Acqua e sete

Oggi le Nazioni Unite celebrano la giornata internazionale per l’acqua; nella mia vita privata, invece oggi è passato un anno.

Un anno da quando è finita la mia storia d’amore.

Sono successe tante cose in quest’anno, in cui della vita di coppia mi è mancato tutto e non mi è mancato niente.

Non mi è mancato niente, perché sono una persona piena di iniziativa, e non me ne sono rimasto certo a casa a piangere sui miei (sui nostri?) errori.   Sono vissuto e vivo di obiettivi a breve termine, non trascorrere da solo il week end, fare una bella vacanza, fare un’altra bella vacanza, organizzare un festa ben riuscita, passare un capodanno piacevole, andare a ballare in discoteca.  Più in là non ci penso.

Sto bene, ho raggiunto un mio equilibrio, ma sento comunque la mancanza di una persona al mio fianco, non avere nessuno con cui annoiarsi, non avere nessuno cui comprare quelle belle scarpe con il tacco che ho visto in vetrina, o a cui raccontare il sogno che ho fatto stanotte.

Per stare in tema con la giornata di oggi, ho sete e ho capito che bere coca cola, spritz o rum non serve a niente; solo l’acqua ti disseta veramente, e ognuno ha la sua acqua, quella che davvero ti basta e non ti fa più essere assetato.

Io l’avevo trovata, in fondo; ora si tratta solo di ritrovarla.

Annunci

22 thoughts on “Acqua e sete

  1. “non avere nessuno con cui annoiarsi, non avere nessuno cui comprare quelle belle scarpe con il tacco che ho visto in vetrina, o a cui raccontare il sogno che ho fatto stanotte”.

    Che dirti, questi argomenti mi vanno dritti al cuore. Tutto quello che tu racconti, il non piangersi addosso, il crearsi momenti piacevoli, sono palliativi. E’ il qualcuno “per cui fare”, è il qualcuno “con cui condividere” quello che manca.

    Stai bevendo Coca Cola, non morirai di sete: ma continuerai ad averla, finché non troverai la TUA fonte a cui dissetarti.

    Che dirti, tifo per te. 😉

  2. Bellissimo questo pezzo, Fra, davvero bellissimo nella sua cruda semplicità.

    Per me l’acqua è un elemento super fondamentale, bevendone circa 5 litri al giorno.

    Vedere la nostra parte mancante come la nostra acqua è semplicemente geniale. Io per anni sono stata l’acqua di me stessa. Storie importanti ma non erano acqua compatibile con la mia, e poi la decisione di stare da sola. Concentrata su di me, su quello che mi faceva star bene. Poi all’improvviso un ruscello è apparso davanti a me, ho bevuto dalla fonte magica e ho avuto ancora più sete ma non voglio che quel ruscello e quella fonte magica spariscono. Ho iniziato a pensare che devo trovare spazio nella mia super intricata vita per questo ruscello e per bere questa acqua magica.

  3. kalojannis ha detto:

    Ti auguro di ritrovarla o (meglio) di trovare una nuova fonte che per salubrità, leggerezza e purezza possa dissetarti ancor più della precedente…

    se poi nel frattempo ti fai una birra tedesca o una sangria spagnola, non morirai di sete 😛 😛 😛

  4. @ Miss Sunshine: già, ma attenzione che il merito di quest’accostamento va tutto al cantante degli Jarabe de Palo, non a me 🙂

    @ Diemme: se ci pensi è così anche fuor di metafora: puoi berti una bottigliona di Coca Cola da 2,5 litri e avrai ancora sete, mentre basta un bicchiere di acqua di rubinetto per dissetarti 🙂
    (sia chiaro che restando nella metafora cmq non sto bevendo coca cole da 2,5 litri, in nessun senso si voglia interpretare questa frase ^^ )

    @ Luce: visto che mi riconosci il dono della sintesi mi permetto un consiglio molto sintetico: concentrati meno su te stessa 🙂

    E’ un classico errore di quando si diventa single, ma è il modo migliore per rimanerlo, anche quando si hanno tante doti come te 😉

    @ Kalojannis: birra tedesca?? No, non mi interessa… se proprio dovessi provare qualche bibita straniera, ho una forte curiosità per il the verde giapponese 🙂 🙂 🙂

    • Lo so…. se vuoi possiamo ricondurre anche questo alla metafora della casa. Una si può anche accontentare della seconda casa a uso prima, ma non è il tuo nido, non è la casa che ti accoglie e ristora, e alla fin fine ti serve forse solo per non farti piovere in testa. Se non trovi l’acqua puoi bagnarti le labbra con la birra, col the verde giapponese, con la coca cola, e neanche ti andrà di berne una bottiglia da due litri e mezzo, perché è l’acqua quella che desideri.

      Ma bisogna trovare la “nostra” fonte… quella dell’acqua miracolosa che ci dà energia 😉

      • amica mia, con tutte queste metafore e questi sottintesi alla fine ci ritroviamo negli… equivoci ^^

        senti, a proposito, non riesco più a trovare il commento a cui dicevi che dovevo risponderti… dove lo avevi lasciato?

      • No, non mi era sfuggito, ma c’erano tanti di quegli spunti che mi ero preso termine per risponderti, e poi non lo trovavo più 😀

        Hai fatto un’analisi molto schietta della vita da single, mentre secondo me hai travisato il senso dei tradimenti nelle coppie; vedi, secondo me nel tempo le persone cambiano, possono succedere tante cose, anche la persona più santa di questo mondo può avere una defaillance, come dice una mia amica che santa proprio non è 🙂

        In ogni caso, se ora non sei più così single, dove l’hai trovato il tempo per infilare un moroso, tra tutta quella mole di impegni di cui scrivevi? 😀

      • Non l’ho infilato ancora, sta entrando piano piano nella mia vita e poi il fisico non ha retto e sono svenuta e finita in ospedale. Ora piano piano si fa tutto…

      • Ma Fra, ho fatto tutto da sola, il mio fisico mi ha detto stop poi lui mi ha chiamato mentre ero in ospedale e appena uscita ci siamo visti. adesso sono a casa che cerco di riprendermi. non è facile per una super single incallita infilarci qualcuno. idem per lui. ma stavolta niente mulini a vento o fantasmi. e comunque non credo nel tradimento x noia o per altro. il tradimento è una pugnalata. non porta da nessuna parte. come faresti a fare l’amore con la tua donna sapendo che si è fatta un altro? guardarla negli occhi e fidarti di quello che ti dice? io sarò talebana come dice questa new entri, troppo rigida, ma accettare il tradimento è accettare una maschera per andare davanti alle api con dei buchi. non ci sto. sono allergica. un abbraccio di luce nuova

  5. estrelia14 ha detto:

    sceeeeeeeeeeeeeee ….. mi hai lasciata a piedi????
    mo che vuoi???? ti lamenti??? prrrrrrrrrrrrrr 😛

    Dai dai che sono tornata e ti riempiro di coccole 😀
    (assegni post datati vanno bene uguale :P)

    Scherzi a parte…… ogni cosa ha un suo tempo….. arrivera’ il tuo
    Un abbraccio teso ……ti aspetto a casa nostra 😀

  6. “solo l’acqua ti disseta veramente, e ognuno ha la sua acqua, quella che davvero ti basta e non ti fa più essere assetato”

    Con questa frase ti sei ampiamente riscattato: è quella che ogni donna vorrebbe sentire, quella che rappresenta la predilezione e la disponibilità ad un amore unico e fedele.
    Dopo un’affermazionde del genere, se anche fossi Speedy Gonzales, non se ne accorgerebbe nessuna 😉

  7. @ Estrelia: ciao, bellissima 🙂 Ma dov’è che ti avrei lasciata a piedi, non sono mica io che mi faccio una vacanza all’estero ogni due mesi, eh?!

    😛 😛 😛

    e cmq… ma qual’è “casa nostra”? Girafrittata?

    @ Ro.ma: grazie ^^ Però il problema non si pone, il mio istinto mi dice che l’acqua che cerco scorre veloce come me 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...