Non è un dono

La libertà non è un dono. È un nostro diritto dalla nascita. Ma ci sono momenti nella storia in cui bisogna appropriarsene.

Il 25 marzo si celebra la giornata mondiale del ricordo delle vittime delle schavitù e della tratta di schiavi transatlantica.

Se qualcuno vuole onorare questa giornata (anche se in ritardo), questa sera può noleggiare il Dvd di Amistad (S. Spielberg, 1997).

Amistad è  un legal thriller.  Perché gli americani sono fatti così; qualunque sia il tema del film, se c’è dentro un bel dibattimento giudiziario  con le arringhe appassionate e i colpi di scena, loro sono più contenti.

Ma è soprattutto un film storico, magistralmente diretto come tutte le opere di Spielberg, e con una bella carellata di star, tra cui spiccano Morgan Freeman, Anthony Hopkins, e Stellan Skarsgard.

Come chi è Stellan Skarsgard?  E’ un attore svedese che fa parte di quella schiera di caratteristi di cui ci ricordiamo vagamente il volto ma che rimane sempre in seconda fila.  Ma forse vi potreste ricordare nella parte del papà di Orlando Bloom nella saga de I Pirati dei Caraibi.

Perché il cinema è così.  Puoi fare settanta film, anche di qualità, ma poi ti ricordano per l’interpretazione nell’opera meno artistica di tutte (l’essere figo di Johnny Depp non è un’arte!).

Annunci

20 thoughts on “Non è un dono

  1. La libertà non è un dono, ma non può non essere un abito mentale.

    Ci sono persone libere sotto una dittatura, e persone schiave in piena democrazia.

    Un popolo veramente libero non si lascia asservire: è dove già esiste un atteggiamento supino che attecchisce la violazione del diritto.

  2. @ Ma nel caso di JD l’artista è stata la mamma, mica lui 😛

    @ Diemme: che fai? provochi? potrei chiederti come concilii questi principi (che sottoscrivo pienamente) con la tua rinuncia ad esercitare il tuo diritto di scegliere chi ci governa…
    Ma siccome ho capito che su tanti temi la pensiamo moooolto diversamente, preferisco che tu ti astenga sia questo weekend che le prossime 25 elezioni!! 😛

    • Io non rinuncio a scegliere: è che non ritengo una scelta quella che mi si offre. Una scelta, per essere degna di definirsi tale, deve essere una libera scelta, e il nostro voto neanche ci somiglia.

      Comunque, a questo giro, vedremo.

      • amica mia, la politica è sempre il riflesso delle nostre scelte, anche di quelle di non votare; ma comunque io sono favorevole all’astensione, all’astensione degli altri, però 🙂

        io farei la firma per avere un partecipazione del voto non superiore al 50%, come negli Stati Uniti, sempre che naturalmente quel 50% rappresentasse la parte migliore della società

  3. kalojannis ha detto:

    Il fatto di avere certe idee di base non impedisce che, a volte, per evitare un male maggiore, si facciano scelte diverse.
    Ad esempio, come proprio oggi scrivevo ad un’amica, io – pur essendo un liberale convinto – se avessi la possibilità di votare, voterei Vendola (perché è una persona libera e onesta in primis) e non chi si ammanta di liberalità e libertà ma è asservito al Padrone.
    E, probabilmente, nel Lazio voterei la Bonino, che è una vera liberale e liberista nonostante sia candidata per il centro-sinistra…
    P.S: Frappy, a proposito di politica, ti ho spedito una mail in separata sede…

  4. @ Kalojannis: l’ho vista, l’ho vista, la tua email, ma con me non c’è problema, io non mollo la barricata, mai. E cmq stavolta voto più volentieri di altre

    Ps: non insistere con la nostra amica comune di blog, perchè lei secondo me se votasse voterebbe Polverini 😀

    • Se la vostra comune amica di blog è quella che penso io, non credo che voterebbe la Polverini (manco la Bonino, se è vero che praticava gli aborti personalmente e poi mostrava i feti in segno di vittoria e libertà).

      • Sono d’accordo sul fatto che tra la nostra comune amica di blog e la Bonino ci sia un abisso, ma non tirarmi in ballo quella storiaccia messa in giro ad arte dai giornali della destra… Al di là di tutto, ma ti pare una storia verosimile?!?

        Il che non vieta, ovvio, che si abbiano idee diverse, tu la pensi in un modo io nell’altro…

        Ed è per questo che ti dico: domani vai ai Castelli che è una bella giornata 😀

      • Beh, esposti o meno, la Bonino è favorevole all’aborto, alla liberalizzazione della droga e a una serie di altre questioni che sono la bandiera dei radicali e in cui io, con tutto il rispetto per un partito che mi sembra tra i più lineari, non mi rispecchio minimamente.

  5. kalojannis ha detto:

    @Diemme
    Io ho letto che i comunisti mangiano i bambini…
    se, scevra da preconcetti, tu avessi seguito la battaglia dei radicali – magari senza condividerla – ti saresti accorta che la Bonino & C. hanno combattuto, prima ancora che le leggi proibizioniste, i tanti maiali che praticavano (e purtroppo, praticano) gli aborti clandestini, nascosti dietro il velo dell’obiezione di coscienza (le inchieste de “le Iene” in Campania, docet).
    Possiamo non essere d’accordo con le idee della Bonino ma identificare una delle poche personalità che l’Europa ci invidia (credimi) con una leggenda metropolitana, non rende giustizia alla tua intelligenza 😉 insomma, hai scritto na’ caxxata! :-o-:

    “Qual’è il prezzo, qual’è il prezzo,
    Dr. Dobermann, il prezzo che va pagato.
    Per le cose che ti secca fare in pubblico,
    ma ti rendono bene in privato.
    Tanti soldi e poche tasse
    e non c’è scandalo, non è nemmeno peccato.
    È la vita il tuo mestiere Dr. Dobermann,
    il tuo mestiere di mago”
    F.De Gregori, Dr. Dobermann

    • Che la Bonino sia una persona leale e coerente credo siano d’accordo in molti, le lotte contro i maiali che lucrano sulla vita dei bambini e i drammi degli adulti sono sacrosante, ma io non mi fossilizzerei sul fatto che l’episodio riferito sia o meno leggenda metropolitana, perché non cambia di una virgola la questione.

      Molte persone, nel corso di lotte per l’affermazione delle proprie idee, hanno compiuto azioni eclatanti a titolo dimostrativo. Una cosa come quella riferita potrebbe significare “Io lo faccio perché credo sia giusto, non me ne vergogno e non lo nascondo”; che poi la realtà non sia “io lo faccio” ma “Io sono d’accordo che si faccia” non cambia il mio prendere le distanze dalle sue posizioni.

      La Bonino è una persona seria e affidabile, nessuno lo nega, e in un panorama politico che presenta ben altra fauna tanto di cappello, ma sono lontana anni luce da molte delle sue idee, e non avrà il mio consenso.

      • Fede ha detto:

        E se l’unico modo per combattere l’usanza da macellai di tanti medici che praticano l’aborto clandestino fosse proprio la regolamentazione con legge di tale pratica, in modo che ci sia un protocollo sanitario da rispettare, un sostegno psicologico alla donna in attesa, con tanto di tutela della salute di ogni donna?

        Saresti ugualmente contraria?

      • Cara Fede, io sono contraria all’aborto, ma è chiaro che se si è chiamati a scegliere tra due mali si sceglie il minore.

        La domanda “Vuoi che muoiano madre e figlio, oppure solo il figlio?” non dà molte opzioni di risposta. Poi certo, se uno è un santone del tipo “Muori peccatrice, paga la tua colpa”, magari direbbe “muoiano entrambi”, ma qui stiamo parlando d’altro, stiamo parlando noi, condanno l’aborto, non le donne in difficoltà.

        Non condanno neanche le donne deboli, quelle che hanno paura, quelle che sono condizionate da una società che ci fa passare per lecito quello che lecito non è. Dio odia il peccato ma ama i peccatori e noi, in quanto figli suoi, dovremmo seguirne l’esempio.

        Io non ho mai detto di essere contraria alla 194, visto che pare essere il male minore e che l’alternativa siano le mammane; diciamo però che la promessa era pure di promuovere ogni azione atta a prevenire e a limitare la necessità di ricorrere all’aborto, e non mi pare sia stato fatto molto in proposito.

        Non ho capito però la tua domanda, se chiedevi se sarei comunque contraria alla legge che regolamenta l’aborto o alla Bonino: per la 194 ti ho risposto, per quanto riguarda la Bonino, certo che sono contraria, non posso sentirmi rappresentata da chi ha idee così contrarie alle mie, pur stimandone lealtà, coraggio e coerenza.

      • Non entro nel merito voto per la Bonino o meno, perché tutto sommato concordo con Diemme sul fatto che le sue idee la dovrebbero casomai portare a votare dall’altra parte; so che su temi che per entrambi sono importanti la pensiamo all’opposto, e quindi mi stranirei a sapere che votiamo lo stesso partito.

        Però ci terrei a sottolineare che dopo l’entrata in vigore della 194 il numero di aborti in Italia è drasticamente diminuito, e oggi è un dramma che riguarda in gran parte le donne extracomunitarie. Dire che legge 194 non ha funzionato direi che è smentito dai fatti 🙂

      • Caro Fra’, ripeto, non mi sono pronunciata contro la 194, ma secondo me nel campo della prevenzione si può e si deve lavorare ancora tanto.

        Per quanto riguarda il voto, le possibilità che votiamo lo stesso partito sono altissime, rassegnati.

  6. Bello! Stasera non posso ma penso che in settimana lo prendo. Tra l’altro condivido il tuo pensiero sulla fissa per i dibattimenti degli Americani…

    Io lo so chi è Stellan Skarsgård! Non sapevo perchè che aveva fatto il padre di Orlando Bloom! Io me lo ricordo da Kiss Kiss Bang Bang e in Will Haunting 😀

  7. @ BabEle: per questo commento di meriti un 10 e lode, oltre al doverosissimo inserimento nel blogroll!!!

    @ Barbie: esistono dei “buoni lunedì”? Non certo quelli dove hanno appena introdotto l’ora legale 😦

    @ Rosigna: nerissime? A me sembrano verdissime, specie da queste parti… Quest’estate mi sa che invece di andare a ripassare l’inglese mi farò due settimane in Val Remengo a imparare il vero veneto 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...