I wanna breathe that fire again (ep. 47)

Oggi sembra una giornata qualunque; come il tempo, non c’è il sole ma non piove, coperto come si dice in gergo.   Per bilanciare scelgo una canzone eccezionale ed immaginifica:

Read My mind

The Killers

On the corner of main street
Just tryin’ to keep it in line
You say you wanna move on and
You say I’m falling behind

Can you read my mind?
Can you read my mind?

I never really gave up on
Breakin’ out of this two-star town
I got the green light
I got a little fight
I’m gonna turn this thing around

Can you read my mind?
Can you read my mind?

The good old days, the honest man
The restless heart, the Promised Land
A subtle kiss that no one sees
A broken wrist and a big trapeze

Oh well I don’t mind, if you don’t mind
‘Cause I don’t shine if you don’t shine
Before you go, can you read my mind?

It’s funny how you just break down
Waiting on some sign
I pull up to the front of your driveway
With magic soaking my spine

Can you read my mind?
Can you read my mind?

The teenage queen, the loaded gun
The drop dead dream, the Chosen One
A southern drawl, the world unseen
A city wall and a trampoline

Oh well I don’t mind if you don’t mind
‘Cause I don’t shine if you don’t shine
Before you jump,
Tell me what you find..
When you read my mind

Slipping in my faith until I fall
You never returned that call
Woman, open the door, don’t let it sting
I wanna breathe that fire again

She said I don’t mind if you don’t mind
‘Cause I don’t shine if you don’t shine
Put your back on me (x 3)

The stars are blazing like rebel diamonds, cut out of the sun
Can you read my mind

Per vivere una giornata ispirata alla canzone ho l’imbarazzo della scelta: devo fermarmi all’angolo del Corso (on the corner of main street), incontrare una regina diciottenne (teenage queen) oppure l’Eletto (the Chosen One), passare sotto le mura cittadine (city wall), saltare con un trampolino (a trampoline), parlare con l’accento meridionale (southern drawl), salire sul trapezio (big trapeze), avere un sogno spettacolare (drop dead dream).

Il cuore senza pace (restless  heart) quello ce l’ho già.   E voglio ancora respirare quel fuoco.

Vai all’episodio precedente Vai all’episodio successivo

Advertisements

9 thoughts on “I wanna breathe that fire again (ep. 47)

  1. Nessun giorno è un giorno qualunque. Ogni giorno è un giorno a sè, ogni giorno è un giorno particolare, ogni giorno è un giorno speciale.

    Ogni giorno, ogni persona, ogni amore che nasce, ogni amore che se ne va ha i suoi rituali.

    Il cuore non si da pace per una fine, il cuore non si da pace per non avercela fatta, il cuore non si da pace per aver mollato.

    E poi, la voglia di respirare ancora quel fuoco….di vivere ancora quelle emozioni, di vivere ancora quei momenti…

    I giorni passano, e sorridi di nuovo…il cuore torna a sorridere e a battere, ma la voglia di vivere ancora quel fuoco quella rimane…

    (questa è la mia esperienza)

    Un abbraccio Stella

  2. La pioggia che cade in un giorno qualunque è come le lacrime che scorrono su un volto qualunque…

    …quel giorno non è più un giorno qualunque, è quel giorno
    …quel viso non è un viso qualunque è quel viso

    Giorni di pioggia, giorni di lacrime,

    ma il sole torna a splendere nel cielo azzurro

    Un abbraccio Stela

  3. Non la conoscevo…l’ho ascoltata…

    …la verità sta nelle cose semplci…è un po’ la costante della mia vita…

    …infognarsi nelle cose difficili e complicate…perdersi nelle strade senza uscita…

    …alla fine il sole splenderà dall’inizio alla fine ne sono sicura…

    …io solare ed allegra…io amante del caldo e dell’estate…del sole…

    …io che adoro passeggiare a piedi nudi nella pioggia….

    le lacrime sono uno sfogo dellla nostra mente e del nostro cuore…

    …sono sicura tornerà presto il sole…

  4. Dubbio; ti riferisci ai Garbage o ai The Killers?

    Comunque è normale che le persone solari si innamorino delle persone oscure, e viceversa anche se non capisco cosa loro ci trovino in noi 😉

  5. Buon giorno buon giorno…

    …mi riferisco ai Garbage…I’m only happy when it rains (ascoltata, cercato il testo, ascoltata con il testo…x carattere non mi deve sfuggire mai niente…) … l’altra la conoscevo e mi pice molto… questa sai l’ho ascoltata diverse volte a fila e mi ha fatto riflettere molto…poi scrivo qcs da me… (lavoro permettendo)

    Dubbio: ma tu ti inserisci nelle persone solari o oscure???

    Il sole illumina le tenebre…le tenebre oscurano il sole…

    …ecco perchè gli uni sono attratti dagli altri…

    Ogni tanto xo’ sarebbe bello lasciare che il sole scaldi e illumini la terra senza ofuscarlo, ma questa è la vita…

  6. Direi che mi inserisco tra le persone solari, e sicuramente mi vedono così gli altri.

    Forse nell’interiorità sono un po’ più ambivalente, ma alla fine ciò che conta è il modo di relazionarsi con gli altri, no?

  7. Ma noi siamo come gli altri ci percepiscono o siamo diversi??’

    Io sono semplicemente me stessa. Sono allegra ed estroversa, un libro aperto dice la mia mamma, ma poi mi rifugio nel mio mondo quando sono a terra e non riesco più a comunicare neanche con me stessa. Negli ultimi anni di eclissi non ce ne sono quasi più state. Mi sveglio al mattino col sorriso, metto anima e corpo nelle cose che faccio, quando mi piace qcn mi emoziono come fosse la prima volta e poi delusione fortissima e anche rabbia quando la gente si nasconde dietro un dito, quando ha paura di emozioni troppo forte e preferisce la routine ed emozioni piatte. Non tengo il muso, a volte urlo come una pazza ma poi mi passa subito. Non amo le situazioni poco chiare. Amo la luce, il sole, l’estate, il caldo. Adoro camminare a piedi nudi nella pioggia. Amo la neve, la montagna, i boschi. Amo il bianco e il nero e adoro i colori. Ho tanti amici che forse tra loro non c’entrano niente, ma c’entrano con me. La mia casa è lo specchio del mio animo: studiata, progettata, amata. Amo il contatto, la fisicità.

    Ma gli altri come mi percepiscono?

    Qui sul blog spesso sono stata percepita come concentrata su me stessa, distante dagli altri. Chi mi conosce da vicino, nella vita di tutti i giorni, mi vede come un uragano, una persona che adora la sua vita e quello che fa, che crede in quello che fa e anche se dice: basta non mi fido più, ma poi ci mette ogni volta il massimo impegno e ci rimane male quando la gente fugge davanti alla sua sicurezza e determinazione. Ma che sicurezza e sicurezza? Io sono fragile come tutti, con mille paure…

    Non ho meno problemi di altri solo perchè sono sempre allegra e sorridente…il blog è uno sfogo per il mio animo…

    Mi sa che sono andata fuori tema…sorry

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...