cultura

Come la sagoma cartonata di una persona morta

staglieno.jpg

E’ l’aspro profumo della morte quello che traspare nelle pagine di “Jocelyn uccide ancora”, libro uscito per i tipi della Minimum Fax e pubblicato con lo pseudonimo de Lo Sgargabonzi da Alessandro Gori, scrittore, comico e pure fumettista, almeno come recita  la quarta di copertina, chiamata così perché il nostro autore è arrivato ormai alla quarta opera pubblicata.

joce.jpg

Se nei precedenti libri si poteva parlare, senza remore di narrativa comica, anche un po’ pulp, Jocelyn uccide ancora rappresenta l’approdo a un registro diverso, in cui il critico attento può riconoscere una nota dolente, un fil rouge amaro, non quindi come l’omonima prova speciale di Giochi senza frontiere.

Tra funerali, sedute spiritiche e malati terminali ció che emerge nelle pagine di Jocelyn uccide ancora è un thanatos senza eros; un thanatos che, lo preciso per l’italiano medio, non è il villain di Avengers: infinity war ovvero quel Thanos magistralmente interpretato da uno Josh Brolin che meriterebbe l’Oscar se non gli venisse rubato dai soliti attori cari all’Academy, bensì è la parola greca che indica la morte.

Se la lettura  dei brevi ed efficaci capitoli, intervallati da surreali sedute spiritiche con David Bowie come ospite extracorporeo, scivola via leggera e piacevole, il riso sguaiato delle prime opere di Gori/Sgargabonzi lascia il posto all’amarezza, alla compassione, alla riflessione sul significato dell’esistenza e di quello che verrà dopo, una vera e propria Antologia di Spoon River al sugo di cinghiale e i cantuccini a fine pasto e Marco Messeri che passa giusto cinque minuti per fare un saluto.

Qualcuno, più illustre di noi, aveva già definito Gori “il migliore scrittore comico italiano”, noi modestamente riteniamo che invece, con quest’opera gli si possa togliere l’aggettivo comico, ma tutto sommato pure il sostantivo scrittore e affermare che, a vent’anni esatti dalla morte di quel Fabrizio De Andrè che aveva elaborato in musica l’Antologia di  Spoon River e a quasi duecento dalla morte dell’autore de I Sepolcri c’è di nuovo in cartolibreria un libro da regalare in occasione del 2 novembre, per chi ha del senso dell’umorismo, e magari non è tornato da un funerale meno di 48 ore prima.

Annunci
Affreschi · Storie e racconti · Top Ten

10 imperdibili curiosità su Cenerentola Disney

Cenerentola

Chiunque conosce dei bambini piccoli sa che amano rivedere gli stessi cartoni e animati tante volte.  Il risvolto positivo è che alla 30° visione si notano particolari che altrimenti sfuggono.  Ecco allora le 10 imperdibili curiosità che ho raccolto dopo innumerevoli visioni del cartone animato Disney “Cenerentola”(1950).

1) A un certo punto i topini cantano un coro dedicato a Cinerella… Ma perché?

2) Il re é un re. Poi a un certo punto diventa “sua maestà imperiale“.  Qualcosa non torna.

3) A sentire le voci, la doppiatrice di Cenerentola é la stessa che dà la voce al topino smilzo; dovevano risparmiare o quel giorno la doppiatrice titolare era malata?hot-disney-princesses3

4) Se si facesse un sondaggio tra papà, Cenerentola con l’abito della festa, capelli raccolti, collarino e guanti al gomito, vincerebbe il titolo di hottest tra le principesse Disney.   Ma proprio by far come dicono i sudditi di Elisabetta II.

5) Nella versione director’s cut c’è anche la scena nel finale dove matrigna e sorellastre vengono chiuse in una segreta del castello a morire di fame, scena tagliata per “non impressionare” il pubblico più giovane.  Era comunque meno cruento che nella versione russa della fiaba.

6) Alcune scene del cartone sono state girate partendo da una pellicola in live action,1c7b3571058adbaaf0ea407e57dc4765 e l’attrice che impersonava Cenerentola dal vivo è Helene Stanley (foto), che ricoprì lo stesso ruolo nella Bella Addormentata.  Insomma, la bellissima Cenerentola esisteva veramente.

7) La matrigna è str**za ma cortese, quando lascia Cenerentola con il vestito a pezzi  e in lacrime, per andare al ballo senza di lei si volta e le fa “buona sera”; le buone maniere anzitutto.

8) Come fa un Granduca a fare da ministro-aiutante del Re?  Un grave svista, il titolo di Granduca spetta a un sovrano regnante di un ducato, al limite il buon Monocolao doveva essere un Duca, o un Arciduca, se (come emerge da vari elementi) il re è in realtà l’Imperatore austriaco, in tal caso si tratterebbe del fratello del re-imperatore…

9) La fiaba di Cenerentola è un archetipo assoluto della cultura occidentale, tanto che la primissima versione risale agli antichi Egiziani, e si tratta della fiaba di Rodopi,  forse basata su un personaggio realmente esistito (una bella cortigiana di cui il faraone egizio si innamorò)

10) La prima versione occidentale la scrisse Giambattista Basile nel 1600 in napoletano (la Gatta Cenerentola), con protagonista tale Zezolla che dopo mille traversie, aiutata dalle  fate si trova per marito un re; in questa versione le giovini del regno vengono attirate a corte per provare la scarpia con un banchetto a base di pastiere, casetielle, sottestate, porpette, maccarune e graviuole…  Ho già detto che è la versione napoletana?

cinema · Storie e racconti

Coen Bros Suicide Squad

javier_bardem.jpg

lorne.jpg

ohenzee

nikki

fargo-mr_wrench.jpg

Se i fratelli Coen avessero bisogno di un soggetto per il nuovo film, ecco la mia proposta: mettere insieme in un unico film tutti i più spietati killer della serie antologica Fargo e quello de Non è un paese per vecchi, una suicide squad che in confronto quella della DC comics dovrebbe solo andare a nascondrsi.

E come nel film di David Ayer la minaccia che dovrebbe portare a riunire in un unico A-Team da Lorne Malvo al letale assassino con i capelli a caschetto interpretato da Javier Bardem (Anton Chigurh il suo nome) dev’essere qualcosa di veramente ma veramente tremendo…  E siccome dobbiamo sempre restare nell’universo dei Coen, chi peggio del pistolero canterino Buster Scruggs (eponimo dell’ultima fatica dei fratelli Coen),

The-Ballad-Of-Buster-Scruggs

resuscitato e fermamente determinato a fare qualcosa di molto, molto cattivo per conto dei sindacato di tutte le mafie americane, tipo uccidere il Presidente degli Stati Uniti (che va sempre bene in un film americano), oppure una cosa complicatissima con un tocco yiddish difficile anche solo da descrivere, come sarebbe nello stile di Joel ed Ethan Coen.

Affreschi · Italia · italianate · politica

Il martire e il fuorilegge

Gli Italiani amano i martiri e simpatizzano per i fuorilegge.

Berlusconi, Travaglio, Grillo, Salvini sono solo gli esempi più recenti di santi martiri dell’Italiano medio.

E i fuorilegge… di fuorilegge dal cuore d’oro è piena la nostra storia e l’iconografia popolare, perfino i nostri padri della Patria prima o poi sono stati ricercati, come Mazzini, Pertini o Trinità.

Ecco perchè forse, alla fine della storia, Mimmo Lucano dovrà ringraziare chi ha voluto leggere una battuta al telefono per una confessione di reato…

Asserismi · italianate · Top Ten

Dieci frasi insopportabili

Tra frasi fatte, luoghi comuni e vuoti slogan, sono tante le locuzioni che non sopporto, e sempre nuove si aggiungono alla mia black list, magari sospinte dal vento (infausto) dell’attualità.

Visto che, appunto, questi sono giorni che le banalità fioccano, mi pare utile un elenco delle frasi che magari anche no… E siccome sono mediamente egocentrico, le declino con il mio nom-de-plume e con quello del mio blog

1) Fra’ Puccino non si tocca

2) Scientificamente senza se e senza ma

3) E allora Fra’ Puccino?

4) Se vi piace tanto ospitatelo a casa vostra

5) Scientificamente non si processa/arresta

6) Non sono razzista ma… i fra’ puccini sono tutti ladri, scansafatiche e vagabondi

7) Nel film c’è un grave errore: non è un drago, è una viverna (potete metterci due parole di cose simili a caso)

8) È una vergogna! Solo in Italia…

9) Abbiamo avuto gli esperti, ora facciamo provare questi altri

10) Non bisogna giudicare