Romanso viṡentin

gatoGhe ṡera ‘na volta un gato che voeva deventar un cristiàn.

Cussì iera drìo ciacolarghe ai altri gati, e un ghe dise:

“Vù tu saver come devantar un crìstian? Varda che ghe ṡè un masc’io a Montecio, che el ṡè la bestia più intelijente de tute, e che se te ghe dimandi qualunque roba, el te rispondi, vaghe chieder a eo cossa che te ghe da fare“.

El gato, che el iera miga mona, el va da el masc’io e el ghe dimanda come che el poderìa deventar un omo.  El masc’io che ribate:

“Te ghe de ‘ndar a Creàso,  tòr una scianta de procolo fiolaro, e magnartelo”.  El gato no el jera massa convinzesto, ma el masc’io ghe dise

“No te me credi? Sta ‘tento: ghe tu mai visto un can magnarse el brocolo fiòlaro?  O un vèdeo?  O un conicio? O un musso?  O una galìna?  Solo i crìstiani magna el brocolo fiòlaro… e vù tu saver perché?  Perché nel momento che te lo magni te deventi imediatamente un crìstian”.

“Te sì propio una bestia ‘sai intelijente” che dise el gato, e subito el se meti suso a corèr per rivàr a Creàso, dove (come sa tuti) cressi quel brocolo fiolaro che no ghe ṡe compagno.

Rivà a Creàso, el gato el entra in un campo, de scondòn del contadin e càta do’ fìoi de brocolo che el dovarìa magnar.  Basterìa magnarli e el podarìa deventar un crìstian come gavea sempre volùo.  Ma no ghea fa.

“Mi son un gato” el disi “me piase i sorzi, i osei, ‘e sariandole, anca i pessi se qualchedun me li càta, ma de magnar ‘sta roba no go mìga  voja” e cussì disendo el buta in tel foso el brocolo e el torna a casa sua.

La morale de la storia ṡe che sarìa mejo no ‘scoltar chi pensa de gaver tute le risposte, ma se anche te lo fa, mejo che te se refi a l’ultimo.

Piccolo  glossario per foresti:

Brocolo fiolaro: variante di broccolo coltivata nelle colline di Creazzo, vicino a Vicenza; i germogli sono detti fìoi

Catàr / tor: prendere

Crìstian: essere umano, è un modo di dire talmente assurdo (gli umani non cristiani cosa sono, allora?) da essere quasi divertente in questo contesto

Conicio: coniglio

Masc’io: maiale maschio

Musso: asino

Refar(se): ravvedersi

Sariandola: lucertola, qui in realtà ho usato un prestito dal veneto istriano, perché mi andava così

Scianta: un poco

Advertisements

3 thoughts on “Romanso viṡentin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...