Diario oxfordiano – parte quarta

Realizzare i propri sogni può diventare un incubo.

Vedere avverare i propri incubi può diventare un sogno.

Annunci

13 pensieri su “Diario oxfordiano – parte quarta

  1. Aspettiamo lumi.
    Intanto ho fatto un simpatico esperimento: scomponendo night-mare, si evince che il significato è “giumenta della notte”. Forse perchè gli incubi, più che i sogni, ti fanno viaggiare in mondi spaventosi, fino a prendere coscienza delle paure e degli istinti repressi.
    Del resto, lo sai che io amo Freud….

  2. @ Liviana: molto interessante la tua ricerca filologica… Comunque non mi riferivo all’incubo vero e proprio, alla pura di qualcosa che, magari, non è affatto spiacevole come si temeva

    @ Diemme: e chi può avere certezze in questo momento, in un senso o nell’altro?

    @ Stella: per me è chiarissimo, ma in fondo non penso di essere stato molto criptico, il mio era un messaggio generale, anche se legato a un situazione personale

  3. Bellissima canzone dei Cramberries come sempre ottimi gusti in musica 😀

    Beh frase dalle mille interpretazioni… chissà se ci svelerai qualcosa in più…

    Io la vedo così.. forse ciò che più sogniamo poi si trasforma nel nostro incubo peggiore- perchè forse non era poi i nostro reale sogno??- o forse perchè come tutti i sogni è difficile da raggiungere e quindi mille ostacoli che talvolta ci fanno abbandonare la rincorsa di questo sogno…

    e se fosse opera di una persona tutto ciò?? pensavamo aver risolto/chiuso con questa persona e poi il nostro incubo più peggiore, ovvero la persona, si rifà viva e abbiamo paura ad affrontarla ma poi di colpo capiamo che era una paura infondata perchè tutto è tornato come prima e non c’è più da preoccuparsi… siamo felici come lo eravamo un tempo….
    mmm forse riguarda la tua sfera sentimentale questa affermazione??

  4. balibar ha detto:

    Le mie paure, od incubi, sono sia il ritornare in una certa situazione (stesse persone, stessi luoghi) che il ripetersi della stessa situazione altrove (con altre persone, in altri contesti).
    La prima mi paralizza, la seconda può essere una possibilità.

    Capisco che sia dura tornare ma buon atterraggio, quando succederà.

  5. @ balibar: sono tornato da poco, e purtroppo è stata (è) molto dura

    @ pensieri: apprezzo il tuo sforzo interpretativo, ma sei fuori strada, tranne che per il fatto che il mio pensiero è legato alla sfera sentimentale.
    Ecco, diciamo che quando ho scritto che a volte gli incubi possono diventare sogni mi riferivo al fatto che la fine di un amore (che viene vista come un fatto negativo) magari poi diventa la premessa di un sogno…
    Anche l’altra frase c’entra con la realtà, ma qui le cose si complicano di più…

  6. Attento a quello che desideri, perché potrebbe realizzarsi!

    Questo dice un vecchio proverbio, e secondo me è profondamente vero. A volte, quando si verifica quello che desideriamo, che sia vincere la lotteria, o avere un certo posto di lavoro, o riuscire ad avere una storia con la persona si cui si è innamorati, ciò può rivelarsi il danno più gravi, il colpo più potente che la vita ci abbia mai inferto.

    Viceversa, non è così brutto il diavolo per quanto lo si dipinge, e cose che sembravano grossi guai, insostenibili rovesci della sorte, si rivelano a volte dei propri biglietti della lotteria vincenti (in senso figurato, stavolta!)

    E’ questo che a volte, per intervenuta atarassia, spegne i miei entusiasmi, o al contrario mitiga le mie angosce, in un atteggiamento che spesso agli altri risulta incomprensibile.

  7. alanford50 ha detto:

    L’attimo del sogno.

    Per fortuna la vita ci impone e ci mette in condizioni di non poter scegliere, e ci obbliga a desiderare e a cercare di realizzare i nostri momenti di vita, fa parte della nostra componente di umanità, ma io entro certi limiti cerco di strappare alla vita la possibilità di sognare e di far dipendere dalla mia volontà il volere e il poterli realizzare.

    In queste cose importanti cerco di avere l’arbitrio e anche la possibilità di rinunciare, anche senza motivo, solo per il gusto di sentirmi vivo e padrone del mio pensiero e con esso del mio desiderio.

    E’ evidente che la realizzazione del sogno ne rappresenta anche la sua fine, e da qui si innesta una perversa corsa ai nuovi sogni, così anche solo per non rischiare di restarne senza, situazione difficilissima da sopportare e da vivere, ma così facendo si finisce per crearsi sogni fasulli o poco importanti, dei riempitivi, proprio solo per non dover subire il periodo senza sogni, che ripeto è difficilissimo da sopportare, non per me, io ho imparato, non senza soffrire, che è necessario fare delle scelte di qualità più che di quantità, e che tra un sogno importante ed un altro ci sono dei momenti di NON sogno che vanno vissuti egualmente con pari dignità ed importanza, facendo questa operazione di discernimento delle cose importanti si apprezza e si gode molto di più nel periodo che prelude la realizzazione del sogno stesso, che come precedentemente espresso ne rappresenta la inesorabile fine.

    Non solo, la nostra fantasia è talmente superiore alla realtà, che tirando le somme dopo la realizzazione di un sogno, spessissimo ci riscopriamo delusi e traditi dal sogno, in quest’ottica il sogno può e deve essere visto come l’antitesi della realtà, cioè una forma di panacea che ci permette di sopportarla e superarla, uscendone il più possibile indenni, l’errore che non deve mai essere fatto è quello di cercare di mischiare le due filosofie di vita, se la realtà viene vissuta come nel sogno e il sogno vissuto come la realtà è la fine di entrambi, quindi la strategia deve essere quella di utilizzare entrambi tranquillamente, in modo che una cosa aiuti l’altra, ma in modo totalmente separato ed appropriato.

    Ciaooo neh!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...