Fin (ep. 32)

Avignone, Francia

Avignone, Francia

Oggi è la giornata francese.  Oggi è l’ultimo giorno.   Non è l’ultimo giorno del mio tentativo di elaborazione del lutto da fine amore; anzi, d’ora in poi scrivere il diario della mia fine amore mi sarà ancora più utile.

Perché oggi è il nostro ultimo giorno di convivenza, da domani la nostra separazione sarà anche fisica.

Alla fine ci siamo arrivati.

La tristezza, la malinconia di tutto questo va d’accordo con una giornata francese.

Parliamo d’altro, allora (sennò altro che elaborazione del lutto); oggi ho fatto il bravo, ho rispettato la direttiva.

In testa un basco francese che mi aveva regalato lei, nell’ipod compilation francese, dalla dance di Ilona ai Noir Desir, passando per Yuyu.   Non c’entrano niente gli uni con le altre, ma non prendetevela con me, prendetevela con il mio ipod.

A cena ho preparato le crepes, e durante il giorno ho riscattato la delusione della pita e sono riuscito a realizzare il pane, che comunque è  (anche) molto francese.  Stavolta ho seguito alla lettera la ricetta che ho trovato, ho rispettato i tempi della lievitazione e, voilà, alla fine dal forno è uscito un vero pane, che ho battezzato baguette, anche se non ci somiglia per niente.  Cucinare mi riesce decisamente meglio che gestire i rapporti sentimentali.

La Francia era molto sua, c’eravamo stati due volte, Parigi, Costa Azzurra, e ogni volta era stato un sallasso economico.   Sarebbe stato bello tornarci adesso, specie a Parigi, ma non succederà, non con lei.   E con nessun altra sarà la stessa cosa.

Adieu

Au revoir

Annunci

2 thoughts on “Fin (ep. 32)

  1. Sai, con l’amica Diemme, condivido la passione (forse l’ho già detto, ma sai l’età…) per la riesumazione (passami il termine) di vecchi post…servono per conoscere il nostro interlocutore (non lo faccio sempre se no vivrei attaccata al pc cosa che non faccio)(ma con i blog che mi ispirano di più si, per capirci qcs di chi scrive)

    Sorrido sulla tua ultima frase:…e con nessuna sarà la stessa cosa…

    Ti innamorerai ancora e magari sarai felice come non lo sei stato mai…che ne sai…l’importante è non fare come i miei fantasmi che ancora oggi sono intrappolati nel loro passato e la donna che si è trovata sul loro sentiero non ha potuto far altro che arrendersi davanti a muri troppo alti….mi è piaciuta la tua frase: I FANTASMI CI SONO SOLO AL CIMITERO….

    Che voglia di crepes che mi hai fatto venire, magari alla nutella…beh anche io come te molto meglio in cucina che a gestire rapporti sentimentali….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...