Radiozapping estremo

A un certo punto la voce dello speaker si è fatta aggressiva, e rivolto agli atei e ai materialisti ha iniziato con “ma andate a..”. Durante quei pochi decimi di secondo i miei neuroni si sono immaginati la conclusione della frase.  Nella migliore delle ipotesi, poteva concludersi con “quel paese”, ma nelle mie sinapsi era più quotato un “fare in c…”.

Eppure facendo zapping radiofonico ero capitato su Radio Maria, eppure da come parlava si sarebbe detto che lo speaker fosse un prete, un frate o qualcosa del genere.

In quel momento (lo confesso) stava dicendo una cosa su cui peraltro ero pure d’accordo (contestava la riconduzione della personalità umana a questione di neuroni) ma il tono era veramente sconcertante, finché è arrivata la conclusione della frase.  “… a piantare i cavoli”.

“… ma andate a piantare i cavoli”

Che razza di impropero è? Un insulto da parrocchia, bonario nelle parole (ma per nulla nei toni)? Un caloroso invito a darsi alla coltivazione dei campi? Una correzione all’ultimo secondo di una frase che forse usciva un po’ dal seminato (tanto per restare in tema)?

Radio Maria è veramente un must se vi piace l’umorismo involontario dell’estremo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...