Il Sole sotterraneo – IV parte

20140803-155511.jpg

(segue dalla terza parte)

Gli anni passarono lentamente, e come le gocce cadendo creano le stalagmiti così gli Ospiti poco a trasformarono quei luoghi nella loro casa. Vedevano in mezzo a un popolo di ipovedenti, uno tra loro era medico, le loro armi apparivano invincibili, non ci volle molto che gli Ospiti diventarono gli Herren, come preferivano essere chiamati dai nativi, che quasi lo consideravano semidei o anzi superuomini, quasi il sogno nazista che si realizzava in forma di parodia.

Per dieci anni nessuno di loro ritornò alla superficie, si fecero costruire delle dimore tutte per loro, discoste dalla Città e più vicine al Sole sotterraneo.  Alcuni di loro trovarono moglie tra i nativi; altri invece scoprirono quello che chiamarono Amore Ariano, preferendo amarsi tra uomini di razza pura che mischiarsi ai nativi, dando vita a dei mezzosangue.

Alla scadenza del decimo anno rivelarono ai nativi di avere realizzato (ma forse l’avevano soltanto riscoperto) un passaggio dentro la montagna e verso l’esterno, ma che l’avrebbero utilizzato secondo le Cinque Regole: 1) sarebbe stato percorso solo una volta all’anno da tre prescelti, 2) solo gli Herren e i loro discendenti avrebbero potuto essere prescelti, 3) i prescelti dovevano giurare di tornare e mantenere il segreto, 4) chi non rispettava il giuramento sarebbe finito nel Sole sotterraneo, e 5) il passaggio sarebbe stato chiuso a chiave, che solo il Custode, il primo tra gli Herren, avrebbe conservato.

Anche Hitler si fece costruire un palazzo di gesso e sale non lontano dal ciglio del burrone sul Sole sotterraneo. Non si mescolò con i nativi come gli altri, ma visse un suo personale delirio. Si fece chiamare Re del Mondo, atteggiandosi da tale, fermamente convinto di essere in contatto telepatico con chi là fuori combatteva sionismo e comunismo. Diceva di essere come Napoleone all’Elba, impiegava giorni interni a pianificare la sua rivincita.

Il delirio peggiorò quando arrivarono le prime notizie portate dai Prescelti di ritorno dal mondo esterno. Anno dopo anno, il mondo agli occhi di Hitler andava verso la rovina, neanche i suoi poteri telepatici poteva salvarlo, e ogni tanto andava sul ciglio del burrone sul Sole sotterraneo, parlando e litigando con l’entità che chiamava Padre.

Le notizie che arrivarono dai prescelti che tornarono nell’agosto del 1968 furono poi davvero inaccettabili. Il trionfo di Israele nella guerra dei sei giorni era già una notizia tremenda, il diffondersi del morbo comunista tra i giovani di tutto il pianeta era troppo. Dicono che si gettò nel Sole sotterraneo, e sul luogo oggi c’è una lapide che recita “Qui discese nel soggiorno dei morti Adolf Hitler, Fuhrer dei tedeschi e Re del Mondo“.

Dicono che prima di precipitare avesse gridato : “torno a te, Padre”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...