Affreschi · Asserismi · Lettere dalla Quarantena · Risposte

Vite

 

L’ultima lettera, da una quarantena che non c’è più.

Ormai più di dieci giorni fa l’isolamento in casa è finito, abbiamo superato anche l’ottava porta, quell’ultimo dannato tampone e adesso siamo tutti liberi.

Ne siamo usciti. Liberi e per fortuna sani. Ma nulla sarà come prima nella nostra esistenza, nella mia testa, nella mia famiglia, dopo questa complessa esperienza in cui eravamo confinati dal mondo comincia un’altra (fase della mia) vita.

Dicono che i gatti abbiano nove vite, uno dei miei di sicuro, visto quante ne ha passate indenne nei suoi oltre 16 anni di vita… ma chissà quante vite abbiano noi esseri umani.  Ne abbiamo anche noi più di una?

Se fosse così, superando indenne la Covid-19 (al femminile, è una malattia), ho anche io speso una delle mie vite?  Se fosse così, sarebbe la mia quarta vita.

La prima vita credo di avermela giocata quando mi ha punto il pesce ragno, credo fosse verso la fine degli anni ’80, ricordo ancora la spiacevole sensazione del piede che sembrava di marmo, ma un po’ di ammoniaca e sopportazione, ed è finita bene…

La seconda vita è andata quando per  uno o due metri la mia automobile, per un attimo di distrazione, ha superato a tutta velocità l’incrocio con una trada trafficata e non è finita contro un muro, penso fosse il 1999…

La terza è stato quando ho avuto un misterioso virus tropicale, nell’estate di tre anni fa, e lì ero finito ricoverato e mezzo paralizzato per una settimana, finché il mio sistema immunitario ha risolto da solo il problema che i medici ancora non avevano identificato.

Il nuovo coronavirus nel mio caso non è stato molto feroce, non mi ha aggredito come ha fatto con altri, ma si tratta pur sempre di una malattia con un tasso terribile di letalità, e quindi ben posso dire che un’altra vita l’ho spesa.

Se non ho dimenticato niente, in tutto sono quattro vite perse, speriamo che in tutto siano non meno di sette, perché ho intenzione di restare su questa terra almeno altri  cinquant’anni.

Perché il tempo passa troppo veloce,

trop vite,

come dicono i francesi

 

Affreschi · Due di Cuori · Risposte · Scelte

Dieci ottimi motivi per (ri)sposarsi

wedding.jpg

Capita che la vita riservi brutte sorprese e delusioni, diciamo che capita a circa il 99,9987% degli esseri umani.

La reazione può essere sfiducia o cinismo, oppure un sano, un po’ irrazionale, ottimismo.

Chi oggi, in una società libera e moderna, decide di sposarsi fa una scelta di fiducia e ottimismo, risposarsi una seconda volta, ancora di più, e per incoraggiare chi voglia fare come me (arrivato a ben tre matrimoni tre, anche se due con la stessa persona) l’ultima Risposta, conclusiva di una serie iniziata anni fa, la dedico alla Domanda

perché (ri)sposarsi?

Risposta n. 100

  1. perché essere ottimisti è meglio che essere realisti, se anche il tuo ottimismo è mal riposo comunque vivrai più sereno e felice
  2. perché hai trovato una donna meravigliosa e piena di entusiasmo, con cui non ti annoi mai
  3. perché, anche prima di sposarsi, hai costruito una famiglia con due bellissime bambine, e quando sei da solo ti senti come se ti mancasse qualcosa
  4. perché non c’è niente di male a prendersi un impegno per la vita, quando credi veramente in quello che fai
  5. perché ai tuoi occhi il peggiore difetto della persona che ami è solo che non ti presta tutta l’attenzione che vorresti, perché ciò che desideri è solo avere ancora di più di lei
  6. perché non è mai troppo presto o troppo tardi, e non sei mai troppo giovane o troppo vecchio/a per unire il tuo destino a un’altra persona
  7. perché hai trovato una persona con cui condividi più della metà delle cose che ti piacciono e che rendono la vita più bella, e ormai hai compreso che se vuoi trovare una persona che ti rispecchi al 100% tanto vale restare da solo
  8. perché quando vi amate non vorresti essere in nessun altro posto, e con nessuna altra persona
  9. perché in tutte le disavventure che avete vissuto insieme, nei momenti di paura e nei momenti di dolore più intenso, in una stanza d’ospedale o in mezzo a una tempesta di neve, siete stati uniti e ne siete usciti insieme, e alla fine fuori dalla galleria c’era sempre il sole in alto nel cielo
  10. perché la ami anche se a lei piace Baglioni e tu invece ascolti la musica tamarra, perché vivere insieme è accettarsi così e incontrarsi nelle cose che invece condividi (e spero che le piaccia la canzone che le dedico… 😉 )

Well I found a woman, stronger than anyone I know
She shares my dreams, I hope that someday I’ll share her home
I found a love, to carry more than just my secrets
To carry love, to carry children of our own
We are still kids, but we’re so in love
Fighting against all odds
I know we’ll be alright this time
Darling, just hold my hand
Be my girl, I’ll be your man
I see my future in your eyes