Parole da incubo

 Words by Retrodiva3 on deviantart.com

Words by Retrodiva3 on deviantart.com

Quali sono i modi di dire più insopportabili?

Risposta n. 72 (a discrezione di Fra Puccino)

1) De gustibus Accettabile solo la versione completa (de gustibus non est disputandum), la cosa più insopportabile è che viene usato con il significato quasi opposto, non “è giusto rispettare le preferenze di tutti” bensì “sei uno strano, non faccio commenti ma ti considero anormale

2) – I pelosi (il peloso) – quando usato per definire gli animali domestici non umani (per il proprio marito può andare)

3) Il mio fagiolino – adoperato per definire l’embrione o feto che si porta in grembo, esistono infinite varianti tutte egualmente inaccettabili

4) Io non sono razzista ma – Di solito precede un discorso ontologicamente razzista, tipo “i cinesi non fanno i funerali”, “gli stranieri puzzano” o le varie critiche sulla ministra Kyenge, che stranamente non avevano interessato Gianfranco Fini quando anni fa aveva detto le stesse cose…

5) I grilli per la testa – usato dagli uomini maschilisti per identificare le donne con pensieri non convenzionali, l’uomo che non vuole la donna “con i grilli per la testa” ma che vorrebbe la donna chiusa in casa e obbediente (esistono ancora questi uomini? temo di sì purtroppo)

6) Fare sgnach sgnach – L’ho sentito una sola volta, è mi è bastato; per chi (fortunato) non l’avesse mai sentito indica il fare all’amore (che sia onomatopeico? boh)

7) Mission e in generale tutte le parole straniere di cui si abusa (ne ho citata una, ma gli esempi sarebbero tanti, da governance a venture capital)

8) Bagno padronale – Anche qui ne cito una per contemplarne cento, nell’ambito di tutto quell’armamentario di frasi fatte dell’agente immobiliare medio (ma padronale de che?)

9) La (mia/tua) dolce metà – questo lo utilizza molto spesso un mio carissimo amico, assolutamente inappropriato a meno che voi non siate la metà di un krapfen

10) Portano malattie – Soprattutto se riferito agli animali non umani, non importa quali; un sacco di persone infatti ha la fobia dei germi e vede portatori di bacilli ovunque, specie tra gli animali di ogni tipo e specie, senza considerare che il formaggio francese appena comprato probabilmente contiene molti più batteri del piccione che innocente passeggia sul cornicione del palazzo di fronte

6 pensieri su “Parole da incubo

  1. L’abuso dei termini inglesi è la cosa che trovo più insopportabile. Finchè mi dici brunch (che è un misto fra colazione e pranzo) per il quale non esiste corrispettivo italiano, ok… Ma ci sono un sacco di volte in cui la parola italiana è addirittura più precisa ma usare i termini inglesi fa più fico…
    P.s.: comunque sgnach sgnach non l’avevo mai sentito… io conoscevo zin zin da Il signor Robinson con Paolo Villaggio😉

  2. @Rosaviola: esatto, l’Edvige Fenech di Vimodrone bassa…

    @Giulio: non hai idea di quanto sono d’accordo! oggi facendo compere ho visto in un negozio una scatola di borse con la scritta “shoppers alta densità” e aggiunto a penna dalle commesse “borse piccole”… ahahahah

  3. MaxZeta ha detto:

    Capitato per caso sul blog non posso esimermi dal ricordare il terribile “Meditate gente Meditate” usato per dar tono solitamente a post di ignoranti stereotipati che non sanno essere la frase di Arbore in una pubblicità della birra anni ’80.
    Il “meditate gente” al termine di un post è analogo a scrivere “scusate sono un coglione”. quindi .. Meditare gente Meditate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...