Tortilla d’amore (ep. 35)

sagrada-familia

Non so se la tortilla sia un piatto più sudamericano o più spagnolo, di sicuro in Spagna la tortilla c’è, e quindi questo è stato il mio tributo al tema della giornata.  Una robusta tortilla de patatas pesante come un macigno sullo stomaco; nulla di strano, per una pietanza a base di patate, cipolla e uova.   Il gusto non era male  anzi, ma l’aspetto sembrava quello della Sagrada Familia di Gaudì.   Diciamo che l’amalgama di cui parlavano le ricette è stato ben lungi dall’essere raggiunto.

Spero di non essere blasfemo nel paragonare la mia tortilla alla chiesa simbolo di Barcellona, ma d’altronde  di blasfemia venivo accusato anche alle superiori, quando entravo in una chiesa con le mani in tasca, per venire prontamente rimproverato da una delle numerose secchione di cui la mia classe era curiosamente piena.  No, no, non mettere le mani in tasca, come canta Caparezza.

In realtà, più che alla Spagna, oggi ho pensato di impegnare la giornata per trasformare la nostra ex casa da una rispettabile abitazione borghese nella tana di un single eccentrico.    Impaurito dal rischio di fare qualcosa di irrevocabile (già mi vedevo la faccia schifita dell’imbianchino chiamato a rimediare) ho aperto con giusto timore la confezione degli adesivi murali che avevo comprato sabato e ho decorato la camera da letto e il corridoio.

Per la camera ho scelto un motivo denominato baroque noir applicato in maniera speculare sui due comodini, ottenendo un promettente effetto bordello in una stanza dove probabilmente avevamo ecceduto con il bianco.   Per il corridoio ho pensato ad una  foresta di bamboo, che tra l’altro ha attirato l’attenzione del gatto più giovane, per fortuna limitata ad un’annusata.

Il risultato comuqnue non è stato male, anche in questo caso, ma la sensazione complessiva è davvero strana.   Non sembra proprio la casa di una persona seria.

Vai all’episodio successivoVai all’episodio precedente

Annunci

4 thoughts on “Tortilla d’amore (ep. 35)

  1. Gianni il bello ha detto:

    Beh, generalmente le persone serie sono pallose… quindi, direi, “fortunatamente” non sembra la casa di una persona seria 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...