La fiaba di Zenere e Ontola

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Saint by VideoCoco on Deviantart.com

Ghe ṡera na volta do fradei, ciamadi Zenere e Ontola; dire il vero, i gaveva altri do’ nomi, che ‘desso nisuni ricorda, perché tuti i ciamava Zenere e Ontola.

I ṡera do fureghini, rossi de cavei, fioi de do venderigoi de strafanissi al mercà, anca se le malelingue i diseva che i iera fioi de el caleghér che ghe ṡera na volta al paese che tuti saveva ghe piaseva le femene e che poi el gà dovù scampar per via dei altri omeni rabiaì che lo voleva bastonàr, e i gavessi anca gavùo rasòn.

I do’ tosi gaveva un sogno: andar via del paese a far i siori in cità, ma per far i siòri ghe ocore i schei e Zenere e Ontola no ne gavea massa, e cussì i andava in cerca de le aventure più strambe, ma ghe andava sempre mal fino a che un giorno no ghe nassi una idea pezo de le altre.

Poco fòra del paese che ṡera un capiteo col su Santo, e i do tosi  scominsia a contàrghe a la gente che el Santo  ghe ga parlà.  Prima ghe lo conta a uni, poi a un altro, come de scondòn, e la storia gira.  El Santo del capiteo i lo senti solo lori, ma pian pian tuti comincia a crederghe che el Santo ghe parla veramente  perché Zenere e Ontola, poareti, i ṡe poveri di spirito, come predica el prete la domenega.

El prete al principio no ne voeva sentir parlar, però per no saver né leger né scriver el stava zito e bòn a vardar le vecie corèr ogni giorno al capiteo.

I do’ tosi, che tuto i iera fora che moni, prima ghe contava a la gente le storie che i voeva sentìr, che el Santo diseva de volerse tuti ben o che i morti i stava tuti sistemadi a parte quel maledìo de Nane che nisuni lo soportava nianca da vivo, e le vecie tute contente i li stava a sentìr.

Una  volta che la gente li ciapava sul serio, Zenere e Ontola ghe scominsia a contar a tuti che el Santo ga dito che se devi pensar ai poeri, e ecoli tuti drìo a tirar fòra schei perché lo gavea dito el Santo del capiteo.   Zenere e Ontola ghe gaveva anche dito a la gente che se i voeva,  i soldi per le oferte intanto li podeva tignir lori, ma inveze se li meteva in scarsea.

El prete alora, che iera bòn do volte ma no tre, el scominsià a rabiarse, ma i do’ tosi ghe fa una oferta personale a la Ciesa, che lo gaveva ordinà el Santo, e alora de colpo  tuto andava ben anche per el prete.

Zenere e Ontola i jera drìo a contar in giro che con tuti i schei de le oferte i gaverìa costruìo una casa per i poeri, e tuti diseva ma che boni ‘sti tosi.

Solo che un mercore come i altri che le solite vecie andava al capiteo, i do’ tosi no ghe iera pì.  Tuti a chiederse dove che jera Zenere e Ontola, le male lingue scominsiava anche a parlar mal, fino a che sabo sul capiteo no se vede un carteo, con su scrito che i do tosi se stai ciamai diretamente in Paradiso, ma sicome i angeli ga visto la  gente preocupada i se salidi zò a tacar sto carteo.

El prete inveze de rabiarse disi che per lù ṡe tuto vero e che i do poveri tosi ormai i iera stai assunti in cielo, anche se la gente cativa dise che e giorno prima el gaveva trovà una bela oferta su l’altar.

De sicuro Zenere e Ontola in Paese no li ga visti più nisuni, e nisun ga gnanca mai trovà i schei per i poveri.

Solita gente cativa dise che una volta andando in cità i ga visti vestidi come i siori passar in corso, ma se sa come se fata la gente cativa: i vedi sempre brute robe perché i ṡe bruti lori.

La morale della storia ṡe che la gente cativa va sicuro all’inferno, e chi che fa del bèn finissi dritto in paradiso, solo che ghe ṡe anche quei che il paradiso i se lo costruissi su misura.

Annunci

Romanso viṡentin

gatoGhe ṡera ‘na volta un gato che voeva deventar un cristiàn.

Cussì iera drìo ciacolarghe ai altri gati, e un ghe dise:

“Vù tu saver come devantar un crìstian? Varda che ghe ṡè un masc’io a Montecio, che el ṡè la bestia più intelijente de tute, e che se te ghe dimandi qualunque roba, el te rispondi, vaghe chieder a eo cossa che te ghe da fare“.

El gato, che el iera miga mona, el va da el masc’io e el ghe dimanda come che el poderìa deventar un omo.  El masc’io che ribate:

“Te ghe de ‘ndar a Creàso,  tòr una scianta de procolo fiolaro, e magnartelo”.  El gato no el jera massa convinzesto, ma el masc’io ghe dise

“No te me credi? Sta ‘tento: ghe tu mai visto un can magnarse el brocolo fiòlaro?  O un vèdeo?  O un conicio? O un musso?  O una galìna?  Solo i crìstiani magna el brocolo fiòlaro… e vù tu saver perché?  Perché nel momento che te lo magni te deventi imediatamente un crìstian”.

“Te sì propio una bestia ‘sai intelijente” che dise el gato, e subito el se meti suso a corèr per rivàr a Creàso, dove (come sa tuti) cressi quel brocolo fiolaro che no ghe ṡe compagno.

Rivà a Creàso, el gato el entra in un campo, de scondòn del contadin e càta do’ fìoi de brocolo che el dovarìa magnar.  Basterìa magnarli e el podarìa deventar un crìstian come gavea sempre volùo.  Ma no ghea fa.

“Mi son un gato” el disi “me piase i sorzi, i osei, ‘e sariandole, anca i pessi se qualchedun me li càta, ma de magnar ‘sta roba no go mìga  voja” e cussì disendo el buta in tel foso el brocolo e el torna a casa sua.

La morale de la storia ṡe che sarìa mejo no ‘scoltar chi pensa de gaver tute le risposte, ma se anche te lo fa, mejo che te se refi a l’ultimo.

Piccolo  glossario per foresti:

Brocolo fiolaro: variante di broccolo coltivata nelle colline di Creazzo, vicino a Vicenza; i germogli sono detti fìoi

Catàr / tor: prendere

Crìstian: essere umano, è un modo di dire talmente assurdo (gli umani non cristiani cosa sono, allora?) da essere quasi divertente in questo contesto

Conicio: coniglio

Masc’io: maiale maschio

Musso: asino

Refar(se): ravvedersi

Sariandola: lucertola, qui in realtà ho usato un prestito dal veneto istriano, perché mi andava così

Scianta: un poco

Ho sempre ben vestita

White and Black by Not a freak on deviantart.com

White and Black by Not a freak on deviantart.com

Per piacere a un uomo bastano la gonna e i tacchi alti?

Risposta n. 85.

Negli ultimi tempi una delle mie caselle mail è stata intasata da messaggi di sedicenti ragazze dell’Est Europa che sostengono di avere notato il mio profilo non so bene dove, e che mi si proponevano quali corrispondenti amorose con lunghe mail scritte con l’aiuto di qualche traduttore automatico, maldestro come tutti traduttori automatici.

In realtà le varie Irina, Galina, Yulija etc. più o meno ripetevano tutte le stesse frasi, interessanti da un punto di vista sociologico per capire come le donne-dell’ex-in-cerca-di-marito-occidentale vedono il tipico-maschio-italiano…

In particolare mi ha colpito la frase per cui l’aspirante moglie dall’Est specificava:

Ho sempre ben vestita e molto serio dettagli. Adoro vestirmi con la gonna e i tacchi alti.

oppure

Ho sempre ben vestita e sono molto attenta ai dettagli. Mi piace indossare un abito e le scarpe tacco alto.

Insomma, per ognuna di loro era importante sottolineare l’attenzione alla propria femminilità, partendo dal presupposto che per un uomo puoi essere alta, bassa, mora, bionda, intelligente, stupida, acculturata o ignorante ma la cosa più importante di tutte è che una donna si vesta sexy e, soprattutto, con i tacchi alti.

E’ vero?  Davvero basta, per conquistare un uomo, mettere l’accento sulla propria femminilità?

Devo dire, al limite del cinico ed ad onta di noi uomini, che c’è del vero, o meglio diciamo che ci sono varie categorie di uomini, ognuna con il suo approccio al mondo femminile, ma che quasi tutti gli esponenti del sesso maschile sono facilmente abbindolabili da cose che poco hanno a che fare con come una persona è fatta dentro.

Con brutale sintesi e semplificazione, diciamo che per attrarre un cospicuo numero di maschi basta che: a) una donna indossi i tacchi alti e la gonna o un vestito corto, oppure b)  abbia una bella acconciatura (pensate a quanto cuccano testimoni e damigelle ai matrimoni!) oppure c) esibisca un bel decollète (traduco per i miei lettori maschi: tette grandi).

Non tutte le cose insieme, ne basta anche solo una, perché se poi una donna assomma tutto questo insieme, allora il successo è assicurato con il 90% degli uomini*.

Non sarà bello, ma è la dura verità, come recitava il Poeta.

* tutti gli uomini che incontrerete spergiureranno di appartenere al restante 10%; non credetegli

La vita dopo un bambino

Diventare genitori inibisce la vita sociale?

Risposta n. 84

Assolutamente no.

IMG_4483

Mi è capitato di leggere questo articolo, sul fatto che maternità e paternità divengano quasi una condanna agli arresti domiciliari, e da neo papà non posso che dissentire completamente.

Avere un bambino comporta impegni e responsabilità, è vero, come avere degli animali domestici, è normale ed è giusto così. Ma con un minimo di sforzo e organizzazione è ancora possibile andare a trovare gli amici, andare fuori a pranzo o cena e andare in vacanza, anche senza rinunciare alla compagnia del proprio cucciolo o portarsi i genitori- baby sitter appresso (c’è chi lo fa davvero!).

Noi, che abbiamo una bimba di 14 mesi, in questo periodo non abbiamo dovuto rinunciare a niente, sebbene viviamo in una città diversa da quelle in cui vivono i nostri genitori, e non potendo quindi contare su alcun aiuto tranne il nostro. I nostri cinque gatti, infatti, finora non si sono dimostrati idonei come baby sitter.

L’unica vera privazione è stato il non poter andare al cinema, almeno finchè non troveremo una baby sitter di cui fidarci e, soprattutto, finchè non riusciremo a stare tre ore senza la nostra adorata piccina.

Perchè la verità è che diventare genitori non ti toglie nulla, se non sei tu a volertene privare, ma ti aggiunge molto, una piccola personcina che non ti farà mai annoiare e che altro che comprimere la vita sociale, ti farà fare mille conoscenze nuove, perchè quando incontri altre coppie con bimbi scatta subito un feeling di colleganza.

Certo, avere un bimbo piccolo è anche impegnativo. Ma mi ha fatto sorridere leggere, tra le tante difficoltà elencate nell’articolo che ho citato, il dovere cambiare il pannolino sui sedili dell’auto o sulle sedie del ristorante. Da come ne parla l’autrice sembra un problema tremendo, ma noi l’abbiamo fatto tante volte, tantissime, e non è mai stato così complicato… Merito della mia donna, certo, ma soprattutto di un approccio più rilassato agli oneri della genitorialità.

Perchè di questo penso abbia bisogno un Paese in crisi di nascite, diviso tra fanatiche del mammismo e paurose/i della maternità ( parlo al femminile, perchè comunque in questi casi noi maschietti andiamo un po’ al traino).

Fare e allevare figli non è né una missione sacra né una prigionia, è semplicemente la cosa per cui siamo naturalmente programmati.

articolo scritto interamente mentre stavo con la mia bimba, che tranquillamente giocava per conto suo