Veterosocialistillion

300x300

Molte, molte epoche fa,

prima che il mondo cambiasse, e che le altre creature parlanti decisero di nascondersi dalla nostra vista ed estraniarsi per sempre dalle nostre vicende, visse il primo socialista, che lottò e unì la sua gente con il fine di

liberare il mondo dall’oppressione dell’uomo sullo gnomo.

Annunci

Avvistato Bigfoot a Vicenza

Big-Foot

(ASMA) – Mosca 1 apr. – Sarebbe stato un militare statunitense, di stanza a Vicenza ad avere avvistato un Bigfoot nei boschi nei dintorni di Trissino, nelle colline vicino alla città veneta.

E’ quanto riferisce l’agenzia di stampa russa Notizija, riportando fonti di intelligence, secondo le quali il giovane americano, reduce da una festa di homecoming con alcuni commilitoni, avrebbe parcheggiato la propria autovettura ai margini di un bosco nei dintorni di Trissino, addentrandosi nel sentiero per espletare un bisogno fisiologico, e qui si sarebbe trovato faccia a faccia con una creatura avente l’inconfondibile aspetto dell’essere che negli Stati Uniti viene chiamato Bigfoot.

Il militare si sarebbe dato alla fuga raggiungendo il proprio compagno che l’attendeva nella vettura, ma pare che la creatura non avesse dimostrato intenzioni ostili, ma, secondo quanto avrebbe riferito il giovane, si sarebbe anzi allontanata con calma addentrandosi nella vegetazione.

Non si tratta del primo avvistamento in zona di una creatura di questo tipo, e va detto che anche leggende locali parlano di un misterioso ominide alto e peloso che vive nei boschi di montagna chiamato omo salvadego.

Ciò nonostante, nessuna fonte locale conferma la notizia, anzi vigorosamente smentita dalle autorità, il che sembrerebbe però provare quanto asserito dall’agenzia di stampa russa, che parla di notizia tenuta volutamente segreta per non diffondere il panico tra la popolazione.

Le dieci teorie più assurde sul Trono di Spade

 

tronodispade

Il Trono di Spade, Game of Thrones nella versione originale, è una serie televisiva straordinaria e così di culto che ben merita la dedica della novantanovesima Risposta alle Grandi Domande delle Vita.

Ora che la settima e penultima stagione si avvia alla conclusione, e che non c’è più la guida dei libri di George R. R. Martin, le teorie dei fan sulla serie si accavallano, ed ecco allora la nostra Risposta alla Domanda

quali sono le teorie più bizzarre sul finale del Trono di Spade?

Risposta n. 99

*** attenzione spoiler (se non avete visto le prime 6 stagioni) ***

  1. Gli Estranei ammazzano tutti a Westeros ma Samwell Tarly si salva viaggiando nel tempo e finendo… nel futuro, nella nostra epoca, dove cambia nome in George R.R. Martin e fa soldi raccontando cosa gli è successo
  2. era tutto un sogno di Bran che dopo la caduta era rimasto in coma per sei mesi ma all’improvviso si sveglia e trova papà Eddard Stark e la mamma e i fratelli che lo guardano abbracciati e felici
  3. il Corvo con Tre Occhi è in realtà Jacob di Lost
  4. Aria si mette la maschera di Daenerys e si dà al sesso sfrenato con Jon, che alla fine dei conti è solo un cugino (di primo grado, ma nel mondo di Game of Thrones è un incesto davvero minore) mentre Dany al piano di sotto discute per ore con Tyrion
  5. gli Estranei vengono sconfitti, si salva solo il Re della Notte, che si iberna dentro un iceberg; passano migliaia di anni, i ghiacci artici si scongelano, e il Re della Notte si ritrova su una spiaggia della Georgia, negli USA; nella scena seguente, mentre passeggia per una statale, si vede il segnale stradale “Atlanta” e passa Rick di The Walking Dead sull’automobile da poliziotto
  6. la missione degli Estranei in realtà era a fin di bene, volevano solo dire agli uomini di volersi bene gli uni con gli altri, di rispettare la natura e di riciclare, la cosa degli zombi era solo per attirare l’attenzione, lo rivela il Re della Notte a Jon prima di morire trafitto da una freccia scagliata da Theon (che come al solito fa casini)
  7. Tyrion non era figlio di Tywin Lannister, ma di sua moglie e di un vero folletto, (ecco perché il padre lo maltratta e la sorella lo odia) nella battaglia finale quando l’armata unita dei sette regni + Daenerys e draghi sta per soccombere Tyrion arriva portando con sé un’armata magica di folletti, unicorni e fatine e salva tutti; poi si apparta con due fatine e un sorriso malizioso
  8. anche Cersei Lannister è una metamorfa, ma tutta speciale, perché in realtà lei si incarna ne… il Re della Notte… e mo’ so ca**i vostri
  9. Eddard Stark è ancora vivo, è stato resuscitato da Thoros di Myr, ma essendo stato decapitato c’è solo la testa, che Beric Dondarrion porta con sé in una borsa (i fan più attenti hanno notato che lui e Thoros hanno sempre con loro quella misteriosa borsa), ed è lui il vero capo della Fratellanza senza Vessilli, con il nome di Lord Iceaheart
  10. viene fuori che Gendry è figlio di Cersei, quindi è un bastardo Lancaster, sposa Aria che è una Stark, in pratica come Enrico VII Tudor, discendente illegittimo Lancaster che sposò una York e mise fine alla Guerra tra York e Lancaster, ispirazione storica del Trono di Spade, e così coerentemente Gendry e Aria regneranno sui sette regni tipo come i Tudor (o caspita, questa teoria non è mica così bizzarra…).

 

dedicato a una delle biggest fan del Trono di Spade (mia moglie) sempre a caccia di spoiler e teoria strampalate (quasi quanto queste)

Come diventare vampiri

jgkfdlsfssf.jpg

“Se sei vampiro sei già figo quasi di default”

Grazie alla collaborazione con la prestigiosa rivista Bellarix Psicognostica, la redazione di E’ scientificamente dimostrato è in grado di fornire la risposta scientifica alla domanda che attaglia molti adolescenti:

“come fare per diventare un vampiro?”

Risposta (alle Grandi Domande della Vita) n. 98.

Gli studiosi dell’Università Statale di Bolizimagrad, nella Federazione Russa, Territorio di Krasnojarsk, avendo potuto esaminare la peculiare popolazione di Supirgrad, il famoso “villaggio di vampiri”, ha elaborato un protocollo per la trasformazione in vampiro che è entrato in possesso dei giornalisti del noto quindicinale di paranormale e dintorni Bellarix Psicognostica.

Si tratta di un percorso in sei tappe, che comincia con:

  1. iniziare un rapporto di fratellanza con una creatura della notte; sono validi pippistrelli, ragni, falene o gatti, specie quest’ultima che (diciamolo) facilita il superamento di questo passaggio (anche se ci sono falene con cui ho fatto chiacchierate interessanti)
  2. passare un’intera giornata dormendo di giorno e vivendo di notte, importante passare svegli le ore tra mezzanotte e le 6 di mattina; occhio che basta un colpo di sonno e si deve ricominciare da capo la notte successiva
  3. vivere sei giornate in una completa immersione nella narrativa sui vampiri; leggere romanzi di vampiri, guardare film sui vampiri e serie televisive di vampiri e ascoltare musica dedicata ai vampiri, come la famosa sinfonia Stvořeni nocva di Smetana o I will come to bit you tonite dei Morturia
  4. cucinare per 2 volte una pasta con almeno 3 tipi diversi di pasta insieme (tipo rigatoni, farfalle e spaghetti), una specie di sfida al Creatore; nella versione originale si tratta di 3 tipi di ravioli russi
  5. effettuare un pellegrinaggio in una città vampiresca e restarci almeno 6 ore, sei minuti e sei secondi, se già ci vivete dovete visitarne un’altra; nel nostro Paese valgono Torino, Volterra, Venezia, Trani e Benevento ; durante il soggiorno dovete bere un bicchiere di vino, mangiare un pezzo di carne, abbandonare un oggetto che possedete da diverso tempo
  6. cavalcare il drago; il significato di questa prova sarà assolutamente chiaro a chi sarà arrivato a questa parte del percorso, da parte nostra possiamo dire che è una prova che ha a che fare con dare e ricevere piacere.

E’ importante tenere presente che il percorso è efficace solo se chi lo ho intraprende è un hafu, come vengono chiamati i mezzo vampiri, le persone apparentemente normali che però hanno nel loro DNA una parte vampiresca sopita, che le sei tappe servirebbro a  risvegliare.

Se avete il dubbio di essere o meno un hafu, sappiate che la gran parte dei mezzosangue vampiri ha alcuni comportamenti in comune: avversione per le luci troppo forti, propensione a restare svegli la notte, attrazione naturale verso (gl)i (altri) carnivori, improvvisi appetiti sessuali, il cellulare che si scarica troppo velocemente, la tendenza ad amare la musica metal o gotica, e da ultimo l’interesse verso articoli e saggi come questo.

E poi, tutti insieme al concerto dei Morturia…

shall thee die… twang twang twang ziiiing

I will come tonight twang twang twang

when the sky is DAAAAAARK twang twang twang ziiiing

 

Wikileaks: gli Stati Uniti nascondono l’esistenza degli gnomi

gnomi real

(ANSA) Mosca 1 Apr. – È di quelle che lasciano a bocca aperta la notizia trapelata da fonti russe, e svelata dall’agenzia Notizija, secondo cui tra gli ultimi documenti riservatissimi resi pubblici da Wikileaks ci sarebbe la prova di un accordo segreto, risalente addirittura alla presidenza Nixon, tra gli Stati Uniti d’America e gli gnomi delle Dolomiti.

Si tratterebbe di un patto d’intesa e collaborazione siglato nel 1971 dal Segretario di Stato americano e il Connestabile dell’Enrosadira delle Dolomiti, che tra le altre cose vincolava gli Stati Uniti a mantenere sempre segreta l’esistenza stessa degli gnomi dolomitici e del loro regno, e dall’altra parte garantiva all’amministrazione americana l’accesso a tutta una serie di informazioni dal sottomondo.

Non appena uscita la notizia, è arrivata la ferma smentita del Cancelliere dell’Enrosadira, che ha negato sia l’esistenza del patto segreto che dello stesso regno degli gnomi. “È solo una favola per bambini” ha dichiarato l’alto esponente del piccolo regno.

La leggenda della Bissa

torre-bissara A fianco della Basilica palladiana di Vicenza c’è una torre altissima chiamata Torre Bissara; pochi conoscono l’origine del suo nome e la leggenda che vi è collegata, e quasi tutti ignorano perché non sia possibile visitare la Torre.

Un tempo, tanti anni fa, nella città di Vicenza viveva una donna bellissima di nome Bertilla ma che tutti chiamavano Tilla, che apparteneva a una delle famiglie più ricche e illustri della città.  Per essere dal fato dotata di siffatte fortune, invece di essere animata da buoni intenti e spirito d’amore fraterno, era divenuta viziata e vogliosa di avere qualsiasi cosa desiderasse, senza cura delle conseguenze.

Un domenica fuori dalla messa vide un uomo di bell’aspetto e dai modi eleganti, e non appena lo vide pensò che lo voleva fare suo.  Tilla era sposata con un brav’uomo, ma suo marito non era certo l’unico uomo che aveva portato nel suo letto.  L’aitante giovane visto sulle panche della chiesa non sarebbe stato né il primo né l’ultimo, e in fondo era un capriccio come un altro.  Costante, quello era il suo nome, però rifiutò la sua corte, non perché immune alla bellezza di Tilla, ma perché buon cristiano fedele alla sua giovane sposa.

Tilla, che nulla frapponeva alla soddisfazione delle sue brame, sparse allora per la città delle gravi maldicenze sulla sposa di Costante, di lei raccontando nient’altro che quello che lei stessa in realtà faceva e aveva fatto.  La gente è spesso bendisposta alle male parole, ancor di più se vengono da un volto angelico incorniciato da una chioma dorata e se ciò che si racconta ha un alone di malizia, e per tale cagione la reputazione della povera e innocente ragazza fu così rovinata, che il suo matrimonio rovinò e la sventurata ne morì.

Diletta non ebbe alcun rimorso o pentimento, ma il suo unico pensiero fu di ottenere l’immeritato premio della sua propria crudeltà, e usando la finzione di volerlo consolare concupì senza fatica il cuore e il corpo di Costante.

Un mattino però si presentò alla sua porta una vecchia venuta dalle valli occidentali del territorio vicentino, che le disse di avere un dono prezioso per lei.  Tilla non la volle nemmeno ascoltare, e la fece bastonare e cacciare via dalla servitù. La vecchia però non si arrese, e ogni mattino tornò di fronte al palazzo ove  viveva Tilla, fino a suscitare in lei la curiosità per il misterioso dono promesso.  Fu così che il quinto giorno Tilla fece entrare la vecchia, che le disse che avrebbe potuto assicurarle la vita eterna se fosse stata disposta a pagare il giusto prezzo.  Tilla le rispose sprezzante che il giusto prezzo era risparmiarle la vita e non gettarla in un pozzo, e che solo per pietà e per non averla più tra i piedi vi avrebbe aggiunto due ducati.  La vecchia allora estrasse un piccolo sacchetto da sotto il vestito e le gettò addosso la polvere che conteneva, dicendo perché si realizzasse l’incantesimo bastava la volontà di Tilla, che ridendo della vecchia e per prenderla in giro le rispose che sì, di certo non rifiutava un dono prezioso come vivere per sempre.  E poi la fece cacciare via negandole anche i due ducati promessi.

Meglio avrebbe fatto Tilla ad ascoltare un servo che veniva anch’egli dalle valli occidentali e che l’aveva invitata a diffidare della misteriosa vecchia che il servo sospettava fosse una delle streghe che tormentavano quelle contrade.

Passarono sette giorni e Tilla una notte ebbe un terribile incubo, in cui non riusciva a sollevarsi da terra e tutti la fuggivano atterriti.  Alla luce del giorno volle alzarsi per specchiarsi nella sua bellezza, ma non riuscì che a strisciare fuori dal letto.  Non capendo che fosse successo, si guardò le gambe e con orrore vide che erano ricoperte di squame.  Tornò a letto e non uscì dalla sua stanza per giorni, vietando a ognuno, compreso il suo ignaro marito, di vederla o parlarle, mentre un’orrenda mutazione trasformava il suo corpo splendido in quello di un’orrida biscia.

Quando ormai era troppo tardi Tilla disperata volla chiamare aiuto, ma dalla sua bocca uscirono solo sibili, strisciata fuori dalla sua stanza una serva la vide e cercò di colpirla, ella allora uscì di soppiatto fuori dal palazzo e si diresse in strada finché davanti a sé vide la Torre allora chiamata civica, e vi si infilò per nascondersi, salendo fino alla cupola in cima.

Sotto di sé stavano i tetti della città, attorno il cielo azzurro, ma all’improvviso la serpe che era stata la bella Tilla iniziò a sentire delle voci. Si guardò intorno, ma le voci provenivano dal basso.  E non erano voci qualunque, erano persone che sparlavano di altre, per pettegolezzo, astio o invidia.

Sentì una voce più nitida e più vicina, e vide accanto a sé la vecchia che la guardava sogghignando.  La strega le svelò di essere la madre della giovane che la sua cupidigia aveva fatto morire, e di avere appena compiuto la sua vendetta.  Il sortilegio di cui l’aveva fatta vittima aveva dato a Tilla, oltre alle sembianze di una biscia, il triste potere di ascoltare ogni mala parola che si dicesse in città, e di queste parole si sarebbe nutrita come fossero per lei cibo e bevanda.  E sarebbe rimasta in sembianza di serpente per sempre, perché quella era la promessa di eternità che ella ridendo aveva accettato,  fino al momento in cui il sole fosse sorto e tramontato per due volte senza che nella città di Vicenza nessuno avesse più detto maldicenze e falsità al danno di altri.

Con queste parole la vecchia si dileguò com’era apparsa, lasciando la biscia che un tempo era stata Tilla nella più profonda disperazione.

Passarono i giorni, le settimane e i mesi, la sventurata aveva provato invano a lasciarsi morire di fame e di sete  traendone invece conferma delle parole della strega, perché ogni cattiva parola che giungeva alle sue orecchie da rettile la nutriva e  la faceva divenire sempre più grande, finché la presenza nella torre di un enorme biscia divenne di conoscenza pubblica.

I maggiorenti della città proposero di cacciare via il mostro dalla Torre, ma dopo che due armigeri furono divorati vivi e i loro resti fatti precipitare dall’alto, e che stessa sorte ebbe un cavaliere cui nulla servì il suo impavido coraggio, nessuno più si offrì volontario di salire le scale per affrontare quella ormai tutti chiamavano la Bissa, neanche a fronte di laute ricompense.

Fu solo decretato che nessuno, per nessuna ragione, avrebbe potuto salire agli ultimi piani della Torre, e all’entrata fu posto un possente cancello.

La Bissa che un tempo era una donna di nome Tilla rimase quindi lì nella Torre, ingrandendo delle maldicenze che esalavano dalla città, e diventando sempre più grossa e sempre più mostruosa, fino a dare il suo nome alla Torre stessa, che iniziò a essere chiamata la Torre Bissara.

Ma in quale città di provincia passano due giorni interi senza una maldicenza o un pettegolezzo?

Oggi molti anni sono trascorsi, nessuno è più salito le ripide scale degli ultimi piani della Torre Bissara, e con i tempi moderni anche le scuse per non farlo si sono aggiornate, e invece di mostri e sortilegi si parla di questioni di sicurezza.

Vero è che se chiedete a qualche anziano vi racconterà che talvolta la notte, quando sono passate le tre, la Bissa esca dalla torre e attraversi in silenzio le contrade della città, non in cerca di prede vive, ma in preda alla nostalgia di quando attraversava le stesse vie vanitosa nei suoi abiti eleganti e agghindata di splendidi gioielli.

Lo chiamavano Zi’ ‘Nzara

Le calde sere d’estate a Castelmonte Cozzuto, quando i ragazzini vanno a trovare i nonni per bere un buon bicchiere di latte di mandorle e se sono fortunati mangiare qualche marzapane avanzato e se sono fortunatissimi una cassatella di quelle buone, lo sanno che c’è una regola da rispettare: non accendere mai la luce con la porta o la finestra aperte.

Si sa come sono i ragazzini oggi, non ascoltano mai le persone anziane, e fanno quello che vogliono, e allora i nonni che sanno raccontare le storie li avvertono di stare attenti nelle notti d’estate a tenere la finestra della camera aperta con la luce accesa “perchè ci arriva Zi’ ‘Nzara, e a Zi’ Nzara ci piacciono le fimmine ma sopra tutto i picciriddi“.

Zi’ ‘Nzara di giorno sembra uno di noi, è uno del paese… ma nessuno sa chi è.  Si sa solo che se un ragazzino o una donna fanno l’errore di aprire la finestra senza avere spento la luce Zi’ ‘Nzara entra dalla finestra, e non lo si vede perchè sa rendersi quasi invisibile, solo il suo ronzio si fa sentire, ma allora quasi sempre è troppo tardi, Zi’ ‘Nzara  colpisce le sue vittime senza pietà e gli cava tanto di quel sangue che l’indomani li vedi passeggiare pallidi e smunti che paiono lenzuola lavate nella candeggina.

Basta già questo per spaventare i ragazzini, ma anche a Castelmonte Cozzuto ci sono quelli che vogliono sempre sapere di più, ma chi è questo Zi ‘Nzara, e perchè fa così?

Zi’ ‘Zara, raccontano gli anziani che tengono memoria, ha il sangue nero, perchè dovete sapere che tanti e tanti anni fa uno dei demoni che San Vincenzo beneamato cacciò dalla caverna se ne fuggì per le campagne vicino all’Etna, e lì capitò in una casa dove c’era una giovane sposa, la trovò bella e la concupì nel buio fingendosi il marito, e dopo nove mesi la sventurata partorì il figlio del demonio, che fu il primo Zi’ ‘Nzara, e il primo di una lunga serie, e fece molti figli che si dispersero in tutta l’isola e anche a Castelmonte Cozzuto arrivò un rivolo di quel fiume malefico.

‘Ecco perchè, picciriddi miei, la notte d’estate tenete sempre spenta la luce, e se potete e il caldo non è troppo, non aprite le finestre, perchè stanotte Zi’ ‘Nzara potrebbe arrivare anche per voi”.