Affreschi · Due di Cuori · Scelte

Come in una canzone del Liga

Sono le sette di mattina, al bar del quartiere /c’è ancora l’odore di chi era rimasto a bere

E sotto una pioggia indecisa che cade / entrano veloci i primi clienti

La massaggiatrice cinese / le gambe scoperte / se ha una gonna quasi non si vede / la pelle troppo chiara per fare quel mestiere.

E l’operaio edile, non più di trent’anni / gli occhi chiari, la pelle scurita / una giacca rossa, dietro il codino / un tatuaggio che non si nasconde

Entrano insieme / lui la lascia passare / a fare il cavaliere glielo ha insegnato suo padre

E prenderanno il primo caffè / mentre fuori piove sarà un gioco di sguardi

E prenderanno il primo caffè / e basta uno sguardo per mille pensieri

E mentre finiranno quel primo caffè / volerà la fantasia di una storia d’amore / se non facessi questo lavoro / se a casa non ci fosse già lei

E lei vorrebbe dire / se passi per te è gratis/ e lui vorrebbe portarla via / e dove non lo sa / ma rompere quel plexiglass / ma mentre fuori piove ognuno ritorna / alla sua vita ma invece chissà/ qualcosa è successo in quel piovoso mattino di tre giorni fa

Notizie ASMA · supernaturale

Fiori e alberi: ora ci potremo parlare

(ASMA) D’ora in poi sarà possibile chiacchierare con querce e pioppi, ma anche con la siepe sotto casa.

È notizia di oggi che il professor Ted Drawinsky dell’Università dello Saskatchewan, nel Canada, ha elaborato un innovativo software che, grazie all’utilizzo di un computer quantistico, permette un vero dialogo con le piante, che hanno così dimostrato, in alcuni casi, una spiccata intelligenza.

Dopo i primi esperimenti pare sia emerso che i vegetali dotati di maggiore acume siano gelsomini e rose, capaci persino di elementari forme di umorismo.