Lacrime

Sono passati diciotto anni e sei mesi.  Diciotto anni e sei mesi dal giorno in cui i Nirvana suonarono a Muggia.

Oggi è il 17 maggio 2010, giornata mondiale contro la desertificazione e per la prevenzione della siccità.

Mi chiedo se le lacrime che ho versato ieri sera tornando a casa servano per l’uno o l’altro scopo, ma ho i miei dubbi.

Non so neanche esattamente per cosa ho pianto.   Forse perché i motivi sono tanti.

Un po’ ho pianto per sfogarmi della litigata e del nervosismo accumulati in una serata andata come non doveva andare, un po’ ho pianto per la casa dei miei nonni rivista dopo tanti anni.

Ma prima di tutto ho pianto perché l’autoradio stava mandando una stupida canzone anni ottanta, e allora ho pensato a quegli anni tra la fine degli ottanta e l’inizio dei novanta; erano gli anni del mio primo amore, e un po’ ho pianto per la nostalgia di un passato perduto per sempre.

E poi ho pensato a quel giorno di novembre del 1991 in cui i Nirvana (sì, proprio i Nirvana di Kurt Cobain) fecero al cinema teatro Verdi di Muggia (vicino a Trieste) davanti a un pubblico di 200 persone, tra cui uno (si sente in sottofondo) che commenta “grandisimi” con un’inconfondibile accento triestino.

I Nirvana, nella mia cittadina, e c’erano 200 spettatori. Il video che ho postato è proprio la registrazione originale di Smells Like Teen Spirit eseguita in quell’occasione, in cui pare che Kurt Cobain e compagni fossero in gran forma.

Quel che più mi secca è che io a quel concerto avrei potuto andare, se fossi stato più sveglio, se avessi ascoltato musica migliore di quella che ascoltavo, o anche solo se mi fossi interessato a chi era quel gruppo con quel nome indiano di cui sicuramente avrò visto il cartellone pubblicitario del concerto, magari con il nome Nirvana scritto a pennarello.

Chissà invece che cosa ho fatto per davvero sabato 16 novembre 1991, voglio provare a scoprirlo, ma posso immaginare che sarò uscito con la ragazza e i soliti amici, e saremo andati in cinema o in pizzeria.

Magari la serata l’ho passata proprio nella mia cittadina, e passando davanti al cinema teatro avrò notato il concerto, e il nome curioso del gruppo che suonava. Senza capire che quel momento la Storia della Musica incredibilmente mi stava attraversando la strada…

Che tristezza, certe volte, non poter tornare indietro a fare altre scelte, a cambiare il passato.  Che sia il passato di 19 anni fa, di un anno fa, o anche solo di tre ore fa.

Per questo esistono le lacrime.  Anche se non bastano per combattere la siccità.

Annunci

13 pensieri su “Lacrime

  1. Ahi ahi, sentire le lacrime di Fra’ mi rende triste, e fa piangere anche me (grossa esperta in lacrimologia 😥 ), bisogna dunque chiamare immediampresto il servizio di asciugatura rapida lacrime frappiche:

    1) Sai che mi ha detto una volta una persona riferito a un commento in cui mi strapazzavi un po’? Ma tu da Frappy ti fai dire tutto? Ebbene sì, Frappy è un amico, e si può permettere tutti gli strapazzamenti che vuole (sorriso n. 1 😀 )

    2) Sai quando tu pensavi che non funzionava un certo contatore perché io avevo battuto Rosy e non ti suonava? Beh, il contatore funziona benissimo… 😉 (sorriso n. 2 😀 )

    3) I think we have two choices–we can laugh or cry. Choose to laugh! (Frase tratta direttamente dal corso d’inglese che sto or ora seguendo ergo… sorriso n. 3 😀 )

    A proposito, ora devo riprendere a studiare, ma tornerò as soon as possible (sorriso n. 4 😉 ).

    Don’t worry, be happy! (Ma se proprio non riesci a non piangere, conta pure sulle spalle forti di tutti i tuoi amici – e ovviamente amiche! )

      • Do you mean the B-side???

        Quella è una pro-pro-pro-prozia, chi se ne frega della sua linea, io sono perfettissima e fascinosa e m’accatto tutti i babà, le sfogliatelle e le pastiere che mi sconfinferano!!! (Fra’, tu stai ridendo vero?? O stai cercando un bastone nodoso per punirci di tutti i fuori tema? Nel qual caso io, che sono una vera amica, do senz’indugio la precedenza a Rosy 😆 )

  2. @ Ifigenia: ma quante cose mi scrivi? E come faccio a rispondere a tutto, specie in questo stato simil-depressivo…
    Vabbé, vado per sommi capi:
    a) ma di quale contatore stai parlando? Perché non l’ho capito!
    b) grazie per l’invito a sorridere, ma sia ieri che oggi l’umore vira al brutto, e allora tanto vale sfogarsi… sempre meglio una lacrima autentica che una risata forzata
    c) non mescolare, manco per ischerzo, Marisa Laurito con i Nirvana 😛

    @ Rosigna: non hai ancora scoperto i Nirvana? Beh, chiedi all’amico youtube di darti una mano, è uno dei più grandi gruppi di sempre; non hai presente nemmeno il loro frontman, il compianto Kurt Cobain?

    @ Koalanation: tu (i Nirvana) li hai scoperti a 26, io ho cominciato ad apprezzarli a 30, e quindi mi sa che sono peggio di te 😮

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...