Diecimila Lire

Due uomini si incontrano sul posto di lavoro.

“Ti ho visto prima, da Peppe’s”

“Ci vai anche tu?”

“E che scherzi?  Panino, bibita e caffè diecimila lire…”

“Diecimila lire, ma ti rendi conto?  Ci fosse ancora l’euro…”

“Dieci euro minimo”

“Minimo.  Che vuol dire trentamila lire in pratica”

“Ah guarda, con la lire stiamo molto meglio

“E pure senza quegli sbruffoni di tedeschi e francesi, che vadano a fanculo loro, l’euro e la loro unione del nord”

“Che poi adesso sì che l’Italia conta, nella comunità mediterranea siamo la seconda economia dopo la Turchia, e poi finalmente stiamo tra stati che condividono la nostra stessa cultura

“Lo dici a me?  Mio figlio sono cinque anni che lavora a Londra, ci sono i finocchi che girano mano nella mano, le donne seminude, la droga libera, ma ti rendi conto?”

“Perfettamente d’accordo.  Che vadano per conto loro, loro e i veneti che sono voluti andare da loro, ma lo sai che ho letto sull’ipad che ci sono tanti industrie venete che spostano gli stabilimenti in Emilia Romagna o perfino in Puglia, perchè il lavoro costa meno?”

“Ecco, saranno contenti loro, che poi lo sanno tutti che i tedeschi li hanno voluti solo per farsi le vacanze sul lago di Garda e a Jesolo”

“Eccerto!”

“Vaffanculo all’unione europea!”

“Sicuro; che poi sono pieni di immigrati, un po’ com’era una volta da noi”

“Io gli immigrati proprio non li sopporto, guarda; e infatti, anche se i soliti intellettuali ci parlano male, alle prossime elezioni voto per I Bravi Italiani”

“Loro sì che gliela cantano bene”

“E la Bibbia come base delle leggi non è forse giusta?”

“Mah, non so… in realtà poi io ero berlusconista di sinistra, sai avevo votato per Italia Noi

“Eh, ma lo ricordi che hanno fatto un governo con quei comunisti di Alleanza Insieme?  Sono mezzi comunisti, quelli, pure io sono berlusconista, ma di destra, che il vero berlusconismo è quello lì”

“Eh, se solo andassero più d’accordo tra di loro, in fondo sono tutti gli eredi del più grande statista che l’Italia abbia avuto, no?”

Due  sconosciuti si avvicinano, sembrano stranieri del nord, e i due uomini del nostro dialogo si alzano, e gli corrono incontro con i loro arnesi da lavoro

Hallo monsieur, monsieur!”

“Schupuzzer, schupuzzer, lustrascarpe monsieur!

Sempre meglio che lavorare

Era un po’ di tempo che non trovavo candidati per la Nave de Los Monstruos.

Se non fosse dietro le sbarre per il presunto (questo blog è così garantista che applica la presunzione d’innocenza fino a 50 anni dopo la sentenza definitiva) uxoricidio del marito, un biglietto l’avrebbe ottenuto la sig.ra milanese che dopo quattordici anni di carcere ha preferito rimanerci che andare a lavorare perché non ha mai lavorato in vita sua e non ha intenzione di cominciare ora.

In cambio del passaggio al regime della semilibertà (lavorare di giorno, di nuovo in cella di notte) le sono stati offerti due lavori, cameriera in un ristorante e non ho capito cosa in una palestra, che non erano certo alla sua altezza di signora della Milano bene, non se ne parla nemmeno, anche perché alla sciùra la ginnastica a corpo libero, senza attrezzi, la annoia mortalmente.

Meglio dedicarsi agli hobby che coltiva in carcere, tra cui dare da mangiare al furetto, che effettivamente dev’essere molto impegnativo…

Come sempre quando appaiono notizie come queste, non c’è davvero nulla da aggiungere, la realtà è abbastanza surreale per conto suo.  L’unica cosa da fare, per quanto ci riguarda, è riservare alla signora un biglietto su La Nave de Los Monstruos.  Un biglietto di prima classe, naturalmente.

La Nave de Los Monstruos, diario del capitano, data astrale Karma in Urano nel segno del Cane.

Vicini alla cattura dello Yeti


(ASMA) –  Kuzbass, 11 ott. Non siamo mai stati così vicini alla cattura dello Yeti.  E’ quanto dichiarato da un gruppo di ricercatori in missione nella regione di Kemerovo in Russia, guidati dal dott. Igor Burtsev.

In un grotta della regione infatti è stata rinvenuto  un letto di rametti, un’impronta e alcuni peli dello Yeti.

Anche alla luce di questa sensazionale scoperta, secondo le autorità locali le possibilità dell’esistenza dell’ex abominevole uomo delle nevi, avvistato anche da numerosi testimoni, sono attorno al novantacinque per cento, e il suo habitat si troverebbe proprio sulle locali montagne della Shoria, dov ‘è situata la caverna dello straordinario ritrovamento.

Altri particolari sono stati aggiunti dal dott. Burtsev, secondo cui gli Yeti nell’area in questione sarebbero almeno trenta e si tratterebbe di esemplari dell’uomo di Neanderthal sopravvisuti fino ai giorni nostri.

Permane tuttora invece il silenzio stampa da parte degli Yeti.

Telepaticamente

 

Uno pensava che la fantasia malata dei googlatori fosse finita, e che non arrivassero più domande assurde con cui alimentare Risposte, ed ecco che oggi leggo che qualcuno è arrivato su questi pixel chiedendo:

Puo’ esistere la telepatia fra due persone innamorate?

Risposta n. 52

Questo quesito mi sembra che faccia il paio con la leggende metropolitana sui gemelli oomozigoti, secondo cui se dai un pugno a uno il male lo sente anche il secondo, e che avevo sentito raccontare persino da una laureata (110 e lode) in fisica.

In linea con la testata di questo blog, dovrei dare una risposta scientificamente dimostrata, ma temo che in questo caso non potrei che dire di no, e in fondo è brutto, come si possono deludere tanti innamorati?

Piero Angela e il CICAP però potrebbero arrabbiarsi, e allora per fare contenti tutti vi propongo un vero esperimento scientifico; fate andare nell’altra stanza il vostro o la vostra innamorata, e trasmettergli telepaticamente un pensiero mentale.

Io ci ho provato, ho preso in mano una candela e la mia Bellaccina (e che siamo innamorati è scientificamente dimostrato) ha visto mentalmente una penna; il mio tentativo è andato male, ma se voi siete stati più fortunati fatemelo sapere (l’esperimento finisce il 9 novembre)!