Impersonificator

C’è un motivo per cui mi piace Milano, e perché la preferisco sempre e comunque a Roma, nonostante gli stessi milanesi, a partire dalla mia Bellaccina, la pensino al contrario.

Milano mi piace, nonostante il clima e la maleducazione stradale, perché è una città viva e pulsante, mentre Roma invece, pur nella bellezza della sua storia e dei suoi monumenti, sembra immobile come le pietre di travertino.

Di Milano mi piacciono anche le cose più trash, l’affannata corsa all’ultima tendenza e l’uso di uno slang che mescola i dialetti del profondo sud con i termini angloamericani più cool.

Termini come

impersonificator

Se siete babbi (vecchi, come dicono a Milano) e sul palco di un live di una tribute band di Michael Jackson vedete uno vestito come lui che si muove come lui, pensate che sia un sosia. No, amici miei, dovete fare un update della cultura pop contemporanea, come ho letto nel volantino della serata l’aitante ballerino era l’impersonifcator (non ricordo se ufficiale o meno) di Michael Jackson, il popolare cantante pop degli anni ottanta caduto nel dimenticatoio e nel ridicolo fino all’improvvisa morte che ne ha improvvisamente riacceso la fama e il successo.

Si sa, la morte, soprattutto se prematura, è il miglior ingrediente del successo, ti cristallizza in un icona senza tempo, destinata a essere riprodotta dagli impersonificatori (posso dirlo in italiano o divento out?), quasi moderni sciamani della cultura pop.

Il pensiero va veloce ai tanti impersonificatori di Elvis Presley, che per qualche strano motivo però ne riproducono l’icona del momento più trash e non quella del suo vero momento d’oro. Infinitamente più numerosi degli impersonificatori di John Lennon, tra l’altro, chissà perché.

Almeno gli impersonificatori di Michael Jackson indossano i suoi vestiti dei tempi di Billy Jean e Beat It, e non quelle divise trash a metà tra Elton John e Gheddafi che indossava negli ultimi tempi.

Speriamo allora che si moltiplichino, e soppiantino una volta per tutte quelli di Elvis Presley.

Anche perché quando andrò a sposarmi a Las Vegas, è da un impersonificator di Michael Jackson che voglio essere unito in matrimonio!

15 pensieri su “Impersonificator

  1. Non me ne vogliano i milanesi ma non sceglierei mai Milano per viverci. O resto in una città di medie dimensioni e sul mare oppure se devo vivere in una metropoli sceglierei sicuramente all’estero.

    Per quanto riguarda queste mode mi sembra solo un triste modo di cercare di vivere una vita che non è la propria. Io sono io e non vorrei impersonificare nessun altro…🙂

  2. Ciao! Conosco sia Roma che Milano, e ci vado spesso per tanti motivi… ma sai, nessuna delle due mi ispira; osservo le diversità e anche le similitudini – date dal fatto che sono metropoli entrambe-, ma non mi andrebbe di viverci (oddio può sembrare affermazione ridicola, visto che l’anno prossimo se tutto va bene vado a stabilirmi a 9 ore di fuso orario… senza sapere cosa m’aspetta o quasi).
    A proposito… davvero ti sposerai a Las Vegas??? Mi inviti?? Non starò lontana, a due passi o quasi😉
    Ps.. oh, l’Invasione degli Ultracorpi di Siegel è comunque un cult!

  3. Ps! Però… perché sostituire gli impersonificators di Elvis con quelli di M. Jackson? Io preferisco sempre Elvis di gran lunga, anche se tutta la tradizione degli impersonificatori mi è sempre parsa tanto trash e francamente non mi piace…
    Ciao!

    • beh, devi sapere che il prossimo per me sarà il secondo matrimonio, direi che Las Vegas sarebbe appropriato, non credi? Oppure in spiagga alle Barbados, chissà… però ti invito sicuro!!

      Ma sappi che sarà un matrimonio molto trash, a me il trash piace molto, lo avrai capito…

      anche se i finti Elvis sono troppo anche per me, l’originale già era super-trash, come si fa a rincorrerlo sullo stesso terreno?

      • Vedi, per essere davvero trash basta seguire la moda, che certe volte propone cose così brutte da essere assolutamente trash senza arrivare a essere tanto trash da essere belle

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...