici

5) Non è vero che lo Stato fascista è finito nel 1943

le Leggi sono rimaste le stesse, il Capo dello Stato anche, le istituzioni e i funzionari pubblici pure, il 25 luglio 1943 è terminato il regime dittatoriale (poi denegerato nello pseudo stato repubblichino), ma lo Stato costruito dal fascismo è continuato ad esistere anche dopo la guerra e il Presidente della Repubblica è solo la continuazione della monarchia sabauda in forma elettiva

6) Non è vero che il regime sovietico è finito, ora si chiama Vladimir Putin

che da giovanotto era un agente del Kgb iscritto al PCUS, mica un dissidente idealista

7) Non è vero che gli uomini di Neanderthal si sono estinti

un giro per strada o in metropolitana e cambiate idea

8) Non è vero che se non vai in vacanza gratis con le ferie pagate da un milionario sei uno sfigato

sei semplicemente onesto

9) Non è vero che la Massoneria ha un programma di dominio del mondo

la Massoneria di fatto ha già realizzato gli Stati Uniti, ne ha ispirato la legislazione, l’ideologia, ha persino fatto costruire una Capitale piena di evidenti simboli massonici, e ora gli Stati Uniti sono leader mondiali, che altro deve fare la Massoneria ancora?

10) Non è vero che Berlusconi organizzava serate hard nella sua villa

erano (cito) simpatiche gare di burlesque, in un’atmosfera di gioiosità e serenità, e lui fino a pochi mesi fa era l’uomo più potente d’Italia, ma ci rendiamo conto?

Smentita dall’Universo

(ASMA) – San Pietroburgo, 28 Mar – Vibrante protesta del governo del Pianeta Omicron Persei 8, di fronte alle dichiarazioni rese oggi dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che avrebbe rivendicato di essere l’uomo più imputato di chiunque nella storia e nell’Universo.

Stando a quanto riferisce l’agenzia di stampa Notizija, la protesta dell’addetto stampa dell’imperatore del pianeta alieno sarebbe stata comunicata telepaticamente all’ing. Dmitri Nerednov, direttore scientifico dell’agenzia ufologica russa, che l’ha riportata ai media.

Secondo la breve nota, tradotta in russo dall’ing. Nerednov stesso, il governo di Omicron Persei 8 è a conoscenza di ben 77,5 casi di persone imputate più di Silvio Berlusconi, e questo solo nella nostra Galassia, e ben 15,5 di questi casi nel solo Omicron Persei 8, di cui 4 conclusi con l’assoluzione da tutte le accuse, 1 con la divisione a metà dell’imputato, 9 con la pena del divoramento e 3 con la prescrizione (e successivo divoramento del Pubblico Accusatore, secondo la tradizione di Omicron Persei 8). riproduzione riservata

E mo’ basta però (ep. 29)

Su La Nave de Los Monstruos ci sono troppi passeggeri di destra, bisogna riequilibrare.

Quando ero ragazzino, figlio di genitori molto politicizzati, un giorno mi portarono a un comizio, nella piazza centrale della mia cittadina, piena di gente e di bandiere rosse; di fatto al comunismo non ci credeva (per fortuna) già nessuno, ma si sa, in Italia siamo affezionati alla maglietta della squadra del cuore; a un certo punto, comunque, dopo il rituale saluto del compagno sloveno, del dirigente dei giovani comunisti, dell’immancabile comandante partigiano, ecco arrivare il turno dell’oratore principale.

Si era ai tempi del governo Craxi, o giù di lì, anni ottanta comunque, e ricordo bene il discorso, tutto incentrato sul grave pericolo che stava  vivendo il nostro Paese, il grande pericolo per la democrazia, naturalmente. Sul momento mi preoccupai, già immaginavo di dover andare in montagna a fare la giovane staffetta partigiana.

Non ce ne fu bisogno. Le elezioni furono vinte dagli altri, come al solito, ma ciò nulla successe alla democrazia.

La storia si ripetè quasi ad ogni votazione, ogni volta la nostra controparte costituiva un grave pericolo per la democrazia, e ogni volta non succedeva niente.

E poi arrivò Berlusconi, altri sedici anni di allarmati allarmi per la democrazia italiana, che naturalmente con tutti i suoi difetti è sempre là, senza che né Craxi né Berlusconi né tutti gli altri ipotetici nemici della democrazia l’abbiano mai messa in pericolo, come d’altro canto non mi risulta che nel periodo 2001-2006 Prodi o D’Alema abbiano instaurato il comunismo nel nostro Paese.

Per questo non sopporto chi ad ogni piè sospinto vede l’Italia come un regime tirannico, per questo mi è venuto il latte alla ginocchia leggendo che a un riunione di una corrente del PD tra l’altro a me molto vicina qualcuno l’altro giorno si è alzato in piedi per leggere il Discorso sulla democrazia di Pericle agli Ateniesi, aulica e sproporzionatissima risposta ai presunti misfatti del Presidente del Consiglio.

Per questo ho pensato di offrire un biglietto su La Nave de Los Monstruos proprio all’Intellettuale Antiberlusconiano, quello che ogni sera a cena con gli amici deve perdersi in una filippica contro il nuovo tiranno, e poi magari lui non è nemmeno andato a votare, me lo immagino con la giacca in tweed magari con le toppe, il Fatto quotidiano bene in vista, gli occhiali con la catenella e l’eloquio forbito, un attimo vi parla della nuova marina in Croazia dove vuole andare questa estate con il Gigio e la Bibi, una donna davvero beeeellissima,  ma all’improvviso si infervora quando parla di Berlusconi Bondi o la Gelmini come un qualsiasi lettore di Libero quando parla di Fini.

Anche io non vedo l’ora che l’epoca berlusconiana finisca (ci siamo quasi, mi sa) ma soprattutto perché sono davvero stufo delle solite tiritere dell’antiberlusconismo, di cui la sinistra è prigioniera da davvero troppo tempo.

La Nave de Los Monstruos, Diario del capitano, Anno stellare 2011, ripeto anche per il nuovo passeggero: l’anno è il 2011, non il 1926.

Offerta libera

Si è riunita oggi, in via dello Spilungone 14 a Roma, la Direzione nazionale de La Nave de Los Monstruos – Partito Democratico della Libertà nell’Alleanza Azionale per l’Italia di Unità del Centrodestra Sinistra,  che dopo ampio dibattito, e presa nota del pregevole discorso pronunciato quest’Oggi del Presidente del Consiglio presso l’Aula del Senato della Repubblica, ha approvato il seguente

ORDINE DEL GIORNO

la Direzionale nazionale de La Nave de Los Monstruos PD-L AAI UdC-S

vista la grave situazione economica e politica in cui versa il Paese

ascoltate le significative parole del Presidente del Consiglio Cav. Silvio Berlusconi

ritenuta la necessità di salvaguardare la stabilità e la governabilità, anche al fine di evitare fenomeni di speculazione, anche monetaria, ma pure la benzina è aumentata (non so se c’entra questo casomai lo togliamo Gigi per favore controlla)

preso atto dell’esistenza di ben dieci posti dieci di governo attualmente vacanti

considerata l’importanza del ruolo politico di La Nave de Los Monstruos PD-L AAI UdC-S come unica formazione politica italiana di centrodestra-sinistra

valutata l’opportunità di assumere posizioni di responsabilità nazionale

esaminata la lista dei parlamentari segretamente aderenti a La Nave de Los Monstruos PD-L AAI UdC-S

udita la relazione del Segretario Nazionale

dichiara

la disponibilità al voto favorevole alla mozione di fiducia nei confronti del governo presieduto dal Cav. Berlusconi, che potrà essere assicurato a fronte dell’impegno del Presidente del Consiglio ad assicurare pari dignità politica a La Nave de Los Monstruos PD-L AAI UdC-S, che propone fin d’ora il proprio Segretario Nazionale per l’assunzione di incarichi governativi, preferibilmente come Ministro,e c’è pure uno della Direzione che è un po’ indietro con le rate del mutuo, ma verranno valutate anche proposte diverse, se adeguate, purché serie, no perditempo

Se interessati, scrivete a: direzionenazionale@lanavedelosmonstruospdl.net.

Rubacuori d’Italia (ep. 26)

Queste giornate, in cui all’Italia non viene nemmeno concessa la grazia di uno scandalo sessuale serio, e al posto di Monica Lewinsky ci capita Ruby Rubacuori, non si può certo dire che manchino le candidature per salire su La Nave de Los Monstruos.

A partire da lei, la neodiciottenne Ruby, già protagonista di stravaganti interviste, con frasi tipo

mi piacerebbe fare il Carabiniere, ma mi sono sempre trovata dall’altra parte

Ma in fondo la giovane Ruby fa quasi tenerezza, e anzi , anche se lei sogna le mostrine, le auguriamo un futuro nello show business, magari come cantante come l’omonima cantante egiziana (sarà parente di Mubarak?) di cui vi propongo il video.  E sennò si può sempre campare di ospitate televisive.

Ci sarebbe poi Lui, l’Amato Leader, nella stagione della sua decadenza, l’uomo che ha Drive In come proprio retroterra culturale e ideologico e Gino Bramieri come filososo di riferimento, ma lui è già l’Ammiraglio del Missile della Libertà dove probabilmente troverà posto anche l’elegante (nei modi) deputato Giancarlo Lehner, che commentando la vicenda ha usato termini come marocchine in calore e zoccole pugliesi (testuale).

Sul Missile della Libertà c’è posto anche per  quel famoso direttore di telegiornale, noto per la sua obiettività, che pure è stato messo in mezzo da queste voci maligne, e chissà se faranno salire a bordo anche il famoso manager dei vip, perché pare che abbia proprio quei gusti sessuali che l’Amato Leader si fa vanto di non condividere…

In questo crepuscolo di chi si credeva un Dio c’è però un personaggio che invito volentieri a bordo de La Nave de Los Monstruos, è l’Elettore Medio, che alle prossime elezioni ridarà sicuramente ancora il voto a questi personaggi. Che lo dia direttamente perché crede ancora alle stesse favolette che ci vengono raccontate da 16 anni, o indirettamente perché per lui i-politici-sono-tutti-eguali e quindi non vota e quindi vota per Berlusconi & Co., l’Elettore Medio vince un biglietto per La Nave de Los Monstruos, dove peraltro troverà molti dei personaggi cui è affezionato o che gli piaceranno a prima occhiata.

Certo, potrebbe pure darsi che questa volta l’Elettore Medio si dia una svegliata, e non rinnovi la fiducia all’Amato Leader. Ma in questo caso, siatene certi, riuscirà nell’incredibile impresa di scegliere di peggio.

La Nave de Los Monstruos, Diario del capitano, data astrale Anno XVI dell’Era Berlusconiana.