Idrovolanti a Fiumicino

idrovolanti

Questa metà giugno così calda e afosa è un momento perfetto per ricordarci del problema del surriscaldamento della terra, e degli effetti devastanti che possono derivare dall’innalzamento anche solo di pochi gradi della temperatura.

Forse si sottovalutano gli effetti di quello che potrebbe capitare, sopratutto in paesi come l’Italia, una penisola circondata dal mare.

Per provare a capire, si può andare su questo sito che permette di verificare le conseguenze di un innalzamento del livello del mare.  Ho provato ad impostare come variabile + 5 metri.

Venezia (ovviamente) ma anche Rovigo, Ravenna, Pisa, Livorno, Cagliari (dove andranno le mie amiche di blog?) e mezza Napoli sommerse dall’acqua, come tutta la riviera adriatica a la Versilia, l’aereoporto di Fiumicino andrebbe bene solo per gli idrovolanti.

Padova, Ferrara, Treviso diventerebbero città costiere; l’Argentario e Piombino si trasformerebbero in isole.

Quasi come una nemesi storica, l’innalzamento del mare colpirebbe proprio le aree più produttive e industrializzate.  Ma se non altro, per andare al mare da casa mia ci metterò dieci minuti.   Altro che trasferirsi in riva al mare, basta aspettare trenta o quarant’anni e sarà il mare a trasferirsi da me.

L’innalzamento dei mari peraltro è solo uno dei problemi derivanti dal global warming; una temperatura in aumento potrebbe portare a carestie in India e Pakistan (basta un grado in più), alla desertificazione dell’Austrialia e la scomparsa dell’Aamazzonia (tre gradi in più) fino alla fuoriuscita di acido solfidrico dagli oceani e l’avvelenamento della superficie terrestre (nel caso di un aumento di 6 gradi).  Ah, beh, forse quest’ultimo è il problema minore: all’avvelenamento della superficie terrestre ci stiamo già lavorando.

Oggi 17 giugno, giornata mondiale per la lotta contro la desertificazione e la siccità.

Annunci

14 thoughts on “Idrovolanti a Fiumicino

  1. lagiraffa ha detto:

    L’uomo si sta specializzando nell’arte dell’autodistruzione, perciò dobbiamo solo comprarci un bel costumino e aspettare l’Onda. Ho fatto un giro sul sito che hai linkato, per capire dove scappare, quando il mare travolgerà l’Isola (si dice che il posto in cui vivo sia già stato travolto da uno Tsunami in passato) ma credo di non averci capito molto..aiuto, come farò?!

  2. Tranquilla, Giraffa, la Sardegna si salva quasi tutta, a parte Cagliari e villa certosa.

    I lemmings non sono quegli scimpanzé che per risolvere qualunque problema conflitto incomprensione trombano?
    No, quelli sono i bonobo… peccato

  3. estrelia14 ha detto:

    Scusate e io che fine farò????
    Lo sapevo…..ecco perchè insisto con mio marito che dobbiamo andare a vivere a Milano…

    Fortunata come sono di certo mi troverò nella metà di Napoli che affonda….. uffy….

    Un salutone …carino il blog…. l’ho linkato…. 🙂
    ciao Fra 🙂

    @ Presidente …non posso manco ospitarti io, hai letto???? anche io affonderò nell’abisso (spero che affondi prima la scuola di mio figlio ) hihihiihih 😛

  4. Ciao, Estrelia14, principessa panettiera. Ti ringrazio per i complimenti, e prima o poi provo qualcuna delle ricette sul tuo blog.

    Vuoi lasciare Napoli per andare a vivere a Milano? Ma scegli almeno una via di mezzo, che ne so, Genova che c’è il mare…
    Nel frattempo, magari, se cambi casa prendi un appartamento ai piani alti 😀

  5. Federica ha detto:

    Se magari provate a dare uno sguardo un pochino più a sud…..ancora più giù…..ancora più giù……Forse si intravede un posto mica male per poterci rifugiare tutti….. E vivere al sole e al mare…

    O forse no. Perchè non saremo sommersi ma forse bruciacchiati e arsi per la desertificazione che avanza…

    Sigh sigh

  6. Intanto pensa a spiegare perché chiedi asilo nel continente.

    “La mia isola è stata sommersa” non è una buona ragione, chiedilo agli Atlantidei che sono stati respinti in Libia nonostante cercassero di spiegare che era meglio l’Egitto visto che le piramidi e la sfinge li hanno costruiti loro

  7. No Blogger ha detto:

    ..sì, di ‘ste sfighe sono pieni i fantastici mondi di internet, così come del surriscaldamento, già avvenuto, ad esempio, intorno al 1000 d.C. Probabilmente la Sardegna – come tantissimi altri posti – se la caverà a differenza di tanti esseri “umani”…amen…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...