Grillo: ho sempre stimato Renzi “uno di noi”

grillo renzi.jpg

(ASMA) – Roma, 7 dic. -Stupefacente rivelazione è quella che proviene da  fonti interne al moVimento 5 stelle (si parla già di boofaleaks) secondo cui, in conversazioni riservate con Roberto Fico e Luigi Di Maio, il leader e fondatore Beppe Grillo mai avrebbe rivelato di avere grande stima e apprezzamento per Matteo Renzi, al punto di pensare proprio a lui come futuro presidente del consiglio di un governo a 5 stelle.

“Renzi non è il PD, lui è come noi, quando vinceremo dovremo fare qualcosa insieme, magari lo mettiamo come nostro premier, perché anche lui vuole cambiare le cose e rovesciare il sistema, si può essere avversari e poi fare le cose insieme, in Germania lo fanno da anni” non avrebbe dichiarato Grillo ai due esponenti del movimento 5 stelle che finora hanno più ambizioni di ricoprire il posto di presidente del consiglio in un futuro governo 5 stelle.  E di fronte alle obiezioni, in particolare, di Roberto Fico, Grillo non avrebbe confidato di avere già avviato contatti con Renzi, che si sarebbe detto “entusiasta” del programma energetico esposto sul sito beppegrillo.it, assicurando che lui a casa spegne tutti i led degli elettrodomestici e ha appena comprato un kit completo di lampadine a basso consumo.

 

 

Ovviamente questa notizia è palesemente inventata, è uno scherzo ideato per vedere quanto e come le bufale si diffondono in rete sembrando vere.

Italia got statists

Impauriti dalla prospettiva di Briatore presidente del consiglio?  Beh, la fisica quantistica ci insegna che i possibili futuri alternativi possono essere altri, anche peggiori di questo, ma immarcescibile nel progresso verso il baratro l’Italiano medio sempre incazzoso ci offrirà sempre le sue immancabili perle di saggezza.

Oggi sono molti quelli che dicono come un ritornello che “Renzi è anche peggio di Berlusconi”, ma cosa potrebbero dire nel prossimo futuro sui nuovi leader che il nostro corpo elettorale saprà scegliersi (in una realtà alternativa al precedente post)?

dimaio

Presidente del Consiglio dei Ministri Luigi Di Maio (M5S) – anno 2021

“Di Maio è anche peggio di Renzi”

fedez

Portavoce del Consiglio dei Ministri  Federico Leonardo Lucia detto “Fedez”(Movimento Sette Stelle We Are The People) – anno 2030

“Fedez è anche peggio di Di Maio”

Corona.jpg

Presidente della Repubblica e Primo Ministro Fabrizio Corona (con Corona per l’Onore d’Italia)- anno 2035

“Eh sì, quand’era giovane e ribelle ha avuto i suoi problemi, ma chi non li ha, e poi almeno lui non si presenta per quello che non è”

Itallionaire

briatore-e-trump

Non so come finiranno le presidenziali americane, se a Trump riuscirà l’impossibile, ma quello che sta  succedendo in questi ultimi mesi del 2016 mi porta a intravedere in Italia un futuro tetro, anzi peggio, lampadato.

Il Movimento di Grillo che si sta autodistruggendo a Roma e Renzi che sembra precipitare piano piano verso la disfatta referendaria non porteranno a un lieto fine con Pizzarotti, Civati e Parisi a discutere razionalmente di diverse opzioni.

No, dopo la disintegrazione dei cinque stelle e l’evaporazione di Renzi quella parte d’Italia piccolo borghese e eternamente incazzosa che nei decenni ci ha “regalato” il fascismo, il dominio diccì, Berlusconi e adesso i grillini, probabilmente  sceglierà di affidarsi alla versione italiana del tycoon americano, e se solo deciderà di entrare in politica Flavio Briatore e la sua Lista Smeralda otterranno una vittoria schiacciante contro qualsiasi avversario.

Anche contro un avversario più affidabile, più serio e con un programma migliore?  Insomma, uno stile Pizzarotti, Civati o Parisi?

Soprattutto in quel caso.

 

 

 

Italia 20M5

cratere

Finalmente rivedo Roma antica; il selciato di via del Corso, le colonne ancora in piedi di Galleria Alberto Sordi, i ruderi di palazzo Chigi, la facciata ancora miracolosamente integra di Montecitorio.

Ho voluto essere tra i primi a partecipare a una visita guidata nella vecchia città, dopo il completamento delle ultime bonifiche ambientali, e il cuore mi si apre mentre seduto sulle poltrone dell’hovercraft rivedo i luoghi che per anni mi erano stati così famigliari.

Un po’ di colpa per quello che è accaduto, forse, è anche mia, anche io ero stato tra quelli che nel 2016 avevo votato per il Movimento, per un forte voto di protesta, e avevo esultato per le vittorie di Roma e di Milano e poi, l’anno dopo, per la sorprendente vittoria al ballottaggio nelle elezioni nazionali, per soli 10.224 voti.  Tra quei 10.224 c’era anche il mio.

All’inizio sembrava tutto a  posto, c’era grande entusiamo nel Paese, poi non so se fosse vero che i poteri forti e le multinazionali si fossero opposte in ogni modo al nuovo governo, o se fosse stata solo la totale incapacità dei nuovi governanti, con le misure sempre più bislacche che venivano approvate, ma in pochi anni l’intero Paese si disintegrò.

Il disastro dell’Ecocentrale di Roma antica in fondo fu solo un episodio.

Se mettesse piede nei confini della Repubblica Costituzionale Italiana  il premier di allora verrebbero immediatamente arrestato,vista la condanna a suo tempo emessa dall’Alta Corte di Firenze, ma se ne sta sereno al riparo del suo scranno di eterno Portavoce del Stato dei Cittadini di Ausonia (rieletto se non sbaglio per la 19° volta); non può nemmeno, poverino, attraversare lo stretto, perché la Repubblica Indipendentissima di Sicilia non ama -notoriamente- i napoletani, che tuttora sospetta di mire espansionistiche.

Un tempo si chiamava Italia, questo povero Paese, oggi a Nord del Po abbiamo persino due Repubbliche di Venezia, la Repubblica di Venezia al di qua del Ponte e la Repubblica di Venezia al di là del Ponte, formalmente Serenissima Repubblica di Venezia e Repubblica del Popolo di Venezia.

E l’altro giorno ho letto che la Repubblica di Venezia al di là del Ponte ha finalmente inaugurato il proprio aeroporto internazionale sull’Isola del Lido, per non dover più usare l’aeroporto dei razzisti della terraferma, come li chiamano loro.

D’altronde la Repubblica di Venezia al di qua del Ponte è nota per la sua litigiosità, visto il conflitto che da anni la oppone alla Repubblica PADANIA per il controllo della sponda occidentale del Lago di Garda,con l’alleanza davvero contronatura tra Venetisti e i neo-jihadisti di Al Brescianùs, o il tentativo secessionista della Patria del Friùl appoggiato dall’Austria che forse voleva replicare l’operazione del Gross Sudtirol.

Povera Italia; forse hanno avuto ragione quelli di Varese ad aggregarsi alla Svizzera come Canton Varès non appena hanno potuto, o il Regno di Savoia, Genova e Piemonte a richiamare i propri regnanti di un tempo…

Pensare che tutto era cominciato con due semplici elezioni locali.

E mentre questi pensieri mi affollano la testa, l’hovercraf passa vicino al Grande Cratere, che per la prima volta vedo dal vivo, e poi riprende la strada verso Roma, il centro urbano sul Tirreno che  un tempo veniva chiamata Ostia.