L’amore e la lista della spesa

Oggi è una giornata importante, si festeggia il Shopping Reminder Day, la Giornata della Lista della Spesa.

La canzone Your shopping list are poetry, del gruppo rock belga Mint, è la perfetta colonna sonora, anche perché a me ricorda il fatto che fare la spesa insieme può essere un’esperienza molto dolce, per una coppia.

Naturalmente, non sempre è così, anzi, in certe relazioni fare la spesa è un noioso incombente settimanale.

Ma altre  volte può essere un gioioso balletto d’amore tra gli scaffali del supermercato, a comprare le cose che servono a sopravvivere un weekend senza uscire di casa.

Mi ricordo ancora quando, nei primi anni novanta, venendo da una città già allora un po’ più indietro del Veneto moderno e avanzato, con la mia ragazza di quel tempo avevamo scoperto la meraviglia dei primi ipermercati, con una varietà e una possibilità di scelta che nei piccoli supermercati della Trieste di allora nemmeno ci sognavamo.

Un po’ come i berlinesi dell’est quando scoprirono i fornitissimi negozi dell’ovest, camminavamo a bocca aperta per questi scaffali pieni di ogni ben di Dio, e nella nostra beata gioventù riempivamo il carrello come lo riempirebbe un bambino di otto anni.

Il primo fu un Cadoro sulla strada per la montagna, me lo ricordo ancora.

Lo so che quei momenti non torneranno mai più, ma mi piacerebbe nella mia relazione d’amore di domani provare di nuovo lo stesso piacere nel fare la spesa insieme, perché può essere un momento dolce e intenso dell’essere coppia.

Infilare noncuranti nel carrello il barattolo di nutella, non mancare di rifornirsi nello scaffale dei superalcolici, salire sul carrello dopo avergli dato una spinta, comprare qualcosa di assolutamente inutile o incucinabile ma accorgersene solo dopo essere arrivati a casa.

E forse, in quei momenti, si può persino fare a meno della lista della spesa.

Annunci

10 pensieri su “L’amore e la lista della spesa

  1. Caro Fra’,

    non è un caso che per me sei IL blogger, visto che anche da una cosa banale e prosaica come la lista della spesa hai saputo far nascere questa poesia.

    Ho letto il tuo post, e mi sono sentita colpita a sorpresa, avvolta nella dolcezza dei ricordi, di quelle spese fatte insieme, coi barattoli della Nutella e le noccioline buttate nel carrello con l’aria complice e una risata.

    E con questi ricordi che hai risvegliato, ti do la buonanotte (non posso fare troppo tardi, domani c’è un Party che mi aspetta… 😉 )

  2. Che bello il rituale della spesa con la persona che ami, è una delle cose che a prima vista può sembrare banale ma invece non lo è. Condividere esperienze così semplicemente quotidiane con la tua dolce metà ti può aprire un mondo, farti vivere un sogno ad occhi aperti ed in men che non si dica ti ritrovi a pensare “chissà quando questa spesa sarà la NOSTRA spesa”. Ti si stampa sul viso un sorriso sognante che non vorresti smettere più di indossare. Non si vede che sono nostalgica di quei tempi eh? 😛

    PS: O mio dio, cos’ho letto? Trieste!!!! Lo so che non c’entra niente col post ma non appena leggo la parola Trieste non capisco più niente!

  3. Cavolo FraP l’esperienza della spesa di “coppia” mi manca.. ma ti confesso che quando vado a fare la spesa da sola nonostante la mia età in cui tutti si aspettano un comportamento decoroso a volte mi faccio prender dallo slancio e viaaaaaaa in picchiata con il carrello ufffffff quando va proprio male e la sfiga decide di abbracciarmi rischio gli “incidenti carellosi” 😀 lo facevo da bambina e lo faccio ancora ora!

    però spezzo un po’ questa atmosfera, non vogliatemene, vi linko questo video di youtube che sintetizza appieno la mia spesa sia da sola che assieme alla mamy!! e non solo al sabato… talvolta ne esco stressata e incazzata mi riprometto di non tornarci più ma poi lo stomaco ha la meglio!

  4. Tra “fare la spesa” e “divertirsi a fare la spesa” purtroppo c’è di mezzo il problema “denaro”… 😦

    P.S.: per quanto riguarda i negozi di Trieste, il tuo paragone con i berlinesi dell’est calza perfettamente… Non sopporto che nella nostra città si trovi sempre una scelta così scarsa di tutto.

  5. pp ha detto:

    Apprezzo tantissimo fare le piccole cose assieme: la spesa, cucinare, un film, vestiti, ecc…! Sono i momenti di pacifica tranquillità nella vita di coppia, giusto per ribadire che si sta bene assieme! ^_^ (Anche se io non ho mai convissuto, quindi le mie esperienze sono limitate! ^_^)

  6. @ Pp: quanto hai ragione, ma lo so che tu hai un animo dolce e sensibile come me, sono ‘ste benedette donne che tanto amiamo che non ci capiscono 😉

    Cmq le spese di coppia più belle le ho fatto da giovane universitario, mica quanto convivevo, quindi goditele adesso quando ti capita! Una volta in sei mesi è molto più divertente che una volta alla settimana 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...